Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

LA STORIE – Paulin, amì dal imperadôr jenfri Rome e Aquilee

Diego Navarria

“Bundì Toni, jentre.”
“Bundì Berto. Ti ringracii di vê cjatât timp par me.”
◆ “Di nuie. Sentiti e contimi dut.”
“Alore, Berto, o ai di tignî une relazion su Sant Paulin, patriarcje di Aquilee. Sì, propit il patriarcje amì dal imperadôr Carli il Grant. O soi lât a tirâ fûr dut ce che o vevi di lui e, par sorte, mi son vignudis in man lis notis tiradis jù des lezions dal nestri professôr di storie tal ’seminari. E sâstu ce che al veve dit chel osti? Che dobbiamo ringraziare San Paolino che ha cercato di uniformare la liturgia aquileiese a quella romana; e che se adesso i friulani possono dirsi cattolici e in comunione con Roma, dopo tante scivolate verso l’eresia, lo dobbiamo molto al santo patriarca Paolino e al patriarca Francesco Barbaro…”
◆ “Propite chel! – lu çoncje Berto – Barbar di non e di fat! Chel venezian ludro che tal 1600 al à fat brusâ i libris dal nestri antîc rît patriarcjin par fâi plasê al pape. Ma tornìn a Paulin.”
◆ “No ai durmît, Berto, cul carûl che Paulin, un dai pôcs patriarcjis che nus àn fat sant, al sedi un di chei che al vedi voltade la schene ae nestre tradizion par vendile a Rome! Ma tu che tu sês daûr a studiâ i siei componiments di poesie e di musiche, ce idee ti sêstu fate?”
◆ “Intant, Toni, tu as di insuazâ la persone. Par me Paulin, cundut che al jere di Premariâs e che al veve studiât a Cividât, al jere pôc in cubie cui langobarts che di doi secui a vevin il podê in Friûl. Il gramatic Paulin si cjatave invezit benon inte Scuele Palatine di Aquisgrane, parie cun Alcuin di York, Pieri di Pise, cun Agjilbert, Arnon di Frisinghe e Adelart: il grup di inteletuâi clamâts a meti dongje il dissen imperiâl grandiôs di Carli il Grant. In chê congreghe, come une Academie, Paulin al judà Carli a tirâ sù l’implant dal Sacri Roman Imperi. Lis ideis a vevin une puartade europeane e, par riessi ben, si scugnive metilis in vore compagnis dapardut.”
◆ “Duncje Berto, pensistu ancje tu che Paulin al sedi stât un ‘globalizadôr’ ante litteram, un drazadôr des diferencis de nestre mari glesie di Aquilee?”
◆ “Al somee che al sedi cussì, Toni, massime se tu leis i storics romans. Ma o ai provis che la robe e sedi diferente. O crôt che Paulin al sedi stât in cunvigne cu la Academie Palatine su la dibisugne di uniformitât e di une struture vualive par dut l’imperi, ma che al varès volût fâlu cence doprâ il pugn di fier come che al voleve Carli. O crôt alore che Carli al vedi cjapade a sec la ocasion de muart, tal 787, dal patriarcje Sigualt, ultin patriarcje langobart di Aquilee, par meti tal so puest Paulin. Dal sigûr, a Carli i stave ben vê un so om fidât tant che patriarcje di Aquilee, ma o pensi che al vedi ancje profitât par slontanâlu dal centri dal podê. Si capìs che ancje a Paulin no i smecave masse chê nomine. Tornant in Friûl al scrîf Nam ego in patriam ceu peregrinus eo: al dîs di tornâ te sô tiere come un pelegrin, come un forest di passaç. Ae cort al steve benon parcè che al jere plui puartât come mestri di gramatiche e poete che come om di guvier e politic. La incarghe, dut câs, e je la plui prestigjose di in chê volte e, cun di plui, Carli lu nomene ancje missus dominicus, ven a stai ispetôr, e lu mande ator pe dute Italie. La diretive di Carli, che i plâs meti il nâs tes robis de glesie, e je propit chê di uniformâ la liturgjie. E Paulin al ubidìs, e al interven su chei patrimonis antîcs di musiche liturgjiche e di tradizion locâl. Si fevele dal rît ambrosian di Milan, di chel patriarcjin di Aquilee, di chel bizantin di Ravene, di chel di Mont di Cassin.”
◆ “E ce isal rivât a fâ?” i domande Toni.
◆ “Alc al à fat e alc al à dreçât. Ma o crôt che, in gracie de sô sensibilitât pe musiche e pe poesie (pense dome al cjant Ubi Charitas est vera – Dulà che l’amôr al è vêr, alì al è Diu) al vedi morestade la durece dal imperadôr, doprant savietât e ecuilibri. O podìn dîsi alore che nol à licuidât il rît patriarcjin. No par nuie al è stât scancelât dome dopo votcent agns dal patriarcje Barbar.”
“Âstu altris provis di cheste sensibilitât, Berto?”
◆ “A ‘nd è une vore. Ti conti une. Tal Concili di Cividât dal 796-797, il patriarcje Paulin – dopo di vê dade une buine raclade ai vescui e ai predis masse ingolosîts di teatri, cjacis, zûc e bai – nus fâs savê che i rustici tes vilis a fasevin fieste di sabide, come i judeus. Paulin alore al dispon che la fieste e veve di scomençâ la sere de sabide e che il segn al sarès stât il sunôr des cjampanis. Âstu presint la cjante: O cjampanis di sabide sere?”
◆ “Po no po, Berto”
“Cheste usance di sunâ a dopli la vilie e je vive ancjemò in dì di vuê in Friûl, vere Toni? Ma il biel al è che Paulin no ur à cridât par nuie ai rustici che tes vilis a fasevin fieste di sabide invezit che di domenie come tes citâts di Aquilee, Cividât e Concuardie. Pense che cheste usance, che e je di divignince judaiche e alessandrine, e à continuât a lâ dilunc in Friûl ancjemò par mil agns. Si che duncje, Paulin no le à sigûr drazade lui.”
◆ “Po ben. Tu mi âs gjavât il carûl. Cumò che o soi in pâs cun Sant Paulin, o pues bevi chest tai di neri che tu mi âs metût. Vive!”
“Vive!” ❚

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +