Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

LA STORIE – Paulin, amì dal imperadôr jenfri Rome e Aquilee

Diego Navarria

“Bundì Toni, jentre.”
“Bundì Berto. Ti ringracii di vê cjatât timp par me.”
◆ “Di nuie. Sentiti e contimi dut.”
“Alore, Berto, o ai di tignî une relazion su Sant Paulin, patriarcje di Aquilee. Sì, propit il patriarcje amì dal imperadôr Carli il Grant. O soi lât a tirâ fûr dut ce che o vevi di lui e, par sorte, mi son vignudis in man lis notis tiradis jù des lezions dal nestri professôr di storie tal ’seminari. E sâstu ce che al veve dit chel osti? Che dobbiamo ringraziare San Paolino che ha cercato di uniformare la liturgia aquileiese a quella romana; e che se adesso i friulani possono dirsi cattolici e in comunione con Roma, dopo tante scivolate verso l’eresia, lo dobbiamo molto al santo patriarca Paolino e al patriarca Francesco Barbaro…”
◆ “Propite chel! – lu çoncje Berto – Barbar di non e di fat! Chel venezian ludro che tal 1600 al à fat brusâ i libris dal nestri antîc rît patriarcjin par fâi plasê al pape. Ma tornìn a Paulin.”
◆ “No ai durmît, Berto, cul carûl che Paulin, un dai pôcs patriarcjis che nus àn fat sant, al sedi un di chei che al vedi voltade la schene ae nestre tradizion par vendile a Rome! Ma tu che tu sês daûr a studiâ i siei componiments di poesie e di musiche, ce idee ti sêstu fate?”
◆ “Intant, Toni, tu as di insuazâ la persone. Par me Paulin, cundut che al jere di Premariâs e che al veve studiât a Cividât, al jere pôc in cubie cui langobarts che di doi secui a vevin il podê in Friûl. Il gramatic Paulin si cjatave invezit benon inte Scuele Palatine di Aquisgrane, parie cun Alcuin di York, Pieri di Pise, cun Agjilbert, Arnon di Frisinghe e Adelart: il grup di inteletuâi clamâts a meti dongje il dissen imperiâl grandiôs di Carli il Grant. In chê congreghe, come une Academie, Paulin al judà Carli a tirâ sù l’implant dal Sacri Roman Imperi. Lis ideis a vevin une puartade europeane e, par riessi ben, si scugnive metilis in vore compagnis dapardut.”
◆ “Duncje Berto, pensistu ancje tu che Paulin al sedi stât un ‘globalizadôr’ ante litteram, un drazadôr des diferencis de nestre mari glesie di Aquilee?”
◆ “Al somee che al sedi cussì, Toni, massime se tu leis i storics romans. Ma o ai provis che la robe e sedi diferente. O crôt che Paulin al sedi stât in cunvigne cu la Academie Palatine su la dibisugne di uniformitât e di une struture vualive par dut l’imperi, ma che al varès volût fâlu cence doprâ il pugn di fier come che al voleve Carli. O crôt alore che Carli al vedi cjapade a sec la ocasion de muart, tal 787, dal patriarcje Sigualt, ultin patriarcje langobart di Aquilee, par meti tal so puest Paulin. Dal sigûr, a Carli i stave ben vê un so om fidât tant che patriarcje di Aquilee, ma o pensi che al vedi ancje profitât par slontanâlu dal centri dal podê. Si capìs che ancje a Paulin no i smecave masse chê nomine. Tornant in Friûl al scrîf Nam ego in patriam ceu peregrinus eo: al dîs di tornâ te sô tiere come un pelegrin, come un forest di passaç. Ae cort al steve benon parcè che al jere plui puartât come mestri di gramatiche e poete che come om di guvier e politic. La incarghe, dut câs, e je la plui prestigjose di in chê volte e, cun di plui, Carli lu nomene ancje missus dominicus, ven a stai ispetôr, e lu mande ator pe dute Italie. La diretive di Carli, che i plâs meti il nâs tes robis de glesie, e je propit chê di uniformâ la liturgjie. E Paulin al ubidìs, e al interven su chei patrimonis antîcs di musiche liturgjiche e di tradizion locâl. Si fevele dal rît ambrosian di Milan, di chel patriarcjin di Aquilee, di chel bizantin di Ravene, di chel di Mont di Cassin.”
◆ “E ce isal rivât a fâ?” i domande Toni.
◆ “Alc al à fat e alc al à dreçât. Ma o crôt che, in gracie de sô sensibilitât pe musiche e pe poesie (pense dome al cjant Ubi Charitas est vera – Dulà che l’amôr al è vêr, alì al è Diu) al vedi morestade la durece dal imperadôr, doprant savietât e ecuilibri. O podìn dîsi alore che nol à licuidât il rît patriarcjin. No par nuie al è stât scancelât dome dopo votcent agns dal patriarcje Barbar.”
“Âstu altris provis di cheste sensibilitât, Berto?”
◆ “A ‘nd è une vore. Ti conti une. Tal Concili di Cividât dal 796-797, il patriarcje Paulin – dopo di vê dade une buine raclade ai vescui e ai predis masse ingolosîts di teatri, cjacis, zûc e bai – nus fâs savê che i rustici tes vilis a fasevin fieste di sabide, come i judeus. Paulin alore al dispon che la fieste e veve di scomençâ la sere de sabide e che il segn al sarès stât il sunôr des cjampanis. Âstu presint la cjante: O cjampanis di sabide sere?”
◆ “Po no po, Berto”
“Cheste usance di sunâ a dopli la vilie e je vive ancjemò in dì di vuê in Friûl, vere Toni? Ma il biel al è che Paulin no ur à cridât par nuie ai rustici che tes vilis a fasevin fieste di sabide invezit che di domenie come tes citâts di Aquilee, Cividât e Concuardie. Pense che cheste usance, che e je di divignince judaiche e alessandrine, e à continuât a lâ dilunc in Friûl ancjemò par mil agns. Si che duncje, Paulin no le à sigûr drazade lui.”
◆ “Po ben. Tu mi âs gjavât il carûl. Cumò che o soi in pâs cun Sant Paulin, o pues bevi chest tai di neri che tu mi âs metût. Vive!”
“Vive!” ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +