Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CE CHE O VIN PIERDÛT. La “vuere juste” dai Venezians tal manuscrit segret di Voleson di Manià

Agnul Floramo

In ogni teoreme di politiche internazionâl, te ete di vuê come ai timps di Pericle l’ateniês, cetant prime di discjadenâ une vuere si met in vore la “inteligjence”, cemût che si use a dî fevelant di strategjie gjeopolitiche globâl. Che Vignesie e podès pensâ di sdrumâ intun bot une realtât cussì grande e potente tant che il Patriarcjât di Aquilee, no lu crôt propit nissun. Cemût che si diseve inte rubriche dal mês di Lui, il Dôs al veve bisugne di meti in cjamp dutis lis cundizions che a indebilissin la Patrie dal Friûl, che le sgnervassin di dentri, di mût che il colp finâl di disgracie al fos facil di bati e soredut nol compuartàs masse spese. Argoment fondamentâl par une Republiche di marcjadants. Ma prime di passâ ae azion si scugnive cjatâ il “casus belli”, la ocasion par justificâ ai voi dal mont e ancje ae cussience interne – chê che vuê o clamìn “opinion publiche” – une azion tant radicâl, pericolose e ancje dispendiose come une vuere. Al è simpri apassionant cirî di capî cemût che al funzione un argagn, parcè che dome smontant il trabacul si rive a jentrâ dentri dal cjâf di chel che lu à progjetât. E o tachi di un argoment che no mi pâr che al sedi mai stât cjapât prime in considerazion, ancje parcè che al è vignût fûr di un “manuscrit segret”, o almancul “secretât”, che par secui si pensave che al fos sparît par simpri e che invezit al è saltât fûr cuasi par câs fra lis scansiis de Biblioteche Vuarneriane di San Denêl, une istituzion radicalmentri patriarcjine, fondade e volude di un vicjari dal Patriarcje di Aquilee, Vuarneri di Dartigne, cuant che aromai il rest dal Friûl al jere za sot des sgrifis dal Leon. Mi riferìs ae “Descrittione de la Patria del Friuli”, firmade di Jacopo Voleson di Manià intal 1568, editade intal 2011 dal Circul Culturâl Menocchio e intal 2019 riproponude in forme integrâl inte golaine “Quaderni guarneriani”. Inte introduzion che il vecjo e preseât inteletuâl furlan al scrivè par spiegâ il sens de sô opare al ven a spiegâ in maniere clare e sclete: “La Patria del Friuli […] fu detta Foro di Giulio dalla colonia Foroiuliense o, come vogliono alcuni, in honore di Giulio Cesare – et altri giudicano c’havesse questo nome assai per inanzi dalla gente Giulia – et ultimamente Patria, così appellata dai signori vinitiani perché, ritornando loro dopo la guerra sul Friuli, soleano dire andiamo alla Patria come in gran parte nativi d’Aquilegia et di Concordia, colonie antiche di Romani nominate per Atila Re de gli Unni. Ma io credevo più tosto ch’ella habbia preso il nome dalli Patriarchi d’Aquilegia insieme col Territorio ch’essi possedevano, così di qua come di là del fiume Piave, perciò che in tutti i privilegi di Re et d’Imperatori che donarono castelli et ville di questa provincia ai Patriarchi, sempre vien detto posti nel contado, quando nel Ducato di Friuli, per fino a Carlo IV, et d’indi in poi pare a me che fusse stata chiamata “Patria” in logo di “Patriarcato” per la brevità del parlare”. Si sêso inacuarts di nuie? In chestis pocjis riis si pant une contraposizion ideologjiche fuartonone che l’Autôr furlan al veve nasât plui che ben e che si involuce propit sul significât dal non di “Patrie”. Al scrîf il Voleson che i Venezians lu rivendichin par se, sostignint che in origjin i lôr vons a vignivin propit di là, scjampant des distruzions di Atile. E che duncje la vuere puartade al Friûl e jere dome un tornâ a cjapâ possès di ce che al jere bielzà stât di lôr proprietât. Ma il Nestri al zonte che secont lui il tiermin Patrie al derive pluitost di Patriarcjât! No lu vessial mai scrit! Cheste opare, comissionade dal Senât Venezian, cuant che e fo esaminade, e fo bolade cul “non imprimatur”. Come che al conte il Liruti, che al saveve de esistence di cheste opare ma nol rivave a cjatâle, Vignesie e improibì al autôr di publicâ la sô fadie storiche: nissun al varès mai podût fâ nancje une copie a man. Anzit, l’unic esemplâr esistent (chel che cumò si cjate in Vuarneriane) al veve di jessi sepulît “in tenebris nunquam solem amplius visuros conderet”: tal scûr plui profont cence mai sperance di viodi ancjemò la lûs dal soreli. E no dome parcè che in chês cjartis lis informazions sul Friûl a jerin cussì tantis che se un nemì al ves vût di cjatâlis i varessin fat comut, ma soredut parcè che a pandevin une posizion filopatriarcjine e a disvelavin il teoreme venezian dal “bellum iustum”: o fasìn vuere al Patriarcje parcè che il Friûl e je le Patrie dai nestris vons e nô o volin vêle indaûr!  ❚

Fondazione Friuli / Un jutori concret al mont de scuele in regjon

Piero Cargnelutti
La Fondazione Friuli e comuniche di vê dât fûr il bant dedicât ae istruzion che al podarà contâ suntun font di 600 mil euros e che i progjets si podaran presentâ dentri dai 24 di Març. Il bant al previôt diviers indreçaments tant che il sostegn ae dotazion tecnologjiche, il potenziament des competencis linguistichis, il […] lei di plui +

Gnovis / Diego Navarria al vinç il Premi internazionâl Jacum dai Zeis

Redazion
Il nestri colaboradôr Diego Navarria al à vinçût il Premi internazionâl Jacum dai Zeis cun la conte par furlan “La confession”, insiemit a Rosella Soranzo di Duin cun “Una coppia in incognito”. Il premi al è ideât dal setemanâl Il Friuli in ocasion dai cent agns de muart dal inomenât personaç furlan, e oragnizât in colaborazion cu la Societât Filologjiche Furlane e l’Universitât […] lei di plui +

Pan e salam / Scufiots e trisculis

Enos Costantin
Une roste furlane prime de montane La disfide di BarletePar Marine Le Pen a vegnin prime i francês, par Matteo Salvini a vegnin prime i talians, par Viktor Orbán a vegnin prime i ongjarês.◆ Po ben, par finîle cun cheste naine fasìn une biele disfide. Ju puartìn jù a Barlete ducj i trê, ju sierìn […] lei di plui +