Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – La braure dal leon di Sant Marc

............

«Parlo in italiano, ma mi accorgo sempre di pensare prima in dialetto veneto». Riscjaldaments verbâi dai politicants in viste de prossime campagne eletorâl par la Regjon Venit dal 2010? No, plui semplicementri (o miôr sorprendetementri) de atore di Trevîs Michela Cescon, intervistade de Rai regjonâl dal Venit ai 10 di Setembar li dal Lido di Vignesie, dulà che a la Mostre dal Cine e veve presentât il so film «Il compleanno» (regjie di Marco Filiberti). Dome un pâr di agns indaûr no si sarès sintude une atore che e vîf e e lavore a Rome proclamâ in maniere cussì vierte il so jessi venite. Ma di là de Livence alc al è cambiât. Al baste viodi cun ce braure che a son daûr a promovi la imagjin de lôr regjon ator pal mont (par esempli lis publicitâts cun Federica Pellegrini e altris campions olimpics par invidâ lis personis a visitâ dutis lis provinciis). Insome, il messaç al è: «Venit al è biel, al è miôr», e nol è dome un sintî leât a la terminologjie leghiste o di drete ma ancje la çampe, cumò, e sta tornant a scuvierzi trop impuartant che al è il leam teritoriâl. Tant che, probabilmentri, la prossime campagne eletorâl e viodarà ducj i partîts confrontâsi su tutele, promozion e valorizazion de proprie realtât. Cjalait il sît www.linguaveneta.it vierzût dal Consei regjonâl dal Venit: fotos di fruts cu la bandiere de Serenissime, braure venite di ogni bande, video par venit. Il simbul al è un leon di Sant Marc cun doi braçs plens di muscui, une imagjine plene di fuarce. Al baste lâ intune cualsisei citât venite par rindisi cont che sì, lôr a crodin in plen che jessi cussì, tabaiâ cussì e pensâ cussi e jê la robe plui juste dal mont. Intant, il piçul Friûl si piert vie in discussions e polemichis, su marilenghe sì e marilenghe no, su cui che al è di ca o di là da la aghe, cui che al vûl aghe e cui che al vûl vin. Trop biele che e sarès un pocje di unitât furlane impen di dîsmil cjampanilis.
Davide Francescutti

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +