Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT. Crosere come incuintri

............

Scuvierzi il leam tra la evoluzion des lenghis e lis migrazions dai popui, cjalant a ce che al è sucedût e al sta sucedint in chel grant laboratori culturâl che al è il bacin dal Mediterani, passant dai prestits linguistics tai paîs di lenghe arabe a Pierpaolo Pasolini.
Un viaç une vore speciâl chel che al è stât inmaneât di “Croseris Babelichis”, la rassegne pe promozion dal plurilinguisim puartade indenant de Regjon Friûl-Vignesie Julie e dal Comun di Sant Denêl, insieme ae Associazion “Elisa Mertens”, che e à sierât in Otubar la sô seconde edizion.
UN VIAÇ FIS DI APONTAMENTS_ Un program siôr di ideis e di apontaments, metût adun di Anita Bressan e di Alessandra Kersevan, presidente de associazion.
Dividût in doi tocs – “Spietant Croseris” e “Croseris Babelichis” – al à ufiert un mosaic di ocasions par aprofondî la cognossince de storie des lenghis, des contaminazions jenfri la proprie e chê dai popui dai paîs dongje, des dificoltâts e dai vantaçs che i  migrants a cjatin tal imparâ un gnûf idiome, e des plui resintis ricercjis leadis al cjamp de traduzion.
La idee e je che lis migrazions no àn dome une dimension economiche e sociâl, ma si manifestin soredut inte forme di contats jenfri culturis e lengaçs. In sumis, dutis lis lenghis di cumò a son il risultât des migrazions e dai incuintris di popui tal cors de storie.
LIS LENGHIS SI INCROSIN_ “Croseris” – tes stazions ‘ideâls’ dal so viaç – si è fermât ancje su cemût che lis problematichis linguistichis dai imigrâts si zontin intun teritori come chel de regjon Friûl Vignesie Julie, dulà che a vivin insiemit za diviersis lenghis, e duncje sul rapuart che al è tra lis lenghis di minorance storichis e lis lenghis des gnovis minorancis.
Ve alore la rievocazion de situazion storiche dal 1499 da “I Turcs tal Friûl”, drame intun at scrit tal furlan di Cjasarse di Pierpaolo Pasolini tal Mai dal ’44, che al memoree il timp che in Friûl e je stade la incursion turche. Ma la atenzion si è fermade ancje su lis “Peraulis dal mont”, dulà che zovins furlans che a rivin di diviersis bandis dal mont, direts di Paolo Patui, a recitin tocs intes lôr lenghis di origjin e in chê di rivade, lant a riprodusi une Babêl che si misture e si confont cu lis atmosferis miscliçadis creadis des improvisazions musicâls di Alessio Velliscig e Giovanni Bresil.
INCUINTRIS LETERARIS_ La teorie e la pratiche de traduzion al di là dai confins ocidentâi – dulà che a metin a confront in maniere no mediade e costrutive, il pont di viste dal Ocident cun chel dai studiôs che si identifichin cuntune alteritât costruide dal stes Ocident – e je stade la ricercje presentade di Rosa Maria Bollettieri e di Elena Di Giovanni.
Il rûl dai viaçs e dai scambis intes contaminazions linguistichis in etât greghe, romane e langobarde, al è stât let di Renato Iacumin e di Maurizio Puntin intun incuintri dedicât ae storie dal disvilup dai rapuarts tra lis lenghis dal bacin dal Mediterani, par cognossi il rûl e il valôr des testemoneancis epigrafichis de coinè greghe inte Aquilee antighe, e la impuartance dai rapuarts filologjics intiessûts tra la lenghe langobarde e chês feveladis tal Friûl de epoche. Indagât ancje il disvilup di une lenghe franche, cui efiets dai flus des migrazions su la comunicazion.
Une suaze di propuestis che judin a resonâ sore i ategjaments e a risolvi problematichis dispès fatis sù su la fonde di prejudizis e de pocje cognossince des realtâts.
Sonia Sicco

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +