Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

VIERZIDURE – Al sofle aiar gnûf sul Friûl

............

Cambiament: al è chest il sens plui sclet dai risultâts che a son vignûts fûr des elezions aministrativis davueltis in Mai. E la situazion e ven ben fotografade se si cjale i tancj Comuns inte nestre tiere che a àn sielzût di gambiâ, di voltâ pagjine parcè che al jere vignût il moment di sierâ cu lis aministrazions in cariche. Chest al è sucedût intune vore di puescj: di Triest a Palme, di Codroip a Majan, di Cordenons a Tarcint, di Dael a Nimis.
SI VA A ÇAMPE, MA NO PAR DUT_ Tant che in dute Italie la plui part dai Comuns e à svoltât a çampe, ma ator pe Patrie nol è stât simpri cussì. Baste cjalâ ce che al è sucedût a Codroip dulà che il vicepresident de Provincie di Udin Fabio Marchetti al à puartât il Comun a drete, daspò 18 agns di guvier des aministrazions çampinis di Giancarlo Tonutti e Vittorino Boem. Si trate di un test che par sigûr al è stât significatîf parcè che al è stât l’unic esperiment di aleance fat dal Partît Democratic cul Tierç Pôl – la formazion di centri che e meteve adut la Union di Centri di Pierferdinando Casini cui finians di Futûr e Libertât. La prove no je lade masse ben, e Marchetti al è lât a gnocis. Ven a stâi che no somein cuissà ce lis pussibilitâts di ripeti chest acuardi in avignî, dal moment che invezit la sielte di un front compat a çampe e permet di vê risultâts cetant miôr.
I ERÔRS PLUI ECLATANTS DAL CENTRIDRETE_ A Triest chest front compat si è dât dongje zaromai des primariis che a àn sielzût Roberto Cosolini, segretari locâl dal Pd, tant che sfidant pal successôr di Roberto Dipiazza. Intant che a centri-drete si scurtissavin par decidi cui che al veve di jessi il candidât e a ‘ndi vignivin fûr cinc (Roberto Antonione, Franco Bandelli, Michele Lobianco, Massimiliano Fedriga e Edoardo Sasco), la scuadre di Cosolini si è mote ben e la unitât e à paiât. Cussì al è stât ancje a Palme, dulà che il sindic in cariche Federico Cressati al à pierdût la cjadree ancje par vê fat intindi di jessi disponibil a resonâ in mert a un gnûf centri comerciâl di fûr dai mûrs de citât stelade. Francesco Martines, conseîr provinciâl Pd, al à savût interpretâ chest marum e la int lu à sielzût.
LISTIS TRASVERSÂLS_ La çampe e monte in scran ancje a MaIan dulà che daspò diesinis di agns (prin di guvier Dc, daspò Fi e Pdl) i moderâts a molin li sbrenis dal Comun lassant a cjâf dal municipi Raffaella Paladin, 41 agns. La stesse etât di Celio Cossa, gnûf sindic di Tarcint, che al à batût il prin citadin in cjarie, Roberto Pinosa, penalizât soredut de nassite di un comitât popolâr cuintri dal progjet di fâ su une centrâl par brusâ biomassis e de defezion di Michela Gasparutti, impuartant pont di riferiment dal Pdl locâl, che no je jentrade in liste pal consei comunâl pe prime volte di 18 agns incà. Tarcint e Majan a son stâts esemplis di listis une vore trasversâls, dulà che çampe e drete si son messedadis in maniere no simpri clare. Stesse robe e je capitade a Tor di Zuin dulà che Roberto Duz, candidât dal Pd, al à vût la poie di trê oms che in paîs ducj a coleghin al Pdl. Se si tratave di une grande coalizion la int le à fate subit deventâ piçule parcè che il sindic Roberto Fasan al è stât riconfermât. Al è l’unic câs forsit dulà che la int e à sielzût un candidât autonim in oposizion aes fuarcis che a fasin riferiment ae politiche taliane.
AUTONOMISCJ? N.P._ Pecjât che nancje a Tor di Zuin no si pues fevelâ di un candidât autonomist, parcè che no si son viodudis in chestis elezions listis di cheste fate, che a fasin pensâ a une rinassite e idee di un Friûl che al cjape decisions a cjase sô scoltant prin di dut i siei citadins e lant daûr ae vocazion di un teritori che al à simpri cirût di esercitâ une fuarte forme di autoguvier. Un model che al è ancje rapresentât des lenghis de nestre tiere: nol è un câs che il vecjo e gnûf president de Provincie di Gurize, Enrico Gherghetta, al à zurât par talian, furlan e sloven.
Ma chestis elezions a saran di memoreâ ancje pe biele flabe di Nimis, dulà che a 68 agns sunâts al è deventât sindic Walter Tosolini, colone dal Pd. Daspò cuarante agns di politiche di podê contâ, il gnûf prin citadin al à dât dut câs un grant segnâl di rinovament sielzint une zonte cuntune etât medie di 34 agns, ven a stâi la metât de sô.
Walter Tomada

L’EDITORIÂL / La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul

Zuan Marc Sartôr
Belle époque. Un student di Gurize al viaze cul tren dilunc la Südbahn (la Ferade Meridionâl, di Viene a Triest). Al torne a cjase dopo agns di studi inte universitât de capitâl imperiâl. Al à frecuentât la preseade facoltât di fisiche, là che si davuelzin lis prestigjosis lezions dal professôr Jožef Štefan, il famôs fisic […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +