Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Un cjargnel al Concerton di Rome dal Prin di Mai: lis emozions di Doro Gjat

............

Doro intune foto di Luca Della Savia
Doro intune foto di Luca Della Savia

Il prin cjargnel sul Palc dal Prin di Mai: il concierton organizât a Rome dai sindicâts pe ocasion de fieste dai lavoradôrs. E lui al è Doro Gjat, dai Carnicats. Cemût che lu vin simpri cognossût: cun chel cjapielut un pôc cussì, di teenager in maturitât. La passion par chê musiche che lu à fat cognossi, dutun cul mitic grup. La Mariane tai videoclip (ma ancje i zovins de sô scuele, i lûcs de infanzie e i cjamps di atletiche e di basket di Tumieç, lis clapadoriis dal Tiliment), un disc VaiFradi che al è fûr dal Atom passât. Il messaç di Doro Gjat al è rivât. Al à tornât a berlâ che e esist ancje une realtât musicâl furlane. Che no je periferiche. E folc che ti trai cun cheste naine de musiche di perifarie, maledete e cence marcjât.
Doro Gjat, un sucesson. A viodi il sagrât di Sant Zuan in Lateran che al bateve il ritmi cun lui, a spiâ ancje lis sôs pagjinis social dulà che al veve lançât l’ashtag #ilmomentoèora: mieze Cjargne e jere cun lui, su chel palc. Come se part di chê tiere e gjoldès il moment. Parcè che – come che e dîs la so cjançon – «il momento è ora», il moment al è pardabon cumò e si scuen gafâlu cuant che al rive.

Doro Gjat, prime di dut o volarès domandâti ce palc che al è chel dal Prin di Mai, a pet di altris palcs che tu âs batût.

Ti disarai: mi à sorestât pe sô grandece. Ma cuant che mi sei esibît no pensavi a dutis lis personis che mi varessin scoltât, ae int di cjase che mi varès viodût. Se no mi sarès vignude sbigule. Par dî il vêr no je la prime volte che o ai cjantât su palcs cun tant public: chel dal Leit International, ancje, al è un grant palc. Probabilmentri però il palc di Rome al veve un savôr particolâr par me. Forsit il sens de rivincite, il fat di un lunc percors prime di rivâ a chest album. Forsit ancje il pês di une responsabilitât, chel di rapresentâ un teritori, une identitât e une lenghe che prime li no jerin mai montadis. Po dopo, sì… dute chê int te place e je une biele cjame, un stimul a fâ biele figure.

Cuant che tu âs presentât Il momento è ora, toc gjavât fûr dal album Vai fradi, tu âs contât che tu rivavis di un moment particolâr de tô vite. Concet che tu vevis za anticipât a Tumieç, intune altre ocasion. Ce jerial sucedût?

O vevi passât chê crisi che ti cjape a trente agns. Tu completis i studis universitaris, ma no tu âs un puest di vore fis, tu viodis un avignî cetant dificil e inciert. Il sium dal vivi di musiche al somee che al ledi a sbati cuintri la realtât, la cussience che di musiche si puedi vivi dome par progjets. Il sintiment de inadeguatece. Par dî il vêr, o ai passât un moment neri te mê vite. Ma ae fin o ai vût cheste fuarce, che e jere dentri di me, ancje se no le viodevi. Apont, come che e dîs la cjançon, tant che il soreli tant che al nevee. Jo ce saio fâ ben, te mê vite? Musiche. E chel o ai fat: musiche.

Cemût sêstu rivât sul palc dal Prin di Mai?

A vevin lançât un concors 1MNext: a cirivin vôs, grups gnûfs, emergjents. Jo o ai mandât il gno toc e o ai passadis dutis lis selezions, fintremai a jessi fra i trê che si son esibîts. No i crodevi pardabon, o ai partecipât cuasi par scherç. Puartâ il il Friûl su chel palc al à volût dî puartâ un popul intîr, une comunitât. Il Prin di Mai, cun chel event, dute Italie e à vude la ocasion di puartâ la sô culture su chel palc. Ma a noaltris furlans chest nol jere ancjemò sucedût.

Il fat di vê puartât il furlan su chel palc?

Par me e je la normalitât. Chest o soi jo, cheste e je la me musiche. No varès di vê sens nancje cheste domande. Un al cjante ce che al è e cemût che al vûl.

Chest progjet di solist al puarte une altre domande: ma i Carnicats?

O sin simpri amîs, dal sigûr. O continuìn a viodisi e a sintîsi, o vin ancje cualchi conciert insiemi. Il prin di Lui par esempli a Udin si davuelzarà la gnot blancje e intant dal #Vaifradilive ancje lôr a saran sul palc cun me. Però ognidun al à ancje di fâ un so percors musicâl. Al è just cussì. DekIllCeesa e Marco Deo a son cetant impegnâts tant che resident dj al Mamacita. Insome, ducj o sin lâts daûr di trois diviers, ma ae fin si cjatìn insiemi, o bevin vulintiron cuatri tais e si contìn des nestris aventuris. Il nestri grup al è come une famee: ancje se si viodìn pôc, si volìn simpri ben!

Cumò ti viodarìno ator par chest Istât 2017?

Tal 2016 o ai fat une trentine di datis in dut il Nordest. L’Istât al sta par rivâ cun gnûfs events musicâi. Par intant o segnali: ai 2 di Jugn al Chiosco Losco di Sant Vît al Tiliment e ai 3 di Jugn al Parc della Lesa a Cividât.

✒ Oscar Puntel

_________________________________

«Il momento è ora»

L’inizi dal test par talian e dute la part par furlan de cjançon che Doro Gjat al à cjantade a Rome pal Prin di Mai

Il momento è ora


A due passi dall’aurora

Mentre io mi metto in posa

E mi fotografo

Click, kodak

Vai fradi, c’ho la foga

La vita è cagna e spero che se la goda

Ho l’esperienza e le spalle di Hulk Hogan

Ci vuole polso

Ma mi si sloga

Ho visto tutto in regione, son qui da allora

Dalla vecchia, ai ’90, alla nuova scuola

La mia storia, scendo coi Carnicats

Da nord est, fradi, come la bora

(…)

E’ una corsa contro il tempo

Il momento è ora

Prendi forte e senti il vento che cambia

Che cambia, Sì, cambia. Lo sai.

(Come il sole quando nevica)

No vuli tegni i pîts par cjera

Par cjera chi, par cjera

Alì dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea

Cença flât e cença pinsîrs

Pinsîrs, i ai massa pinsîrs

Alì dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea

No vuli tegni i pîts cjera

Un biât cjan, peât par la cjadena

Sei li dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea

Cença flât e cença pinsîrs

Come devant di una maravea

Alì dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea

Capistu?

Testo integrale se serve aggiungere qualche frase in caso di spazio: «Il momento è ora»

Il momento è ora


A due passi dall’aurora

Mentre io mi metto in posa

E mi fotografo

Click, kodak

Vai fradi, c’ho la foga

La vita è cagna e spero che se la goda

Ho l’esperienza e le spalle di Hulk Hogan

Ci vuole polso

Ma mi si sloga

Ho visto tutto in regione, son qui da allora

Dalla vecchia, ai ’90, alla nuova scuola

La mia storia, scendo coi Carnicats

Da nord est, fradi, come la bora

Il momento è ora

Ci si migliora quando niente più funziona

Esco là fuori e mi affronto col cuore in gola

E imparo dagli errori, quelli fan da tutorial

Mi espongo

A tutto tondo

Mentre mi sondo più a fondo che con un sonar

La notte è buia, è l’alba che sarà rosa

Aspettavamo il sole, aspettiamo ancora

E’ una corsa contro il tempo

Il momento è ora

Prendi forte e senti il vento che cambia

Che cambia, Sì, cambia. Lo sai.

Il momento è adesso

Non sarà mai troppo presto

Me l’aspettavo, era chiaro, quasi promesso

Come i tiri mancini da un ambidestro

Ci vuole grano salis

Il sale in zucca manca nei miei coetanei

Abbiamo i mostri nascosti nei sotterranei

Sono tattoo sottocutanei, fradi

Asociali dentro ai social

Testimoni e testimonial

Il sistema è saturo, è un attimo che ci ingoia

Che qui la vedo nera, ma nera salsa di soia

In che stato sto

Sarebbe ora che cambi lo status quo

Perché in fondo a capirlo ci state un po’

Che non importa sui social che stato ho

Ma come sto

Adesso meglio

Sono sincero

Anche se ho ancora quel sogno che rincorrevo

A 300 all’ora infrangendo ogni tuo divieto

Il momento è ora e no che non torno indietro

E’ una corsa contro il tempo

Il momento è ora

Prendi forte e senti il vento che cambia

Che cambia, Sì, cambia. Lo sai.

(Come il sole quando nevica)

No vuli tegni i pîts par cjera

Par cjera chi, par cjera

Alì dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea

Cença flât e cença pinsîrs

Pinsîrs, i ai massa pinsîrs

Alì dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea

No vuli tegni i pîts par cjera

Un biât cjan, peât par la cjadena

Sei li dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea

Cença flât e cença pinsîrs

Come devant di una maravea

Alì dongja ancje se no tu mi viodis

Come soreli tant ch’a nevea.

Capistu?

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +