Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – La fuarce dal “farc”: “Il Friûl in Italie”

............

La emigrazion come tragjiche vicende di partencis cu la pôre tal doman e l’inciertece pal avignî. Ma la emigrazion ancje come storie di afiets, leams e lidrîs, esperience di mudament, spiete e memorie. Tantis e son lis musis de emigrazion dal Friûl, un teme a fonts studiât di doi amîs di zoventût, Carlo Della Vedova e Luca Peresson, leâts di une stesse passion: chê pe machine di prese. Une passion che ju à puartâts a parturî, sielzint la forme dal “video documentari”, diviersis oparis che metudis adun a àn formât il progjet “Farcadice – Diaris di viaç”, cussì clamât par vie dal “farc”, sedi in riferiment ai furlans “che e saltin fûr come farcs di dutis lis bandis dal mont”, sedi par marcâ l’intindiment dal documentari di “farcâ” lis storis, pandilis e tirâlis fûr. I documentaris a àn cjatât ricognossiment e jutori di bande di Comuns (Trep, Tresêsin, Tarcint, Feagne) e de Comunitât Colinâr, ents locâi pardabon dongje de int, che plui di tantis altris istituzions a àn sintût la dibisugne di une opare dal gjenar. Il lavôr, che al è la risulte di oris di intervistis, di une cernete di filmâts e fotos di archivi, di montaç fat cun snait (mertorie la fase di post produzion e grafiche di Paola Zoratti), al met a fûc la diaspore furlane lant de Argjentine (1999, te citât furlane di Colonia Caroya), ae Belgjiche (2005, a Charleroi, cu lis storis dai minadôrs e il câs di Marcinelle), dal Sudafriche (2007, Umkomaas) al Canadà (2008, Toronto).
A cheste schirie si zonte cumò un gnûf episodi, che al à par sogjet “Il Friûl in Italie”, diferent di chei altris, parcè che nol è plui ambientât dome intune citât, ma al cjale a contescj diviers. Tantis lis dificoltâts di realizazion: chê narative, di cjatâ une trame tra realtâts sparniçadis (come l’Agropontino, Vignesie, la Lombardie); chê di doprâ la forme dal viaç; chê di sostance, pal dubi che la emigrazion in Italie no sedi une vere emigrazion, ma pluitost un trasferiment di lavôr. E ce che al è vignût fûr al è un documentari corâl che al messede intervistis a documents storics (dal Istituto Luce, dal archivi FIAT e de Cineteche di Glemone), là che al risalte che in ogni lûc de Italie il furlan si sint pardabon come l’emigrant tal forest e al è tratât come tâl.
Insome, une altre cerce de emigrazion furlane presentade ai 2 di Avrîl aes 6 sot sere li de sede de Comunitât Colinâr di Colorêt.
Ilarie Colùs

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +