Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – La braure dal leon di Sant Marc

............

«Parlo in italiano, ma mi accorgo sempre di pensare prima in dialetto veneto». Riscjaldaments verbâi dai politicants in viste de prossime campagne eletorâl par la Regjon Venit dal 2010? No, plui semplicementri (o miôr sorprendetementri) de atore di Trevîs Michela Cescon, intervistade de Rai regjonâl dal Venit ai 10 di Setembar li dal Lido di Vignesie, dulà che a la Mostre dal Cine e veve presentât il so film «Il compleanno» (regjie di Marco Filiberti). Dome un pâr di agns indaûr no si sarès sintude une atore che e vîf e e lavore a Rome proclamâ in maniere cussì vierte il so jessi venite. Ma di là de Livence alc al è cambiât. Al baste viodi cun ce braure che a son daûr a promovi la imagjin de lôr regjon ator pal mont (par esempli lis publicitâts cun Federica Pellegrini e altris campions olimpics par invidâ lis personis a visitâ dutis lis provinciis). Insome, il messaç al è: «Venit al è biel, al è miôr», e nol è dome un sintî leât a la terminologjie leghiste o di drete ma ancje la çampe, cumò, e sta tornant a scuvierzi trop impuartant che al è il leam teritoriâl. Tant che, probabilmentri, la prossime campagne eletorâl e viodarà ducj i partîts confrontâsi su tutele, promozion e valorizazion de proprie realtât. Cjalait il sît www.linguaveneta.it vierzût dal Consei regjonâl dal Venit: fotos di fruts cu la bandiere de Serenissime, braure venite di ogni bande, video par venit. Il simbul al è un leon di Sant Marc cun doi braçs plens di muscui, une imagjine plene di fuarce. Al baste lâ intune cualsisei citât venite par rindisi cont che sì, lôr a crodin in plen che jessi cussì, tabaiâ cussì e pensâ cussi e jê la robe plui juste dal mont. Intant, il piçul Friûl si piert vie in discussions e polemichis, su marilenghe sì e marilenghe no, su cui che al è di ca o di là da la aghe, cui che al vûl aghe e cui che al vûl vin. Trop biele che e sarès un pocje di unitât furlane impen di dîsmil cjampanilis.
Davide Francescutti

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +