Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Lis gnovis elezions di chei dal Parlament Furlan

............

dissen di Giovanni Di Lena

Un clic e i lapis copiatîfs dal Parlament Furlan a son stâts poiâts. A un mês de viertidure des urnis digjitâls, ai 31 di Otubar, i risultâts dal vôt eletronic a son stâts pandûts. Prime novitât: a jentrin 27 parlamentârs, tra confermis e partencis (aes elezions dal 2014, a jerin in 11). Seconde gnove: no savìn ancjemò il numar totâl dai votants. Dât impuartant, chest, par vie che la credibilitât di un progjet politic si misure ancje sui numars, specialmentri sul confront diret cun chei de tornade eletorâl precedente. La organizazion e à stimât ben di no pandiju subite, ma plui indevant.
Un president ad interim. La prime sentade, davuelte ai 6 di Novembar, e à votât il president dal Parlament Furlan: al è Loris Cao, 36 agns, inzegnîr, di Cjanive di Sacîl. Al sarà ad interim, par vie che la Costituzion de Patrie e proviôt che nissun president al puedi jessi iscrit a un partît politic talian. E Cao lu è. La sielte dut câs e je colade su di lui, par vie che al è stât un dai trê fondadôrs dal moviment. Lu judaran, tant che vicepresidents, Marco Serafin e Lodovico Galliussi.
I Parlamentârs. Il moviment al à cambiât il non. No saran plui chei di “Res publiche furlane”, ma par reson di identificazion cu la int e di semplicitât di comunicazion, si clamaran semplicementri “Parlament furlan”. Dai 11 dal an prime, sîs a son stâts confermâts: Simone Nespolo, Stefano Mattiussi, Marco Serafin, Fabio Brusini, Gianni Sartor (il plui votât cul 18,47% des preferencis), Loris Cao. Chei altris 21 a son dutis gnovis musis de politiche indipendentiste: Mario Prati, Fabio Biferali (secont plui sielt cul 10,41%), Enrico Durisotti, Daniele Dean, Paolo Galluzzo, Gian Marco Sartor, Andrea Mucchiut, Ezio Pellegrini, Ivan Manzato, Claudio Pighin, Martina Fasano (seconde plui clicade cul 9,23% e la plui zovine, classe 1996), Mariangela Quai, Lodovico Galliussi, Pamela Serafini, Andrea Zilli, Cristiano Urban, Adalberto Conchin, Beppino Londero, Aldo Procaccioli, Alberto Nassivera, Giovanni Mauro. A lavoraran in comissions, che però a àn ancjemò di jessi decidudis e costituidis.
Listis civichis. La rivoluzion il gnûf Parlament le fasarà sul teritori. Chi si à il prin cambi di program rispiet al 2014, cuant che si veve decidût di no presentâsi ni di candidâsi in nissune elezion, di nissun nivel (la ratio e jere chê di un discognossiment des istituzions talianis). Cumò il cambi di pas. Al scrîf Adriano Biason, un dai fondadôrs dal moviment: “No podìn spietâsi, nol è mai sucedût, che cualchidun altri si alci sù a garant de integritât dal Friûl, pluitost al è sucedût il contrari. Di ca la me propueste personâl di creâ une rêt di Listis Civichis Indipendentistis, che a varan la poie dal Parlament Furlan”. E ancjemò, “o volìn jentrâ tai comuns, tai consei des unions teritoriâls e te assemblee linguistiche, parcè che il Friûl al puedi vê une rapresentance robuste robuste dal bas”. Il Parlament al lavorarà sul teritori par judâ la costruzion di listis civichis indipendentistis pes prossimis aministrativis.
Bandiere. Il Parlament furlan al à sielte la sô bandiere: la acuile furlane, ma su fondon ros patriarcjin. Il stes ros che al veve il patriarcje di Aquilee. “Par nô, al sarà un simbul di indipendence, par vie che chel colôr al riclamarà la bandiere rosse che e vignive doprade in vuere intant dal Patriarcjât”, nus spieghe il vice president, Marco Serafin. Par intant, la bataie e va indevant sul web e sui social. Za atîfs un gjornâl online (lavosdalfriul.eu), un database di prodots 100% “made in Friûl”. Il Parlament furlan al à prontât la version in marilenghe di Skype e di Firefox. E cumò al sta voltant ancje Facebook, dulà che si cjate za un grup. ❚
Oscar Puntel

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +