Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

AI 32 DI MAI. Pluitost che nissune leç al è miôr pluitost

............

Il pan di îr doprât tal lat tant che gulizion, gjachetis scurtadis o slungjadis cemût che si pues, mobii che di vecjos a deventin «modernariât»: cuant che si fevele di sparagnâ, i furlans a son simpri i prins de classe. Cussì ancje tal fevelâ: «mandi» al vâl par bundì, buine sere, a riviodisi e buine gnot, e tes cjacaris, nome un pes al sparagne plui peraulis di un furlan. In sumis: sparagnins come che a son i furlans a no ‘nd è, tes robis di mangjâ e di doprâ, come pûr te lenghe.
Par chel, mi à simpri maraveât che la marilenghe e vedi trê proverbis difarents par dî une robe sole. Vêso mai fat câs? «Alc al è alc e nuie al è nuie», «pluitost che nuie al è miôr pluitost», «miôr pan cence nuie che nuie cence pan».
Un plui biel di chel altri: ancje jo ju dopri ducj i trê (un par volte, sigûr, che se no al devente un straçâ peraulis), parcè che no sai sielzi cuâl che mi samee plui just. Ma il dubi al reste: parcè mai, po, i furlans si sono metûts a butâ vie fuarcis par cjatâ fûr un proverbi che al esisteve bielzà? E dôs voltis, cun di plui! E dopo che o ai rifletût un pôc, o âi cjatade la rispueste ai miei dubis: la uniche robe li che un furlan nol sparagne mai, a son i conseis su cemût sparagnâ. E «alc al è alc e nuie al è nuie» al è il prin e il plui impuartant consei che si puedi dâ a un che al vûl jessi furlan fin insom, parcè che i furlans a san simpri contentâsi di ce che a àn, e a tirin indevant distès.
Lis tassis ti àn puartât vie metât stipendi? Alc al è alc e nuie al è nuie: pense se tal puartavin vie dut!
Sêstu stât masse a lavorâ, e tu sês vignût fûr di vore che lis buteghis a jerin bielzà sieradis? Ti ise restât nome un toc di pan vecjo in cjase par cene? Come che al dîs il proverbi, testualmentri, miôr pan cence nuie che nuie cence pan. Il furlan nol pense mai che e sarès podude lâ miôr, ma al sta content che no je lade piês.
E cussì, cumò che di chês leçs che a vevin di difindi il furlan al è restât pôc plui di un «pluitost», o soi sigure che la lenghe furlane e fasarà come il so popul e e tirarà indevant distès, doprant chel pôc che e à cence butâsi jù, che e podeve simpri lâ piês (par esempli, se un disastri naturâl al ves copât ducj chei che a son bogns di fevelâle). In fonts, cun chê spice che o vin di meti vie e di tignî dûr, vûstu che no rivìni a tignî cont propit di noaltris?
BETE DI SPERE

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +