Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

AI 32 DI MAI. Made in Friûl: il design par int che e lavore

............

Nissune maravee che e sedi stade une industrie furlane a inventâ l’orloi a paletis, chel che si viôt tai aeropuarts e soredut tai uficis, parsore de machinute dulà che tu âs di timbrâ il cartelin: al è un imprest che al met adun dutis lis carateristichis dal jessi furlan. Prin di dut – no coventarès nancje dîlu – al è furlan nome par jessi alc di tecnologjic. Po al è un orloi, une robe che e sta li par visâti che il timp al passe e no tu âs di pierdilu. E lu ricuarde propite ben: cul rumôr che al fâs ogni minût, cuant che e va ju la palete che e segne i numars, no tu puedis no sintîlu. Al somee che ti disi: «Viôt che al è lât vie ancjemò un pôc di timp: sêstu sigûr di vê fat dut ce che tu vevis di fâ?». E in fin, naturalmentri, al è un orloi fat par stâ tai lûcs di lavôr, l’habitat naturâl di ducj i furlans. E se o viodês cualchidun che lu à metût in cusine, nol è parcè che cul timp al è deventât di mode (tant che al è ancje finît sui libris di design), ma dome parcè che cussì si pues sintîsi a vore ancje cuant che si sta a cjase. Si sa: i furlans si rilassin cussì.
Nissune maravee nancje che i furlans a vedin inventât alc come il spolert, che se lu metessin tai uficis ancje chel, al varès intor ancjemò plui furlanetât dal orloi a paletis, stant che al fâs trê lavôrs di bessôl: al scjalde la cjase, al cuei tes fersoriis o tal for, e al ten in ordin i lens, cence dismenteâsi di suiâju cuant che a son umits. In struc: il spolert al è lavoradôr e sparagnin, come ducj i furlans. E al fâs lavorâ ancje chei che lu metin in cjase, che invezit di fracâ un boton par meti in moto il riscjaldament, a àn di spacâ i lens e di impiâ il fûc.
La industrie dai curtis di Manià e cjape dentri invezit chê altre anime de nestre tiere, chê plui gjoldose. Dal rest, dopo che tu âs lavorât dut il dì, tu varâs di recuperâ in cualchi mût lis energjiis, no? E se di une bande cualchidun al lavore par fâ il persut di Sant Denêl e il speck di Sauris, cualchidun altri al varâ ben di taiâju.
In sumis: in Friûl, ancje il design al è furlan. E reste fûr dome une robe, un misteri che no rivarai mai a displeâmi, come i vendidôrs di gjelât al Pôl Nord: Manzan. Ce mût aial fat un popul che nol sta mai un moment sentât a deventâ famôs pes sôs cjadreis?
BETE DI SPERE

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +