Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Une storie di migrazion al contrari, un film cun protagonist il Friûl: La donna di picche di Renzo Sovran

............


Al è stât zirât dal dut in Friûl, di precîs a Taurian di Spilimberc e a Cjiscjerne di Cosean, il film di Renzo Sovran La donna di picche, produsût di Flavio Zanello cun The Box records par Zerozerobudget, e presentât in prime assolude al public dal Cinema Visionario di Udin ae fin di Setembar. Dut esaurît par cheste prime esperience di luncmetraç firmade dal regjist furlan Sovran, che al à otignût un grant sucès e tante stime di bande dal public, calorôs e apassionât de storie, tant di regalâ a dut il cast presint in sale batimans tant luncs ae fin de proiezion.
Tra il dramatic e il comic, il film al conte di une storie di amôr vivude in Friûl intai agns Setante, prime dal taramot, di precîs tal ’74. Il teme al è chel simpri atuâl de migrazion, cul protagonist Tommaso (interpretât benon di bande di Lodovico Rigonat, tra l’altri biele vôs dal Côr Polifonic di Rude), che al è tornât in Friûl de Belgjiche cu la sûr, e nol rive adore a reinserîsi ben tal paîs de sô origjin. Cuarante agns, operari di fabriche, un om cidin che al ame la scriture e che al è un fenomen tal zûc dal flipper, al cognòs une zovine studentesse triestine, Serena (interpretade di une brave Betty Maier), che e rive a Taurian a lavorâ di Istât li di so barbe ostîr, par une punizion volude dai gjenitôrs.
Tra i doi e nas une storie di amôr, cetant comentade in paîs, popolât di varis personaçs che a vegnin fûr tant che caricaturis: il sindic, il predi, il sorestant de fabriche, il mat di turni, i paisans, par une liende contade par talian, dulà che però no mancjin diviersis espressions dutis furlanis, che e dan ae storie une aderence complete ae storie e ai lûcs. Il finâl no si pues dî, ma la liende e je biele, ben contade e zirade, di tignî incolât il spetatôr par dutis lis dôs oris de sô durade.
Un film che al merete di jessi viodût, in particolâr di bande dai furlans ator pal mont e di chei che dopo tancj agns passâts tal forest a son tornâts in Patrie. Al conte di lôr e ancje di chei che a son invezit restâts. La donna di picche al vignarà proietât in varis salis dal Friûl fin sot Nadâl e la sperance e je che e si slargji ancje tai varis Fogolârs Furlans sparniçâts tal mont.
✒ Alessio Screm

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +