Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SIMPRI BOGNS. Egle Taverna, La valîs dai siums, Feagne 2012

............

“A son partîts une matine di buine ore / che al jere ancjemò scûr, / il cîl cence une stele / e il mâr dut increspât, / il façolet sul cjâf, / la barete fracade / par parâsi de buere / che e sivilave fuart. / Tal cûr une grande pene / tai voi tante tristece / za stracs di tant vaî”.
Cussì, cun cheste fotografie di emigrants cu la valîs di carton in man (e il pinsîr al cor di bessôl a Leo Zanier), si vierç cheste racuelte di sessantedôs poesiis che Egle Taverna e à vût publicât su diviersis rivistis e antologiis dilunc dai agns. E plusôrs di chescj componiments a àn ancje vût premis o segnalazions in concors di poesie in Friûl e ancje jù pe Italie. Il libri al è dividût in dôs sezions: la prime di poesiis furlanis cun traduzion par talian e la seconde di poesiis talianis cun traduzion par furlan. Al va dit subit che lis traduzions si cjapin cualchi libertât: I morârs di Morâr a deventin Gli ultimi gelsi a Moraro (p. 100), dulà che la zonte dal adjetîf ‘ultimi’ al cîr di recuperâ la pregnance dal zûc di peraulis dal furlan. O ben il talian lacrime liberatorie lavano l’anima al devente par furlan: lagrimis arsidis a lavin vie il malstâ (p.146).
Poesie di paisaç, di descrizion e di meditazion su la nature. Par chest a àn tante impuartance i lûcs fisics, tanche Migjee, Lucinins, il Lusinç, Morâr, cjalâts cui voi pinsirôs di cui che al vûl gratâ vie la scusse des robis e lâ plui in dentri. A cirî il vivi e il patî des personis (Mater dolorosa, Taramot, Tsunami, O soi spirt, Ecce homo) o la magjie dai ricuarts di un mont che nol è plui (None Marie, Al è restât un pin, Cjase bandonande) o il corisi daûr des stagjons (Timp di istât, Profum di autun, La violute, Neveade).
Il libri al si presente une vore ben, rileât elegant, insiorât di undis fotografiis, di trê presentazions: dal sindic di Migjee, dal president dal Istitût Achille Tellini, che al à ancje curât il volum, dal president de Casse rurâl di Lucinins, Fare e Caprive che e à sponsorizât, di une prefazion intense di Odorico Serena e di une riflession de autore stesse.
Une vôs poetiche di preseâ, in plui che par siei merts, ancje par vie che e je feminine e che e ven dal Friûl di jevât, su la olme di Franco De Gironcoli e di Celso Macor (ma cence dismenteâ Ane Bombig). O soi lizêr, lizêr / come une plume / che e svole in alt / e i agns no pesin plui, al dîs il vieli (p. 126), inte poesie salacor plui biele de racuelte. E no ise cheste, in fin dai fats, la funzion de poesie? ❚
Laurin Zuan Nardin

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +