Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

AI 32 DI MAI. Made in Friûl: il design par int che e lavore

............

Nissune maravee che e sedi stade une industrie furlane a inventâ l’orloi a paletis, chel che si viôt tai aeropuarts e soredut tai uficis, parsore de machinute dulà che tu âs di timbrâ il cartelin: al è un imprest che al met adun dutis lis carateristichis dal jessi furlan. Prin di dut – no coventarès nancje dîlu – al è furlan nome par jessi alc di tecnologjic. Po al è un orloi, une robe che e sta li par visâti che il timp al passe e no tu âs di pierdilu. E lu ricuarde propite ben: cul rumôr che al fâs ogni minût, cuant che e va ju la palete che e segne i numars, no tu puedis no sintîlu. Al somee che ti disi: «Viôt che al è lât vie ancjemò un pôc di timp: sêstu sigûr di vê fat dut ce che tu vevis di fâ?». E in fin, naturalmentri, al è un orloi fat par stâ tai lûcs di lavôr, l’habitat naturâl di ducj i furlans. E se o viodês cualchidun che lu à metût in cusine, nol è parcè che cul timp al è deventât di mode (tant che al è ancje finît sui libris di design), ma dome parcè che cussì si pues sintîsi a vore ancje cuant che si sta a cjase. Si sa: i furlans si rilassin cussì.
Nissune maravee nancje che i furlans a vedin inventât alc come il spolert, che se lu metessin tai uficis ancje chel, al varès intor ancjemò plui furlanetât dal orloi a paletis, stant che al fâs trê lavôrs di bessôl: al scjalde la cjase, al cuei tes fersoriis o tal for, e al ten in ordin i lens, cence dismenteâsi di suiâju cuant che a son umits. In struc: il spolert al è lavoradôr e sparagnin, come ducj i furlans. E al fâs lavorâ ancje chei che lu metin in cjase, che invezit di fracâ un boton par meti in moto il riscjaldament, a àn di spacâ i lens e di impiâ il fûc.
La industrie dai curtis di Manià e cjape dentri invezit chê altre anime de nestre tiere, chê plui gjoldose. Dal rest, dopo che tu âs lavorât dut il dì, tu varâs di recuperâ in cualchi mût lis energjiis, no? E se di une bande cualchidun al lavore par fâ il persut di Sant Denêl e il speck di Sauris, cualchidun altri al varâ ben di taiâju.
In sumis: in Friûl, ancje il design al è furlan. E reste fûr dome une robe, un misteri che no rivarai mai a displeâmi, come i vendidôrs di gjelât al Pôl Nord: Manzan. Ce mût aial fat un popul che nol sta mai un moment sentât a deventâ famôs pes sôs cjadreis?
BETE DI SPERE

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +