Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ART-Â. I agnui a son vignûts jù a Dieç

............

I agnui rafinâts che a stan dongje ae Madone cul frut dal Botticelli de colezion Princip Orsini di Florence, tumiâts scuasi a preludi la Passion che al spiete il piçul Jesù; l’agnul che al ven jù dal alt a stratignî, vigorôs, il braç di Abram, che al sta par sacrificâ Isac, tal vueli di Orazio Gentileschi, conservât te Galarie nazionâl di palaç Spinola a Gjenue; e ancjemò, la cjalade dai trê agnui che si mostrin a Abram te tele dal Tiepolo de Scuele Grande di Sant Roc a Vignesie e chei in adorazion piturâts di Ridolfo del Ghirlandaio te taule des Galariis de Academie di Florence, o ancjemò chei piturâts di Veronese biel che a tegnin sù il Crist muart e che a rivin de Gemäldegalerie di Berlin. E je dome cualchidune des voris mestris che si puedin amirâ te Cjase des esposizions di Dieç, ancjemò une volte protagonist e scrign di un event di puartade internazionâl: la mostre «Agnui. Musis dal invisibil», par cure di Alessio Geretti. Lis à tiradis dongje il Comitât di Sant Florean, espression de piçule, ma vivarose, comunitât cristiane di Dieç e di chê dal Friûl, e che al cjape dentri un centenâr di studiôs talians e europeans.
Setante oparis in dut, de Ete di Mieç al Sietcent, che a rivin dai museus europeans plui prestigjôs. Pituris su taule di len, telis, sculturis, altârs e oresinarie, che a fevelin dai sogjets dal sigûr plui piturâts des arts – i agnui, i messazîrs di Diu, che a vierzin passaçs tra cîl e tiere – viodûts di grancj mestris, tant che Lippi, Savoldo, Bernini e Rubens.
Cun cheste esposizion si è volût documentâ i agnui ricuardâts in maniere clare tes Scrituris Sacris, in plui episodis de storie de salvece, par completâ po il cuadri cuntune voglade su lis carateristichis propriis di ogni schirie angjeliche e cul studi di câs particolârs e mancul cognossûts di cult e iconografie, tant che il cult dai siet arcagnui.
La mostre si podarà visitâ fin ai 3 di Otubar, des 10 di matine a 7 di sere, la domenie des 9 e mieze di matine aes 7 e mieze di sere, fale che il lunis. Informazions e prenotazions ai numars 0433.44445/2045 o sul sît www.illegio.it
Erika Adami

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +