Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SPECIÂL – I prins dîs agn de leç 482/99: un inovâl avonde misar

............

Fevelâ di politiche linguistiche nol è mai facil. L’argoment al urte lis sensibilitâts de int une vore di plui di cetancj altris che, invezit, a son une vore plui spinôs. L’aspiet che plui al infastidìs al è chel dai finanziaments: al da fastidi a chei che a pensin che la tutele des lenghis minoritariis e sei une straçarie di timp e di risorsis, parcè che i bêçs a samein simpri masse; e al da fastidi a chei che invezit i tegnin ai lôr dirits linguistics, parcè che i bêçs stanziâts a son pardabon masse pôcs.
Se si va indevant su la strade che zaromai di cualchi àn si è inviade, i prins a podaran cuietâsi: i contribûts a calin simpri plui, rindint l’impat dai progjets di politiche linguistiche compagn a zero. Se si analize trop che il stât talian al à stanziât pai articui 9 e 15 de leç 482/99, chei che a finanziin i progjets di ûs des lenghis di minorance te publiche aministrazion, si viôt une diminuzion costante e simpri plui consistente.
Il finanziament al è stât fin dal principi masse bas, ma chest an al è pari a un tierç di chel dal an passât: la nestre regjon e varà di contentâsi di pôc plui di 450 mil euros, une cifre che no permet di meti in pîts nissun progjet seri.
Il tai al à cjapât dentri dutis lis minorancis, e alore o vin pensât di sintî lis opinions dai rapresentants di altris regjons par capî ce che e pensin di cheste situazion, e cuâl risultât che al varà chest tai te lôr realtât.
Par Diego Corraine, diretôr dal Ufizi pe lenghe sarde de provincie de Ogliastra, il tai di fonts al puartarà in maniere inevitabile a un bloc de politiche linguistiche. No si à la fuarce di abrogâ la leç ma, in pratiche, si le rint inutile e ineficace. Cun di plui, dongje dai tais, al è il risi continui che a sein inseridis gnovis minorancis, flapint ancjemò di plui il concet di minorance linguistiche. Cressi il numar di minorancis ricognossudis par leç sbassant il finanziament pe lôr tutele nol pues che jessi un dam par ducj. Corraine però al lamente ancje la mancjance di une politiche linguistiche gjenerâl, serie, di un control su cemût che i bêçs a vegnis spindûts e sul impat dai progjets metûts in vore.
Il tai dai finanziaments al preocupe ancje Marco Viola, diretôr dal Servizi pe promozion des minorancis linguistichis de Provincie di Trent, ancje se la lôr situazion e je cetant difarente, dal moment che la plui part dai progjets e ven finanziade cun fonts regjonâi e provinciâi. La leç 482 e je stade un impuartant ricognossiment dai dirits linguistics, ma par Viola no si pues fâ afidament dome sul finanziament statâl. Par che la politiche linguistiche e ledi indevant al crôt che al sei fondamentâl l’interessament des aministrazions locâls, cundut che il stât al à sì di garantî i dirits linguistics, robe che pal moment nol fâs.
Par Domenico Morelli, president dal Confemili, il tai continui dai finanziaments al rint di fat la leç letare muarte, e al impedìs aes comunitât di minorance di esercitâ i lôr dirits linguistics. Dut il lavôr fat in chescj agns, soredut cui sportei linguistics, al riscje di lâ in nuie. La situazion e sarà grivie ancje te scuele, soredut cu la gnove riforme che e previôt di sierâ lis scuelis plui piçulis, dulà che par solit al è plui facil meti in vore progjets didatics tes lenghis minoritariis. Par Morelli però il probleme plui grâf al è che a mancjin i referents politics: nol è interès di bande dai parlamentârs pe tutele des minorancis, no si rive a instaurâ un dialic, partant lui nol viôt mioraments.
Insome, un decenâl pardabon misar par une leç rivade cun passe cincuante agns di ritart rispiet a Costituzion de Republiche taliane.
Federica Angeli

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +