Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Alessandro Orologio: orloiâr, musicist e compositôr furlan ator pes corts de Europe

Alessio Screm
Alessandro Orologio

A son 390 agns che al è muart l’orloiâr, trombetist e compositôr di Dograve di San Zorç de Richinvelde Alessandro Orologio, “Alexander Horologius” apont, fi di mestris costrutôrs e assegnâts ae manutenzion di orlois a Udin. I siei parincj, come il pari Pelegrin e il probarbe Jacum, a vevin lavorât par esempli ae costruzion dal orloi de glesie di Sante Luzie, e a vevin comedât e fate la manutenzion di chel di place Contarene, la Place Libertât dal dì di vuê. Inmò sore, a jerin responsabii ancje dal armamentari. Insome, chest fi di faris e orloiârs – nassût a Dograve ai 14 di Zenâr dal 1551, e che al jere ancje sunadôr di trombe e di struments a flâts, ma ancje a cuarde e cjantôr – al veve domandât di jentrâ te compagnie strumentâl udinese, che si ocupave soredut des musichis pes ricorencis civîls ma ancje di cualchidune religjose come intes processions, e li al jere stât cjapât sù ai 18 di Mai dal 1573. Muart il pari, al cjaparà sot de sô responsabilitât ancje i lavôrs pe cure dai orlois e dal armamentari.
◆ Plui o mancul cinc agns dopo, ai 6 di Avrîl dal 1578, al da lis dimissions e al partìs, insiemi cun altris musiciscj de compagnie udinese, par Praghe, par prestâ servizi tant che sunadôr te capele musicâl dal imperadôr Ridolf II. Di chi un lunc torzeonâ fûr pe Europe al servizi di chel e di chel altri regnant, musicist preseât e ancje compositôr, tant che ogni so spostament al jere anticipât o seguît di dedichis ai sorestants, forsit cu la intenzion di fâ biele figure e di sigurâsi un bon puest. Cussì al va a Dresde come sunadôr di cuar, al figure ancje al servizi dal mecenat polac Pietro Myszkowski, tal 1594-95 al è al servizi dal langravi Moritz von Hessen a Kassel, pôc plui inlà al è a Brunswick-Wolfenbüttel, aes dipendencis dal duche Heinrich Julius, e tal 1603 al torne a Praghe, nomenât vice mestri di capele di Ridolf II. Tal 1613 a son dôs lis novitâts impuartantis par lui: une e je vê otignût il titul nobiliâr, e chê altre il fat che al va in pension, podint svantâ il titul par simpri di musicist di sô maestât imperiâl.
◆ Al continue a viazâ che al è un plasê: Dresde, Praghe, Steyr in Alte Austrie, al è fintremai tal munistîr benedetin di Garsten, fin che si ferme in maniere definitive a Viene tal 1622.
◆ Un fastidi che lu ten in preocupazion pal rest dai siei dîs al è il fat che al spiete – e al insist par otignî, ma al rive a tirâ dongje ben pôc – che i sedi paiade buine part de pension, e ancje plui di cualchidun dai siei servizis fats pe cort di Praghe. Nuie ce fâ: nol rivarà a tirâ fûr trop di ce che i à di dâ l’imperadôr. Nol murarà puar, ma nancje siôr e, fat testament tal Fevrâr dal 1633 – a firmâlu al sarà ancje il musicist e compositôr Gian Giacomo Arrigoni di San Vît dal Tiliment, che al jere in chê volte organist te cort di Ferdinant II – al mûr sul finî di Otubar dal stes an. Tant che compositôr si lu presee pe sô vene compositive sclete, autôr di musiche sedi sacre che profane, come lis cjançonetis a trê vôs, i madrigâi a cuatri, cinc e sîs vôs, lis jentradis, un Magnificat, un Miserere e une opare rivade a tocs, o ben i “Cantica Sion” a vot vôs. ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +