Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Une tesi di storie deventade libri

............

Guglielmo Cecone, natîf di Feagne e uficiâl de Marine dulà che al jere jentrât che al veve 16 agns, ta so movisi fûr pe Italie, cuant che al è rivât a restâ fis a dilunc intun puest, al à decidût di coltivâ la sô passion pai studis classics e si è indotorât in Siencis Politichis te Universitât di Pise, cuntune tesi su Il Parlamento friulano nell’età moderna. Cun di fat, al è propit a Pise che lu “scuvierç”, biel che al stave preparant l’esam di storie des istituzions e, in gracie ancje dal interès che al mostrà il so professôr Danilo Marraro e dal incoragjament che i de, Cecone si è metût a ricercjâ e studiâ in cont dal Parlament.

Dopo che si è indotorât, al à scrit il libri che al è stât cumò publicât. Dongje des sôs ricercjis, il libri al ten cont di ce che a àn scrit autôrs tant che Leicth, Liruti, Joppi, Grion, Giampiccoli, Francescato-Salimbeni e Ellero. Cecone tal libri al à cussì cjapade dentri dute la vite dal Parlament, de origjine ae fin (1228-1805), studiantlu soredut di un pont di viste storic.

Tal fâ deventâ libri il manuscrit di Cecone, al à vût un rûl il plevan di Feagne, bonsignôr Adriano Caneva. Za timp al scrivè sul Boletin parochiâl che no dome i grancj stâts a vevin vût un Parlament, ma ancje il Friûl lu veve vût e al pocave i siei parochians a cognossi la lôr storie. Al è stât in chê volte che Cecone al à dit che lui le cognosseve benon chê storie, e che sul Parlament al veve fat ancje la tesi di dotorât e un libri. Di li, l’impegn par che i studis di Ceconi a fossin metûts a disposizion di tancj letôrs, come che po al è sucedût.

Antonella Lanfrit

L’EDITORIÂL / Jù lis mans dal Tiliment

Walter Tomada
Traviersis, cassis di espansion, puints e viadots autostradâi, potenziament dal idroeletric: al mancje dome di metisi a sgjavâ cu lis trivelis par cirî gas o petroli! Ma parcè il Tiliment, che tancj studiôs a stimin jessi l’ultin flum salvadi de Europe, isal sot di dutis chestis menacis, invezit di jessi tutelât e protet cemût che […] lei di plui +

(L)Int Autonomiste / Cui aial pôre de “Cuistion furlane”?

Dree Valcic
✽✽ No ven plui nomenade, sparide dai radars dal dibatiment politic e culturâl. Di “Cuistion furlane” no si ’nt fevele plui. Di cent agns incà e esist chê meridionâl, cjare a Gramsci, e su chê miârs e miârs di students a àn fat tesis di lauree, a son stadis fatis ancjetantis cunvignis, ogjet di ogni […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La “bufule meloniane” e la autonomie inte glacere

Walter Tomada
“Si sin indurmidîts furlans, si sin sveâts melonians”: cun chestis peraulis un cjâr amì al à strent intun sproc sintetic il sens des elezions politichis che pardut a àn viodût a vinci fûr par fûr ancje chenti Fratelli d’Italia, il partît di Giorgia Meloni. Di storic i ai rispuindût che 100 agns fa une dì […] lei di plui +

La anteprime / Cors di furlan par gjornaliscj: consegnâts i atestâts

Redazion
Ai 27 di Setembar, te sede di Udin de Regjon Autonome Friûl-Vignesie Julie, a son stâts consegnâts i atestâts ai vincj gjornaliscj che a àn partecipât al prin cors di lenghe furlane inmaneât de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dal Ordin regjonâl dai gjornaliscj. La consegne dal document ai professioniscj de comunicazion […] lei di plui +