Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Artesans devant de crisi, problemis e sperancis: interviste al president di Confartigianato Tilatti

............

Se si ves di cjalâ dome in numars te lôr scletece e essenzialitât, i motîfs di marum a saressin subit clârs pai artesans: dome in provincie di Udin il 2014 si è sierât cuntune piçule, piçule riprese sul 2013 in cont di  aziendis che si son iscritis, ma tal paragon cul 2007 – l’an prin de manifestazion de grande crisi – si è sot ancjemò dal 25%.
Un maçalizi. Dut câs il president regjonâl de Confartigianato, Graziano Tilatti, al pant in prin la sô carateristiche di imprenditôr e duncje di persone usade – par nature e pratiche – a viodi i segnâi gnûfs e chei che a àn pussibilitât di puartâ un pôc plui lontan.
Al è in cheste suaze che Tilatti al met la atenzion su numars che, si ben piçui in se, a podaressin segnâ alc di gnûf, di diferent, di teren che si sta scomençant a movi daspò tant imobilisim.
Jenfri chescj, il fat che tra lis 901 iscrizions al regjistri des impresis in provincie di Udin tal an passât, 799, ven a stâi il 89%, al è di “start up” artesanis, tant a dî gnûf inviaments. “Al è un aspiet che mi fâs cjalâ cun cualchi otimisim al doman prossim – al considere Tilatti -, par vie che al vûl dî che la int e à voie di reagjî, di scometi e che la voie di fâ imprese in regjon no je muarte”.
Un altri numar significatîf al è chel che al rivuarde la localizazion des aziendis. Al pararà di strani ma, “a sorprese” ancje pe Confartigianato, il rapuart tra inviaments e cancelazions al è positîf in mont: tal Cjanâl dal Fier-Valcjanâl (+5) e in Cjargne (+2). Un procès che il president Tilatti al interprete come “une volontât di ridâ sprint al teritori, a scomençâ di dulà che si vîf. Se e cres la mont – al zonte – no podìn che jessi contents, par vie che cussì si sbasse ancje la pression de domande di lavôr di chês altris bandis. Cui timps che a corin, al è cualchidun che al dîs: cence lâ a cirî tant ator, che po no si cjate nuie, provìn a viodi se o rivìn a meti in moto alc achì che o sin. Un pinsîr dal dut positîf”.
Al è po un altri lusorut che si è impiât in tal 2014, simpri stant ai numars pandûts ae fin dal an artesans de provincie. Tra lis gnovis impresis a incressis lis societâts di capitâl, intant che a son in diminuzion lis societâts di personis e chês individuâls. “Bon segn ancje chest – al va indevant Tilatti -, par vie che al pant une mentalitât imprenditoriâl madure. Al vûl dî che lis impresis che a nassin a àn bielzà idee di jessi struturadis fintremai sul imprin de corse, par vê plui fuarce tal lâ indevant”.
In gjenerâl lis gnovis ativitâts si son butadis di plui sui servizis aes impresis, ven a stâi servizis informatics, professionâi, e tai mistîrs peâts ae economie verde, come che e ven clamade chê che e strace pocje energjie e e ten cont dal ambient.
Dut ben, inalore?. “Magari – al rispuint Tilatti -. Cumò al è propit rivât il moment di verificâ se in regjon o sin e o vin une classe dirigjente di nivel. Tocje fâ in mût che si invistissi su la manifature di alte cualitât, ven a stâi chê che e rive a espuartâ, e bisugne invistî te edilizie, che al è un marcjât che al da il sburt a tancj altri setôrs. Bisugne agjî, che se no a tachin a murî ancje lis impresis sanis”. ❚
Antonella Lanfrit

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +