Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Predis, l’ultin lavôr dal Teatro Incerto

............


La solitudin dal predi, si podarès intitulâ l’ultin lavôr dal Teatro Incerto, invezit si clame semplicementri Predis. E pûr, i trê predis interpretâts e pensâts (e magari cognossûts) dai trê artiscj di Grediscje no van a cuvierzi dute la categorie, no deventin la scuse par un resonament universâl su la condizion dal predi, pluitost a mostrin la lôr particolâr condition humaine partint di un osservatori che al è chel periferic di une provincie lontane des jerarchiis, dulà che un predi si misure cu la int prime come om e dopo, forsit, come rapresentant dal Signôr in tiere; lontane dai stereotips de figure dal predi cussì come che la à tramandade un ciert teatri di periferie. Tito Maniacco al diseve che l’unic inteletuâl organic che al à vût il contadin in Friûl al jere stât il predi. Ma lui si riferive a chei che a vevin imbraçât la cause di chel che di simpri al mostre la muse dal sconfit de Storie, il contadin, rivant a tradusi intune azion politiche, dispès alte, altris voltis di respîr plui localistic, une tension che il contadin nol rivave a sburtâ oltri dal orizont dal cjamp che al veve di regolâ cun fadie. Ma in ducj i câs chel predi al saveve tirâsi sul stomi une cualsisei rivendicazion di clas partint de cognossince di chel mont contadin che, come intune sorte di false cualificazion eletive (e eletorâl,) cualchidun al à clamât civiltât contadine, inclaudant cussì dut il marum des nestris campagnis a un rivoc nostalgjic pleât a un podê simpri plui lontan e simpri plui dismemoreât de sô origjin. Di chei predis (ben dissegnâts tal preseôs lavôr fat l’an passât di Fabiano Fantini su pre Checo Placereani) ai trê puartâts in sene dal Teatro Incerto i reste dome la lôr nature origjinarie, l’element di partence di dut il svilup de lôr esistence: la periferie fisiche di une provincie ch’e ancjemò e resist pontant i pîts e la periferie eclesiastiche di cui che forsit mai al à pensât di fâ cariere in Curie. La provincie dai prins, la provincie dai ultins: ducj i doi sconfits, soredut come predis, ma tai predis dal Teatro Incerto la sconfite personâl e puarte a flôr un conflit interiôr che al è soredut dal omp, oltri che dal predi.
Predis al svilupe, lant daûr a la consolidade struture narative dai trê dal Teatro Incerto, dôs liniis esistenzialis: i riferiments culturâi de provincie e il conflit personâl fondât su di une assence, la paternitât dal predi, dulà che la seconde e je il prodot dret par dret de prime. Vâl a dî che la provincie ancjemò, si ben intacade aromai di une globalizazion di comoditâts e di usancis, si fonde su valôrs di tradizion (che dispès a puedin jessi un limit, ma che in prime batude a son une usme), di relazions familiârs (che magari a riscjin di scjafoiâ, ma che in dut câs a son presintis cu la lôr rêt protetive), di rapuarts di paîs (identitariis, man a man che tu ti slontanis dal borc, come che ben al faseve rimarcjâ Leo Zanier intune sô poesie). In dute cheste provincie di indulà che si scjampe, ma dulà che al è dolç tornâ come tal grin di une mari, si cjate l’humus che al oblee l’om predi a ricognossi il so conflit interiôr, che magari ancje intun predi in cariere al sarà simpri presint, ma sublimât e scjafoiât come un fi dineât dal propi sintiment e sghindât in reson di une altre, divierse sburte viers di une contemporaneitât pustice e malpaiade.
Predis al rive a tocjâ, sgjavant intor dal significât di une assence, aspiets di concretece che a stan ducj te cussience di une rinunzie che un predi al fâs di zovin e che cu la etât che si fâs simpri plui pesante, e devente jê par prime condizion esistenziâl identificative de condizion di om (paternitât, maternitât? Cuale des dôs si platie daûr di une tuniche di predis che – lassant pierdi lis ultimis degjenerazions – o vin simpri considerât tant che figuris asessuadis?). La assence de paternitât pal predi, vivude come une mutilazion esistenziâl dai predis dal Teatro Incerto, e je propit achì che si libere come une dolorose e impossibile necessitât: al è l’om-predi libar che al rive a tirâle fûr e la rassanade cussience de sô impossibilitât lu sburte viers di une visionarietât ideâl che lu met intune sorte di stât di gracie, intune fisiche impersonificazion de spiete di un frut in trat di nassi e che i permet di provâ dutis lis sensazions e lis aspirazions de paternitât.
Fantini, Moretti e Scruzzi a fevelin di alc che a cognossin ben (no tant de condizion dal predi, ancjeben che a àn studiât, partint dai scrits di Toni Bellina e fevelant incirche dal argoment cun plui di un predi, ma dal mont de provincie). No podaressin fâ di mancul di cheste lôr identificazion cuntun mont che, propit pe sô condizion periferiche, al manten la scletece di une volte: chê nete, e drete in muse, dal mont contadin. A son, come personis, prime di dut fiis di un ciert ambient culturâl che ur à metût in man esperiencis di vite e di valôrs, e dulà che lôr no fasin nissune fadie par identificâsi in plen. Un dai aspiets di chest ambient culturâl (simpri di mancul si à di rimarcjâ) al è che dispès in paîs la relazion cul predi e à un valôr centrâl di formazion e di riferiment, no necessariementri religjôs, pluitost di indiriç. La malatie di un predi e je la paternitât, al diseve Toni Beline. Vâl a dî la sô assence. ❚
Franco Marchetta

L’EDITORIÂL / La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul

Zuan Marc Sartôr
Belle époque. Un student di Gurize al viaze cul tren dilunc la Südbahn (la Ferade Meridionâl, di Viene a Triest). Al torne a cjase dopo agns di studi inte universitât de capitâl imperiâl. Al à frecuentât la preseade facoltât di fisiche, là che si davuelzin lis prestigjosis lezions dal professôr Jožef Štefan, il famôs fisic […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +