Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Lis “rogazions”, un libri di pre Antoni Beline

............

La rogazion tant che simbul de vite e de storie di un popul: si podarès, in struc, definî cussì chest librut, dulà che Pre Toni Beline al met dentri dute la sô esperience di plevan, ma soredut di Furlan.
Sì, parcè che tra lis riis di chest libri si cjate une vision dal mont che e je chê dal furlan. Chi dentri al è ancje il paradigme dal mût di pensâ e di vivi di pre Antoni, la sô vision dal mont, i siei temis profetics, i lûcs dulà che al stave ben: la tiere, la int di paîs, il rapuart cui siei e cu la glesie che lu à compagnât par dut il percors de sô vite, a scomençâ di cuant che al jere frut fintremai cuant che al è deventât om e daspò predi.
Pre Toni al ricuarde dut chel che la sô tiere i à regalât e al identifiche il so percors cu la rogazion: un percors dificil, sofiert, che al puarte viers Crist, passant par moments de vite che a fasin rifleti e che a formin.
Cussì, inte rogazion come inte vite: fin di cuant che un al nas, par po deventâ frut e daspò om, al percor il flum de vite e al passe ducj chei moments che lu fasin jessi chel che al è.
E chest cence dismenteâsi mai di dulà che al ven, dal so rapuart cu la tiere e cul puest dulà che al è nassût. Al è chest il pinsîr che al travane ogni furlan: il rapuart che al à cu la sô tiere.
Pre Toni Beline al jere propit un om che al tornave spes intal so paîs e intal mieç de sô int, parcè che al ricognosseve il rapuart grant e fuart che al jere tra la tiere e la comunitât dal paîs.
Culture materiâl e culture spirituâl, ma simpri culture, nassude dentri di nô dal rapuart tra comunitât, religjon e tiere, chês trê robis che une volte a jerin fondamentâls par vivi. E che purtrop, in dì di vuê, no rivìn plui a ricognossi tant che impuartantis, ma che nus daressin un spirt gnûf par superâ lis dificoltâts de nestre vite. E nô o vin chest scrit di pre Toni che nus al ricuarde, cu la sô scletece e cu la sô semplicitât. ■
Cinzia Collini

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +