Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Doro Gjat al cjante des prospetivis fûr dai barcons di cjase, di ducj i cuatri i cjantons de Tiere, ae COP26

Moira Pezzetta
Doro Gjat

“Da casa mia, qui lungo il confine / sotto il cielo di nord est tagliato dalle scie chimiche / nuvole bianche di combustibile / mentre il mondo gira e si avvolge in orbite ellittiche”
◆ Ancje il rapper furlan Doro Gjat al a partecipât ae conference des Nazions Unidis sui cambiaments climatics di Glasgow. Te serade de UN Global Climate Action Award Ceremony, dai 10 di Novembar, Müller e Makaroff dai Gotan Project si son esibîts in direte sul canâl dal ONU e a àn fat viodi il video de cjançon di Doro Gjat “Da casa mia”:
https://www.youtube.com/watch?v=SV4xkvo3y28
◆ “Da Casa Mia”, al è il toc che Luca Dorotea, in art Doro Gjat, al à scrit e publicât ai 15 di Zenâr dal 2021.
«Dut al à scomençât cuant che Christoph H. Müller e Eduardo Makaroff, che ancje lôr a sunavin al “No Borders Music Festival 2019”, mi àn scrit une mail e mi àn domandât di cjatâsi. Jo mi impensavi di lôr e dal lôr non, parcè che tai agns ’90 a jerin un dai riferiments musicâi de sene eletroniche europeane.
Si sin cjatâts a Tarvis, e tra une bire e un te cjalt o vin fevelât di musiche, clime e teritori. Ae fin, mi àn dit che a son restâts tant maraveâts des cjançons che o vevi publicât e che a volevin colaborâ cun me.
Cualchi setemane dopo o jeri insiemi al gno ghitarist Luca Moreale, e dopo pôc o vin tacât a scrivi il toc, tacant dal ritornel, che di subit nus à plasût.»
“Dalla finestra vedo il cambiamento in corso / vedo la mia terra farsi scura in volto / le chiedo come stai / non mi risponde mai / mentre il sole cala e chiude gli occhi al giorno”
«I barcons, a son chei che denant dai lôr veris o vin passât grant part dal nestri timp tai ultins 16 mês. O vin ducj cjalât il mont ralentâ, fin che si è cuasi fermât, par daspò tornâ a metisi in moviment, e po fermâsi di gnûf. O vin cjalât lis stagjons cambiâ in sincronie cui colôrs dal bosc. O vin viodût il cîl slusî di blu cuasi artificiâl, e daspò intenzisi di grîs e fâ colâ lagrimis di nêf.»
◆ “Da casa mia”, al fâs part dal progjet “Antropoceno” e al conte dai efiets dai cambiaments climatics, viodûts dal barcon di cjase.
In particolâr, al conte ancje di cemût che la tampieste Vaia de fin di Otubar dal 2018 e vedi stravuelzût il paisaç e i boscs dal Friûl de Alte.
◆ Doro Gjat al fevele dal cambiament climatic, contant la sô esperience personâl: «O soi nassût e cressût tra lis monts de Cjargne e tai miei 38 agns di vite o ai vût mût di sperimentâ in prime persone une schirie di cambiaments avonde radicâi dal compuartament dal clime tes mês vals.»
◆ Cheste cjançon e rapresente pal artist une version riviodude di ce che, za plui di trê agns indaûr, al voleve contânus cul so secont disc “Orizzonti verticali”, jessût ai 20 di Avrîl dal 2018.
Dopo l’album “Vai Fradi” dal 2015 (La Patrie e à scrit di lui tal numar di Zenâr-Fevrâr dal 2016: https://www.lapatriedalfriul.org/?p=16210), Doro al à lavorât a diviersis cjançons. O ’nt ricuardìn cualchidune: “Zenit”, dulà che nus puarte sul Mataiûr; “Aprile”, zirât tai boscs de Cjargne e jessût par anunziâ la publicazion dal so secont album; “Blu” come lis prospetivis che nus da la mont, dulà che il blu al è il cîl, e la voglade e je indreçade insù par evadi de realtât; e infin “Fuoristagione”, un singul che al fevele juste ben des stagjons e dal cambiament climatic. Parcè che, come che al dîs Doro «al è un argoment che o vin di tabaiâ e di confrontâsi.»
◆ Cun simpri plui decision, il cjantautôr furlan si fas puartevôs di cui che al vîf lontan des citâts, a ribati che la musiche no à confins e che cun jê o podìn fâ cognossi lis realtâts locâls, esprimisi e fevelâ ancje di chei argoments che plui di ducj nus àn di svicinâ e di fânus agjîi tant che comunitât. Al prin puest, il cambiament climatic.
◆ Par fâ sintî il vuestri calôr a Doro Gjat e par savê di plui sui prossims progjets e concierts, stait daûr sui social e sul so sît: https://www.facebook.com/dorogjat/ http://www.dorogjat.com/ ❚

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +