Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT – Cognossi par sdrumâ prejudizis e fâ sù un Friûl «mondiâl»

Marco Stolfo

Un Friûl, o almancul doi_ Il Friûl al è stât par un grum di timp une tiere di grande emigrazion e chel di jessi «libars di scugnî lâ» al è stât il destin di tancj di lôr. Cun di fat, no je famee furlane, ancjemò in dì di vuê, che no vedi parincj che a son a stâ inaltrò e al sucêt avonde dispès, se si va ator, di cjatâ personis di divignince furlane, emigrâts in timps plui o mancul resints o ben fîs o dissendents di emigrants. Si pues dî che dongje dal Friûl che al è in Friûl al esist (almancul…) un altri Friûl, che si cjate sparniçât pal mont. Dongje di sù par jù un milion di lôr che a son a stâ in Friûl e a son uns 4 milions di personis di divignince furlane che a vivin fûr de Patrie.
Une strategjie in sîs peraulis_ Disvilupâ e rinfuartî lis relazions jenfri il Friûl in Friûl e il Friûl pal mont al è ben e al conven, sedi pal Friûl in Patrie che pai furlans pal mont. Ma par fâlu e covente une strategjie articolade, che la sô struture e pues vignî strucade cun sîs peraulis: cognossince, ricognossiment, ricognossince, identitât, rêt, avignî. In cheste suaze e je centrâl la funzion de comunicazion par meti dongje informazions e documentazion, par tignî dongje personis e teritoris. La cognossince ancjemò limitade di ce che e je stade la emigrazion furlane, di cuale che e je la situazion dai furlans pal mont e dai lôr dissendents, di ce che e je la gnove emigrazion, di ce che al è il Friûl e di ce che al è il Friûl in dì di vuê e je l’ostacul principâl pe incressite des relazions daûr di une strategjie e intune prospetive che a son fondadis, condividudis e zovevulis.
Cognossince par lâ oltri dai stereotips e dai prejudizis_ Cussì al sucêt che chestis busis di cognossince a vegnin jempladis di stereotips e retoriche. Un esempli al è chel dal mît dal emigrant «cu la valîs di carton», che al à par sigûr une valence positive stant che si lee a un element concret e al devente il simbul de puaretât di partence, de voie di lavorâ, dal snait di cui che al partìs «ae concuiste dal mont». In chest câs, però, al è il pericul di dâi ancje une conotazion negative, se si fâs un confront cu «la valîs eletroniche» dai gnûfs emigrants di cumò, si marche in chest câs la professionalitât specifiche di «businessmen» e inteletuâi dal dì di vuê e si dismentee il savê fâ, il mistîr, di muradôrs, operaris, contadins, fornasîrs, mosaiciscj o pichepieris des gjenerazions passadis. Al è ancje un altri pont. Pal plui cui che al è pal mont i ten ancjemò di plui al Friûl di cui che al vîf chenti, ma al riscje di no cjatâsi tal Friûl di vuê, che al è diviers di chel, considerât chel «vêr», che al à vût lassât agnorums prin o che i àn contât i siei gjenitôrs o i siei vons. La «delusion dai emigrants» e ven fûr ancje dal ategjament frêt e distacât pandût di tancj furlans dal Friûl viers di chei che a tornin (o che a rivin), plens di voie di Friûl e di furlan.
Ni sintimentaliscj, ni massepassûts_ Di une bande, chei a a vegnin calcolâts dome tant che biâts sintimentaliscj, cence ricuardâ che a son une «risorse» no par vie che magari a vuelin comprâ dut ce che al sa di furlan, ma ben pe lôr esperience di personis che a vivin tal mont e a cognossin il mont. Di in chê altre, pai furlans pal mont la plui part di chei che a son in Friûl a saressin dome massepassûts, cence cussience, «nancje plui furlans».
De cognossince al ricognossiment: identitât in rêt pal avignî_ Cognossi e duncje cognossisi a deventin la fonde par ricognossisi tant che parts diviersis di une comunitât unitarie e pe ricognossince dal contribût che cui che al è lât pal mont al à vût dât al disvilup economic e sociâl dal Friûl in Friûl. Cognossince e relazions a fasin cressi une identitât fuarte e dinamiche, che e je fonde di altris relazions daûr di une logjiche plurâl, di rêt, e duncje inte prospetive di un avignî dulà che il Friûl, cun cussience, al è une part dal mont e si cjate pal mont a cjase sô.
Marco Stolfo

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +