Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

SCOMENCÂTS PAR FURLAN. Siddharta di Herman Hesse

............

.
.

IL FI DAL BRAMIN
Tal inombrî de cjase, su la rive insoreglade dal flum insiorade di barcjis, tal fresc dal bosc di Sal, dal figâr, al cressè Siddharta, il biel fi dal Bramin, il zovin falcuç, adun cul so amì Govinda, tant che lui fi di un bramin. Su la spuinde da la aghe, tal nadâ, tes abluzions, tai sacrificis ai dius il soreli i lustrave lis spalis lusintis. Ombris a passavin tai siei voi scûrs jenfri la boschete dal mango, vie pai siei mateçs di frut, al cjant di sô mari, tai sacrificis rituâi, aes lezions dal pari, cussì savi,  tal cjacarâsi dai savints. Bielzà di un pôc in ca Siddahrta si jere tirât dongje al fevelâ dai plui studiâts, preparantsi cun Govinda a la art oratorie e biel ancje al esercizi de osservazion, de concentrazion in se stes. Al saveve bielzà il sunsûr delicât dal Om, peraule des peraulis che lui al rivave a metise tal profont pronunziantle cidin intant che al inspirave, soflantle fûr, simpri cidin, cuant che al espirave, cun dute la anime adun e il cerneli tocjât di chê lûs che e stralûs di un spirt sflandorôs. Bielzà al saveve, tal so dentri  plui font, ricognossi l’Atman, eterni, dut e simpri adun cu la unitât dal mont.
Il cûr di so pari si slargjave di gjonde par chest fi cussì sveât, cetant bramôs di cognossince; al jere un gran savint, ce che al viodeve vignî sù al jere un vêr sacerdot, un princip dai bramins.
La sodisfazion e jemplave il pet di sô mari dutis lis voltis che jê lu viodeve cjaminâ, lu cucave a sentâsi e a jevâsi impins: Siddahrta il fuart, cussì biel, che al leve vie cul so pas elegant, che le saludave cun cetant rispiet.
L’amôr al moveve il cûr des fiis plui zovinis dai bramins a pene che lui, Siddharta, te sô figure elegante, al passave pes stradis de citât cul cerneli alt e siei voi di re.
Ma plui di ducj chei altris lu amave il so amì Govinda, il fi dal bramin. ❚
(Traduzion di Maurizio Mattiuzza)
________________________
Il libri e l’autôr
A son pôcs i romançs che a finissin sot de etichete “di formazion” che a son innomenâts tant che il Siddharta, di Herman Hesse. E pûr il libri al è dal 1922, ancje se al è stât discuviert plui tart, tal ’46, dopo il Nobel vinçût dal autôr, e soredut tai agns ’60 e ’70, cuant che la spiritualitât e la vie pal pacifisim a jerin lis fondis dai moviments dai zovins. Il segret di un sucès di cheste fate al sta propit inte recipe dai siei ingredients: regjistris epics e lirics dongje di revocs di spiritualitât e ricercje dal ecuilibri, ambientazion orientâl intune trame che no sparagne i moments di emozion intense e di meditazion. Cui che al va cirint il sô jessi e la sô identitât lontan di convenzions e di regulis, al cjate rispueste a domandis che prin nol rivave nancje a formulâ. Un libri che forsit al fasarès ben a tancj, in dì di vuê, simpri sustâts e plens di rabie. E pensâ che se a 15 agns no i si fos incjastrade la pistole, il “Buddha” di Hesse, la vie pe pâs no le varès mai cjatade. ❚
_______________________
Il tradutôr
Maurizio Mattiuzza, poete e scritôr, e je une des vôs plui significativis de leterature furlane di vuê. Nassût intal 1965 dongje Zurigo, in Svuizare, dal 1976 al è a stâ in Friûl. Atîf de fin dai agns ’80 cun diviersis racueltis di viers, al è stât cofondadôr dal moviment poetic dai Trastolons, autôrs de racuelte Tons Trastolons e dal audiolibri Tananai. Al à unît i siei tescj aes musichis di Lino Straulino pal album Tiere nere e tantis altris cjançons. Tra peraulis e musiche al à lavorât po dopo cun Renzo Stefanutti e la band dai Luna e un Quarto che cun chê al à publicât Vuê e je sabide di sere, une balade dedicade al boxadôr furlan Primo Carnera. Il so ultin libri, la Donna del chiosco sul Po, za premi Colline di Torino, al fâs part de tercine finaliste dal premio Mario Soldati. Al è stât voltât par inglês, sloven, grêc e altris lenghis europeanis. Diretôr artistic de sezion leterature di Suns Europe, al è un dai autôrs di La notte che il Friuli venne giù, libri dedicât ai dîs dal Mai ’76, burît fûr di pôc. ❚
✒ par cure di Raffaele Serafini e Dree Venier

Int di Cjargne / Magjie a Cjarsovalas

Marta Vezzi
Un dai lûcs dai Pagans in Cjargne Cjarsovalas, il paisut dai Pagans, al è sore Val e Rualp, frazions dal Comun di Darte, a 1.350 metris sul nivel dal mâr. “Al è un dai lûcs indulà che o puarti di plui la int – e conte Fides Banelli, mestre in pension che a fâs ancje […] lei di plui +

L’Editoriâl / Cuant vignaraie la “adunade” dai furlans?

Walter Tomada
Tropis vitis aial il Friûl? Al sarès biel se a’ndi ves siet, come i gjats: o cetantis di plui, come i protagoniscj di tancj videozûcs che ur plasin ai nestris fantats. Magari cussì no, dut câs, un popul nol è mai bon di vivi dôs voltis: se i tocje disparî, al sarà par simpri. Se […] lei di plui +

Festival di Poesie Alpine / Autôrs di Ladinie, Grisons e Friûl a confront

Gabriele Zanello
Tal incuintri di Bressanon ancje lis vôs di Gigi Maieron, Nelvia Di Monte, Gianluca Franco, Francesco Indrigo, Luigina Lorenzini e Antonella Sbuelz Tra lis comunitâts furlane, ladine e rumance a esistin relazions identitariis e culturâls une vore antighis, che massime tai agns Setante e Otante a àn vût un moment di gnove sfloridure ancje sul […] lei di plui +