Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

PINSÎRS. Il sium de reson: la citât F-VJ

............

Gianni Marzini, cjâf redatôr de Rai Regjon, lant in pension al à vût dit al Piccolo che si risolvaressin i problemis pensant al Friûl-Vignesie Julie come une citât di un milion e 200mil abitants. La frase e je no dome il spieli di chel che al è stât il TG regjonâl in chescj agns, ma ancje di dute une mentalitât che e sta montant sù jenfri i sorestans, che no ur pâr vere di podê acentrâ dut e messedâ dome lôr i nestris destins.
«La carataristiche dal Friûl – al diseve pre Toni Beline, un inteletuâl, lui sì, inamorât dal so teritori – e je che al è fat di paîs» e covente pensâ a lis soluzions pal teritori braurôs des sôs carataristichis. Traspuarts, sanitât, economie, servizis, no àn di jessi organizâts cjapant il model di une citât di un o doi milion di abitants, che e à altris – justis, si intint – esigjencis e carateristichis. Chel di vê un teritori cun aglomerâts urbans piçui al è un patrimoni di socialitât, disvilup “dolç”, atenzion ae persone, cure dal teritori che la citât no à e che al è un ben siôr che nol merte pierdût par vie di un provincialisim che al viôt la citât tant che la Biele Stele. Clâr che al è simpri il ledrôs de medaie: distancis e basse densitât di int a fasin in mût che al sedi plui faturôs fâ rivâ i servizis. Ma al è il compit de politiche limitâ i svantaçs e sfrutâ i vantaçs de realtât che e guvierne. La rispueste e à di jessi un model di gjestion difondût, no di un acentrament continui – cu la scuse de crisi – e tra l’altri strabic: logât intune citadine insom a un spiçot ai margjins de regjon. E chestis soluzions no vignaran mai di Turin, Milan, Rome o di un Stât storichementri centralist tant che la Italie, ma a àn di jessi madressudis e elaboradis chenti, pe realtât di chenti (magari partint de nestre universitât, che e à di jessi di plui “dal Friûl”). Chest al vûl dî autonomie!
Soluzions che dopo magari a podaran jessi di esempli: vino di contâ ancjemò une volte chê dal Taramot?
Partint figurantsi la regjon tant che une citât al è il classic «sium de reson»: come un cjaval che invezit di cori libar pai cjamps al les a saltâ di un cret parcè che une dì si è insumiât di jessi un… cocâl.
✒ Gnef

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +