Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Mangjâ ben par stâ ben

............

LA ALIMENTAZION TANT CHE DIFESE CUINTRI IL CANCAR

Di bandî lat e derivâts e cjar lavorade. Un atentât ae taule furlane?

Intun moment storic cussì delicât come chel che o sin daûr a vivi, cu lis crisis de economie, dal lavôr e dal guvier, al somee pardabon che no nus resti altri che dî: «E baste la salût». Magari cussì no, tant par no fâsi mancjâ nuie, ancje di chê bande o clopìn a fuart, cuntun numar di malâts che al cres di an in an. A fâ la part dal leon (o dal cancar, in chest câs) a son i tumôrs, cun percentuâls simpri plui altis e cun câs gnûfs che a saltin fûr tant che foncs.

Cemût parâsi di cheste plaie che, par une volte tant, no sparagne nissun, ni il puar, ni il siôr? La miôr azion, si lu sa, e je la prevenzion, fasint tesaur ancje des detulis dai vielis, tant che “la salût e ven mangjant”, peade nuie di mancul che ai insegnaments dal miedi grêc Ippocrate dal V secul prin di Crist. La scuvierte de aghe cjalde, in sumis? Sì, ma e je une lavade bulinte (altri che disfidis di ice bucket!), se o cjapìn in man i studis de dotore Maria Rosa Di Fazio, responsabile di Oncologjie dal Centri internazionâl SH Healt Service di S. Marin, indulà che e puarte indenant il metodi di oncologjie integrade, praticât in dut il mont e scuasit discognossût in Italie.

Tai siei libris “Mangiare bene per sconfiggere il male” e “Le ricette di mangiare bene per sconfiggere il male”, cun di fat, la specialiste e à marcât la impuartance de alimentazion, stant che e je responsabile al 50% dal disvilup di malatiis tumorâls, cuntun rûl primari ancje te riduzion dai efiets colaterâi dai trataments chemioterapics. Jenfri i compuartaments sbaliâts a jentrin ancje chei puartâts indenant dai stes ospedâi, indulà che al pazient ricoverât i vegnin dâts di mangjâ une mignestrute fate cul dât, il persut cuet o il formadi, o il purè pront. Dentri chê cene, si cjatin i nemiis principâi dal nestri cuarp: i zucars, che a son nudriment pes celulis cancerogjenis (une celule sane a ‘nt consume vincj voltis di mancul), la cjar lavorade, plene di ormons e di conservants, e il lat e derivâts, che a àn dentri fatôrs di cressite.

Declarazions che a sunin tant che un vêr atentât ae taule furlane, indulà che no puedin mancjâ la bree cul salam pront di discartossâ e il frico. E inalore, come consolazion no propite cussì magre, ve che la dotore e lasse che al pazient san i scjampin une o dôs fetutis ogni tant (ma di râr!) di formadi o di robe insacade – miôr se di crût di Sant Denêl o di Parme, i unics doi a no previodi te lavorazion ni nitrîts ni nitrâts. ❚

Serena Fogolini

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +