Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

I “Autostoppisti Del Magico Sentiero” intun album ereditât di Pier Paolo Pasolini

Moira Pezzetta

Al è jessût ai 22 di Zenâr Pasolini e la Peste, il secont album dai Autostoppisti del Magico Sentiero. Une opare coletive cun tancj artiscj de sene furlane, intun viaç tal timp, acustic e musicâl, che al travierse i lûcs dulà che il plui grant inteletuâl talian dal Nûfcent al à lassât lis sôs olmis.
◆ Chest album al è fi dai Autostoppisti del Magico Sentiero, un progjet nassût de creativitât enorme di Fabrizio Citossi, che za o cognossìn tant che ideadôr dal grup Rive no Tocje (Patrie dal Friûl “Lis conseguencis dal deliri”, Novembar dal 2016).
◆ Dopo il prin concept album jessût ai 24 di Avrîl dal 2020, cul titul Sovrapposizione di antropologia e zootecnia, dulà che la musiche ipnotiche dal jazz-blues insiemi cu la vôs di Angelo Floramo nus fasin imerzi intun viaç apocalitic, si continue cuntun viaç naratîf e musicâl te Basse furlane.
◆ Chest colp no je la vôs dal mestri Floramo a acompagnâ il disc, ma insiemi cun chê di altris artiscj furlans a son propit lis regjistrazions audio dal grant scritôr.
◆ Pasolini e la Peste al è un esperiment ben vignût di sintesi tra la poetiche pasoliniane, declamazions e regjistrazions audio di archivi, rangjaments disarmonics e melodiis sioris di folk jazz sperimentâl al limit de cacofonie, che a van a creâ un collage di suns, magmatic e disomogjeni, di grant impat sonôr e semantic.
◆ Dut l’album al è un viaç improvisât, un percors ingredeât e destruturât, une cuintri mape sonore che e à l’obietîf di fâ provâ sot la piel al scoltadôr la ereditât lassade di un autôr sconfinât tant che Pasolini.
◆ L’album al tache cu la vôs che e recite “Qui Casa Cadorna Doberdò. Un passo più in là dove si può stare anche meglio. Per dire che l’Italia sta marcendo” e cul prin toc di siet, Carne macinata abbandonata in un parcheggio, nus puarte ae zornade de muart di Pier Paolo Pasolini. Un fat di croniche che al siere ancje l’album cun Blues dell’idroscalo e la declamazion “L’Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo.”
◆ Il miscliçâsi tra la vôs origjinâl dal poete, i viers a lui dedicâts, lis citazions nostalgjichis, e la libere improvisazion che cualchi volte e risulte in rumôr, altris in cjacareçs di ostarie furlane, al sublime la essence de vôs profetiche di Pasolini. Un artist che al faseve dal pinsîr inteletualmentri onest la sô bandiere ideologjiche e che al combateve il svilup cence  progrès, la omologazion culturâl e la tiranie dai mieçs di comunicazion di masse.
◆ Il Pasolini des poesiis dialetâls, dai valôrs ancestrâi, de lote al conformisim sfrenât, de prevalence dai dubis su lis ciertecis, al varès dal sigûr preseade cheste dediche, cheste espression de sô ereditât, che a rindin l’album une opare globâl.
◆ La vicinance ai lûcs di nassite dal poete di Cjasarse, e rapresente pal grup une sorte di viaç indaûr tal timp, cirint di capî ce che di chescj lûcs, in aparence serens, al puedi ve influençât il pinsîr di Pasolini.
◆ Il grup dai Autostoppisti del Magico Sentiero (i musiciscj de Basse furlane: Fabrizio Citossi, Federico Sbaiz, Giancarlo Schiaffini,  Marco Tomasin, Giovanni Maier, Martin O’Loughlin, Annamaria Conti e Franco Polentarutti) insiemi cun artiscj tant che Francesco Bearzatti, Bruno Romani, Giorgio Pacorig, Massimo De Mattia, Teo Ho, Giovanni Fierro, Patrizia Dughero, Valentina Mariani, Roberto Ferrari e tancj altris, a rivin a puartâ insom une operazion complesse. A cjatin lis sonoritâts plui adatis e i timps e intervai plui juscj par meti insiemi il fevelât e il recitât de peraule pasoliniane. Cun chest sintiment a componin un album che al dismôf tai scoltadôrs la necessitât fisiologjiche di tornâ a lei i scrits di Pasolini e di cjapâ in man la veretât di fâ cuintri ae distruzion, ae coruzion dal presint.
◆ Fabrizio Citossi al conte «Noaltris no vin fat altri che un lavôr di taie e cûs cun chê che o crodìn che e sedi la nestre coerence politiche e spirituâl. Pasolini, in chest câs al devente  sostance licuide, ben uçade.»
◆ Pasolini e la Peste al è publicât di New Model Label e si pues comprâ in digjitâl su Bandcamp e su altris negozis in rêt. Stait daûr ai artiscj dai Autostoppisti par scuvierzi cuant che a sunaran dal vîf. ❚

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +