Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

UN BLANC E UN NERI. 5e pontade. Baste che al sedi bon

............

La gaiarine none paularine de femine, cuant che i àn contât ce mistîr che jo o fâs, e à sintetizât cun “in sumis, al fâs il scovacin!”. Cheste none e je di chê gjenerazion che no à volût insegnâ ai nevôts a molzi o a doprâ il falcet, pensant che lôr a no àn di vê dibisugne di fâ chei lavôrs dûrs e magris. Jo o sai ben che a esistin ancje vuê cundizions di lavôr degradantis, ma no crôt che a esistin lavôrs di vergognâsi, ma che tal câs a si puedi lavorâ ben o mâl. Se jo o stoi lavorant ben o mâl o vês di domandâlu al comun di Glemone, ma pal rest us pues garantî che il gno lavôr al è un dai plui biei che o vedi mai fat.

O meni i miei gnûfs borghesans ator par Glemone, secont che mi mande il responsabil dal Comun. Tal sedim di Madone des Graciis o conti dal taramot. Sù in cjistiel, ur mostri il panorame cui vecjos borcs e lis gnovis vilutis. Dongje de pissine, ur mostri la palestre dulà che gno nevôt al zuie a bale tal zei. Ur spieghi che te sô scuadre e je ancje la frute di un marochin, e che culì fruts e frutis a zuin insiemi parcè che a àn di imparâ a jessi compagns. Alì dai lavadôrs, in vie Glemine, ur mostri i lavôrs di muradure che i vecjos dal borc a àn fat, sore nuie, pal gust di dreçâ i dams dal taramot. Te piste ciclabil, ur fâs cjalâ il Glemine e il Cjampon e ur spieghi che lis nestris nonis a lavin a fâ fen fintremai insom, e ancje cussì – lavorant come e plui dai oms – si son vuadagnadis la libertât des lôr gnecis. Netant il parc di vie Dante, o rispuint aes lôr domandis sul convent des muiniis alì dongje. A stentin a capî che i vôts religjôs no àn valôr pal Stât e a restin cussì cuant che ur contin di chês dôs muiniis che a àn lassât il convent par maridâsi tra di lôr. ‘Culì o podês jessi libars’, ur spieghi (e po mi domandi se al è propit vêr).

Ur insegni che i imprescj come il ristiel no si lassin par tiere, che al pâr mâl e si cjapin tai dincj. Ur mostri cemût doprâ la pale, lavorant cu lis gjambis e no di schene. Ae fin di vore, o meni un di lôr a tornâ i imprescj tal dipuesit comunâl e i spieghi cemût che al funzione il Comun, ce che al è un sindic, un consei comunâl. I spieghi che la struture une volte e jere di Venturin, une des plui grandis ditis edîls dal Friûl, e che dopo e je falide. Come che alì che al è il centri comerciâl, une volte e jere une manifature e che ancje alì tancj a son restâts cence lavôr cuant che e à sierât…

Sfalçant i prâts, ur insegni a mangjâ il ‘pan e vin’. Ur sofli vie par aiar la semence de rose di tale e lôr a tirin i voi come fruts, e a ridin. Invezit, a àn une grande pôre dai madracs. Ogni magnute al è un berli, e al è dibant cjapâle in man e fâi viodi che no je une lipare. Là vie di lôr i sarpints a devin jessi un afâr seri.

Tal Polisportîf e je un barache e te barache une sale provis, e ur conti di cuant che o cjantavi intun grup di punk-rock furlan. Ur conti dai concierts, dal Centri Sociâl di Udin e di altris robis che par lôr a son un grum forestis. Ur dîs di cemût che un trop di musiciscj si son organizâts e a àn scombatût par rivâ a otignî dal comun chê sale provis. Che la robe biele che o vin – ospedâi, scuelis, dirits e vie disint – no je rivade de rive jù, ma che e je stade vuadagnade a fuarce di dâi. Cun braùre, ur mostri la tabele cun scrit “Un Blanc e Un Neri”, e ur conti il parcè dal non. Ur cjantuci “Sul puint di Braulins” e ur al tradûs par talian. Po o rivi al toc “Un blanc o un neri…” e ur spieghi che di fonde i furlans le pensin cussì: no nus interesse il colôr di un tai (o di une persone) baste che “al sedi bon”.

✒ Igor Londero

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +