Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ART-Â. Art tal bosc. Un confront tal rispiet dal ambient

............

Intun moment li che i contribûts publics a son simpri di mancul, massime a pro de culture, a son ancjemò plui di preseâ lis iniziativis che a cirin di stâ in pîts di bessolis. Magari poiantsi sul jutori di sponsor privâts. Al è tant che al sucêt par “Art in farc #2”, mostre di instalazions artistichis tal bosc dal plan de Farcadizze, in comun di Faedis. Une manifestazion puartade indevant in gracie dal entusiasim di cui che i lavore e di cui che i da acet cu la uniche finalitât di creâ, in zonis dispès tignudis tant che margjinâls, stimui culturâi gnûfs, di vierzisi al difûr cun propuestis di cualitât, fûr dai schemis, li che il confront uman al è fondamentâl tant che il rispiet dal ambient. Cussì ancje chest an, dilunc dal troi che al travierse la aziende agrituristiche Zaro, un grup di artiscj al à cjapât possès de galarie tal viert che al è il bosc dal plan de Farcadizze.
Sfidant la nature, che chi e mostre ce che e je buine di fâ, i artiscj – scuasi ducj furlans e di formazion une vore diferente un di chel altri – a son intervignûts intun «spazi di vore no tradizionâl, cetant caraterizât cu la sô nature vivarose, che al à fat vignî fûr visions e poetichis origjinâls», al marche il curadôr Luca Zaro, in mostre ancje cuntune sô opare. I artiscj si son confrontâts cul ambient, cui crets, i ramaçs, il muscli. Ognidun lu à fat a mût so. Cussì, sul plan de Farcadizze, pierutis coloradis a zuin cul aiar, un grop di stecs al ven fûr di une valîs e vuiscjis di noglâr a fasin une barcje suspindude parsore dal foran. La plui part dai artiscj si è lassade striâ dal paisaç, che al à instradât la sô creativitât. Cence sfuarçaduris. E à doprât materiâi naturâi, ma ancje plastiche e fîl di fier. Simpri rispietant l’ambient e vint a ments la storie e lis tradizions culturâls dal lûc, flabis e contis. Al è il câs di Zaro, che si è ispirât, pal so lavôr, ae leiende dal skrat, un guriut des grotis. Il lûc, duncje, tant che “poç di ispirazion”, in gracie di un patrimoni siôr di tradizions e mîts e di un paisaç pardabon sugjestîf.
Erika Adami

L’EDITORIÂL / La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul

Zuan Marc Sartôr
Belle époque. Un student di Gurize al viaze cul tren dilunc la Südbahn (la Ferade Meridionâl, di Viene a Triest). Al torne a cjase dopo agns di studi inte universitât de capitâl imperiâl. Al à frecuentât la preseade facoltât di fisiche, là che si davuelzin lis prestigjosis lezions dal professôr Jožef Štefan, il famôs fisic […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +