Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

La insostignibile izerece dai intervents sui flums

Gianluca Rassati
Chi a àn bielzà lavorât par nô: a àn secjât la glerie. Racolane

Un studi inovatîf sul impat de energjie idroeletriche sui ecosistemis

I risultâts dal studi puartât indevant, descrits inte prime part dal articul, a àn evidenziât un impat sul habitat e su la comunitât dai uciei une vore pesant. Chest al à ancjemò plui significât se si ten in considerazion che l’autôr, plui di vincj agns indaûr, al veve fat – doprant un altri metodi sientific – un studi simil intal Tiliment, focalizât sui uciei nidificants: ancje in chê ocasion e jere stade verificade une diminuzion dal numar di speciis, de abondance dai individuis e de diversitât dai uciei inte trate cun presince ocasionâl di aghe.
◆ Un dai risultâts plui significatîfs al è rapresentât dal fat che, intal câs dal Tiliment, pûr jessint i doi trats indagâts rapresentâts di un toc di flum simil in origjin, la mancjance di aghe e à causât un cambiament fuart, tant di podê sostignî che, in sostance, si trate di doi ambients diviers.
◆ Il fat che la antropizazion e influissi in mût sostanziâl su lis speciis animâls che a vivin dilunc dai cors di aghe, cemût che al è stât cjatât, al è confermât di altris studis puartâts indevant a nivel mondiâl.
Il nestri planet al sta vivint une crisi peade a diviers fatôrs, tant che incuinament, cambiament dal clime, modificazions ambientâls e vie indenant, che a incidin in mût sostanziâl sui ecosistemis e che a stan causant une pierdite fuarte di biodiversitât.
◆ Al è duncje evident che, doprant une disposizion razionâl ae cuistion, al è necessari valutâ cun atenzion i intervents sui cors di aghe, tacant dal domandâsi se al è il câs di fânt altris che a vadin ancjemò di plui a impatâ.
Se si cjalin lis Alps – e in particolâr chês Cjargnelis e Juliis – si viôt che al è un grant numar di oparis par produsi energjie idroeletriche e che cualchi cors di aghe al è interessât di plui di une di chês. Cun di plui, tantis altris a son daûr a jessi realizadis.
Tignint in considerazion ce che aministradôrs publics di varis gjenars e nivel nus rifilin di un continui, ven a stâi che il rispiet pal ambient e i vivents al è prioritari, che i lavôrs e lis oparis che a vegnin fatis a son intun “otiche di sostignibilitât” e vie indevant, al è clâr che alc nol torne. Se, po dopo, si va a viodi ce che al è scrit intes relazions sui aspiets ambientâi – dispès carentis di dâts significatîfs e basadis su afermazions cence fonde e fintremai ridiculis – che a vegnin zontadis ai progjets pe realizazion di gnovis oparis, dulà che l’impat ambientâl (sensu lato) al è simpri considerât temporani e trascurabil, al è di sgrisulâsi.
◆ Al ven di domandâsi: cemût isal pussibil chest? La rispueste si le cjate intun complès di fatôrs che a son sot dal cjapiel di un che al pues jessi considerât il principâl: il business.
Al è un insiemi di sogjets, ditis in particolâr ma ancje professioniscj, che a àn promovût ancje incuintris publics par ilustrâ ae coletivitât la lôr “mission” (peraule che e va di mode e che e je dentri di chês ripuartadis inte propagande descrite inte prime part dal articul) che e je simpri improntade al ben dal om e dal ambient. Par dâ fuarce a cheste ipotesi, intai cartei che a son intai cantîrs dulà che a stan fasint une centraline, si cjatin frasis dal gjenar: “O stin costruint un implant di produzion di energjie eletriche alimentât di fonts rinovabilis”, a sostignî la ipotesi che chescj, tant che missionaris intune tiere spierdude e salvadie, “a stan lavorant par nô”, par dânus “energjie nete”, cence impat sul ambient. In realtât, si trate di un afâr par pôcs doprant un ben propri de Nature (che l’om e considere di sô proprietât e che duncje si pues doprâ cemût che si vûl) che, cemût che al è stât dimostrât di studis sientifics, al à un impat negatîf sul ecosisteme e sui vivents che a fasin part di chel. Se, po dopo, o tignìn cont che in diviers câs, in presince di une antieconomicitât dai intervents, chei si puedin fâ in graciis di incentîfs che po dopo i coscj a colin su la coletivitât interie, si capìs cemût che e ven tratade la cuistion e cuale che e je la reâl “mission”: il business.

Tiliment a mont de dighe di Caprizi


◆ In chest gjenar di contest, la biodiversitât e la vite no puedin vê nissun spazi. Par fâ capî di plui cheste situazion, si à di considerâ che, in merit aes autorizazions pe realizazion di un gnûf implant, la eventuâl discussion fra cui che al domande e ent public (par esempli un Comun) che magari nol vûl che al sedi fat, e je dispès incentrade su regolaments che a tocjin variis robis (viabilitât, ûs civics e altri), cun discussions gjestidis di avocats e altris figuris aministrativis (e une assence di esperts di problematichis “ambientâls”), che no tratin dai vivents che si larà a fâ sofrî o a copâ. Par doprâ un paragon religjôs, al è come se, rivâts su la puarte dal Paradîs, Sant Pieri, par viodi se la vuestre anime e pues jessi ametude, invezit di tabaiâ di voaltris e des vuestris azions vie pe vite su la Tiere, al cjacaràs dal regolament dal Paradîs e, duncje, dal fat che la vuestre anime si sedi metude intune posizion che no va ben rispiet ae puarte dal Paradîs (masse dongje, masse lontane, a drete, a çampe), parcè che chê e je la posizion des animis di chei che a muerin di miercus, ma voaltris o sês muarts di joibe. Si pues pensâ che chestis a sedin monadis. Di fat, chel a son, e a son compagnis di chês che a vegnin dopradis par decidi de vite o de muart di creaturis viventis cence difese.
◆ Sa a dut chest si zonte il fat che, in maniere indipendente di dut ce che al è scrit inte normative o intes autorizazions ae realizazion des operis, plui di une volte si viôt che lis gleriis a son cence aghe (cemût che al è stât verificât ancje inte Racolane intal cors dal studi) e, par chest, i implants no vegnin gjavâts a chei che ju gjestissin, si capìs dulà che al pues rivâ l’antropocentrisim: se si proponessin oparis cun efiets deleteris direts sul om e saltarès fûr dute une “confusion” (doprant un eufemisim); invezit in chescj câs al somee dut “normâl”, ancje parcè che al è permetût de normative (fate dal om).
◆ A la lûs des evidencis sientifichis e de crisi ambientâl – che, se lassade lâ indevant e produsarà efiets deleteris ancje sul om – si scuen cjapâ cognizion dai erôrs fats (cemût che al è stât fat intai paîs plui avanzâts de Italie dulà che di timp si stan fasint oparis di “ricualificazion fluviâl”, ven a stâi di ricostituzion di ambients il plui dongje pussibil di chei origjinaris) e meti l’interès di ducj devant di chel personâl e/o di part. Par fâ chest si à di programâ lis oparis che a coventin su la fonde di indagjins sientifichis e tecnichis fatis di esperts competents e indipendents.
◆ In conclusion, intal stât di degradazion ambientâl atuâl e in presince di un grant numar di oparis idroeletrichis, nol à sens autorizâ gnovis oparis e bisugne gjavâ part di chês bielzà fatis, proviodint, in maniere contestuâl, a ripristinâ l’ambient, tignint cont, in plui dai aspiets biologjics e ecologjics, ancje di chei storics e culturâi, paisagjistics, turistics e vie indenant.
◆ Duncje, se al ves di capitâ di scoltâ intervents presentâts tant che finalizâts ae produzion di energjie di fonts “rinovabilis” e a creâ puescj di vore in zonis di mont (magari fats di int che no vîf in mont) e che chest al è fat pal progrès, cence ripuartâ nuie dai aspiets distrutîfs di habitat e comunitâts di animâi e plantis, e dal impat economic e sociâl reâl (verificabil cjalant ce che al è capitât intal Alt Tiliment in consecuence des variis captazions), al vût savût che a contin sflocjis. Da pît: al bisugne simpri tignî iniments di no confondi i afârs di cualchidun cul progrès. ❚

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +