Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – Renzo cjargnel, anzit veneto-giuliano

............

Jo no lei mai il Messaggjero, ma ai 28 di Març stât, tant che te ostarie o spietavi il fedâr di Lungjas par bevi un tai parie, mi è sbrissât il voli su chel gjornâl dal Venit dulà che, il nestri president Tondo, che Diu lu conservi, al mole une frase che mi lasse incantesemât: non bisogna dimenticare che accanto ai vini tipicamente friulani vi sono quelli, come per esempio il Terrano, che si identificano storicamente con la componente veneto-giuliana della nostra Regione.
Ancje il fedâr di Lungjas, rivât in chel moment, al à scjassât il cjâf. Ancje lui al sa che storicamente il Teran al jere un vin fat dapardut, tant in Venit che in Friûl, e il dizionari dal dialet venezian, scrit dal 1856, al dîs che il Teran al è Vino nostrano o nostrale, che nasce da noi. Insome, sinonim di “nostran”. A Trevîs, dal secul XIV si fevele di Vinum terranum par dî ‘vin dal puest’. A Glemone, dal 1294, pro XXIII congiis terrani ‘par 23 cuinçs di Teran’; a Udin, dal 1327, unum congium vini terani, e dal 1411, bocis IV de teran; tai Statûts di Vençon dal 1568, si lei Che ogni vicino et abitatore di Venzone mandando vino fuora di Venzone di qual sorte esser si voglia, o ver terrano o ribolla… debbano pagar il datio. E us sparagni altris 150 atestazions.
Po ben, no si po pratindi che il nestri president, che Diu lu conservi, al savedi la storie des vîts, ma ce dal osti vuelial dî che un vin al è veneto-giuliano? Tant jo che il fedâr di Lungjas o savìn che il Teran di cumò al è fat intune regjon storiche che e à non Cjars, che si cjate part in Italie e part in Slovenie e i siei produtôrs a son ducj di lenghe slovene. Il Prossec? Il Prossec al cjape il non di un paîs tal comun di Triest dulà che si fevele sloven e l’etim di Prossec al è slâf patoc. Vadì che pal nestri president, che Diu lu conservi, il veneto-giuliano al è un dialet sloven, di chei di tutelâ.
Dopo un tai di Blanc furlan, jo e il fedâr di Lungjas o vin glanzât une altre frase strambecule sul stes Messagjero. Chê dal vicepresident de Provincie di Triest Valter Godina: formalizzerò la proposta di creare il marchio “giuliano tipicamente giuliano”. Cumò cualchidun al varès di dînus dulà che e je une regjon storiche che e vedi non Giuliania, o Giulianìa. E cuâi saressino i prodots tipicamente giuliani?
La jota?
Il nestri president Renzo Tondo, che il Signôr lu tegni cont, no saial che la “jota a è cjargnela”?
Enos Costantini

L’EDITORIÂL / La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul

Zuan Marc Sartôr
Belle époque. Un student di Gurize al viaze cul tren dilunc la Südbahn (la Ferade Meridionâl, di Viene a Triest). Al torne a cjase dopo agns di studi inte universitât de capitâl imperiâl. Al à frecuentât la preseade facoltât di fisiche, là che si davuelzin lis prestigjosis lezions dal professôr Jožef Štefan, il famôs fisic […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +