Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

MEDITANTLIS TAL SO CÛR. Sul criche dì

............

Al diseve Blaise Pascal che lis provis de esistence di Diu a son come il cjatâsi sul criche dì, li che un al pues dî che al è ancjemò gnot e chel altri al cuintribat che aromai o sin intal dì.
Mi soi impensât di chest paragon, leint il libri di G. Augias e R. Cacitti “Inchiesta sul Cristianesimo – Come si costruisce una religione” li che nus ven contât di cuant che sul criche dì de buine gnove dal Vanzeli no si saveve ancjemò ce strade che la peraule di Crist e varès cjapât: saressie restade “spirt e vite” o si saressie mudade in religjon?
Za des primis pagjinis dal libri nus somee di cjatâsi intun taramot li che dut al ven sdrumât e li che lis puartis di cjadaldiaul si spalanchin par gloti ogni forme di sorenaturâl… Cuasi cuasi o restìn cence flât.  Ma il professôr Remo Cacitti nus cjape par man e cu la sô sience e libertât, cu la profonditât dai siei studis e integre onestât nus condûs, sempliç e seren, fra i trois inturtiçâts de storie antighe e intal glimuç ingredeât de esegjesi, de filosofie e teologjie.
Lui, intal libri, al è un om cussì calm di someâmi un Sant Antoni dal desert, che fra i torments al gjoldeve di une grande pâs. Lis rispuestis di Remo a spalanchin barcons di ogni bande, e tu no tu ti strachis di cjalâ valadis cence fin che ti invidin a studiâ, a profondî e a imparâ par capî simpri miôr. Un libri di dut rispiet, parcè che il professôr Cacitti nol impon la veretât, ma ti davierç ae veretât; nol è za rivât da pît de strade, come che tantis voltis al sucêt soredut intai scrits dai catolics, ma al cjamine ancjemò cun te sul troi che al olme e al cîr la veretât.
E soredut lui al è un om profont, libar e liberant intune glesie catoliche romane li che o sin ben lontans di ogni segnâl di democrazie, di tolerance, de acetazion di une veretât relative, dal rispiet des opinions, de libertât di peraule.
Fossino professôrs come lui in cheste nestre glesie che e nudrìs cun mil mieçs la ignorance e la banalizazion de religjon. Leint il libri o disevi dentri di me: O soi propit curiôs di savê cemût che e va a finîle. La conclusion mi è plasude, ma mi à lassât un grant marum, mi à fat plombâ intal aviliment, parcè che ai timps di Costantin il Grant la Gjerusalem-glesie che e ven jù dal cîl e je lade a poiâsi propit sul palaç dal re e l’imperadôr in persone al à servît chel gustâ che al jere scuasit anticipazion dal gustâ dal Ream di Diu.
In chê dì si è distudade la spiritualitât e e je nassude la religjon; di chê zornade in ca, la glesie e à falsade la esegjesi des peraulis sacrosantis di Crist: “Dait duncje a Cesar ce che al è di Cesar e a Diu ce che al è di Diu.” (Mt 22,21). Ormai, par disesiet secui chel verset al varès sunât cussì: “Dait duncje al imperadôr ce che al è di Diu e dait a Diu ce che al è dal imperadôr”. Une tragjedie che inte glesie catoliche e dure fin in zornade di vuê. Podessie vuê la glesie, dopo mil e sietcent agns, voltâ finalmentri pagjine! Fossino tancj i professôrs come Remo Cacitti che a unissin il rigôr sientific ae libertât e ae dimension dal spirt. Alore sì che su la spice de mont cualchidun al podarès berlâ a dute vôs: Finalmentri, o sin sul criche dì.
pre Tonin Cjapielâr

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +