Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

“La cjase” dal Teatri Stabil Furlan

Alessio Screm

L’ultin Dpcm al fâs saltâ
la prime in program
par Dicembar. La produzion
no si ferme: debut in Primevere

«Une ruede che e cor e che no si ferme mai. E zire, si sporcje, e sprofonde, e tire sù la tiere e – intal so lâ – e respire ancje l’aiar, si gjolt la aghe e e torne a tacâ il so moviment. Cheste e je la prime imagjin che o ai dal test di Siro Angeli, un test che al à lis lidrîs intune Cjargne di plui di otante agns fa, che e fevele inmò di nô». Cussì nus conte la atore e regjiste gurizane Carlotta del Bianco, clamade a curâ la regjie de prime produzion dal Teatri Stabil Furlan che al dediche la so viertidure al teatri di Siro Angeli.
◆ Poete, dramaturc e senegjatôr nassût a Cesclans di Cjavaç tal 1913, muart tal 1991 dopo vê cetant lavorât e scrit, pal teatri, pe radio, pal cine, pe leterature, daûr di une cariere impuartante a nivel nazionâl. Al è stât tra i autôrs de “Enciclopedie dal spetacul” curade di Silvio d’Amico, funzionari dai servizis di prose pe Rai, deventât fintremai vice diretôr di Rai 1, e autôr di diviers libris, di poesiis, narative, pal teatri, pal cine, atôr in “Marie Zef”, il film dal 1981 di Vittorio Cottafavi.
◆ De Trilogjie cjargnele di Angeli, il Teatri Stabil Furlan al à sielzût “La casa” dal 1937, cuntun lavôr di traduzion e di adatament che lu à fat deventâ “La cjase, lagrimis di aiar e soreli”. «O vin fat di chest test cetant biel un drame psicologjic, gjavant i aspiets naturalistics propris de scriture zovanîl dal autôr par fânt une opare cence timp, cui personaçs che a àn une tension che si môf “cence mai crevâsi dal dut la vite”. Une gjeografie emotive che e reste sierade in cheste cjase, passaç e destinazion, filigrane di emozions ancje autobiografichis che a penetrin e si impocin dentri di nô». La riduzion dal test e je stade realizade di Carlotta Del Bianco insiemi cun Paolo Patui, diretôr artistic dal Teatri, e Paolo Sartori che al à curade ancje la traduzion dal test par furlan. Il cast al è componût di artiscj furlans cuntune cariere zovine e trasversâl: Caterina Bernardi, Manuel Buttus, Caterina Comingio, Alessandro Maione, Elsa Marin, Paolo Mutti e la partecipazion dal atôr dal Teatri Stabil Sloven Vladimir Jurc. Assistente ae regjie e je Marta Riservato, lis creazions multimediâls a son di Marino Cecada e Massimo Racozzi, i costums di Sartè.
◆ Dute la scuadre, di resint e je stade tal paîs là che al è nassût Siro Angeli, inte suaze dal lavôr che ju sta impegnant une vore in leturis e provis variis che a van indenant a fâ, tal rispiet di dutis lis limitazions e indicazions sul contigniment de epidemie.
◆ Tant fâ par amôr dal teatri che si spietarà di viodilu di gnûf viert, prime di podê vê une date sigure pal debut dal spetacul che al jere in calendari ai 5 di Dicembar tal Teatri Giovanni da Udine. Date saltade, si reste fers come dut il compart dal spetacul. La produzion a ogni mût no mole, e spere e e continue il so lavôr di provis. Tant che la gjite a Cesclans in Otubar e je stade la ocasion par visitâ i lûcs di Siro, il percors poetic a lui dedicât, tra i prâts di Atom e lis stradis dal paîs, par jentrâ dentri de sô cjase, par viodi ancje la biblioteche e altris lûcs de sô vite.
◆ Une ocasion par incuintrâ ancje la sô int, come la femine Alida Airaghi Angeli che sul toc teatrâl nus dîs: «Intal drame “La cjase” il tant zovin Siro Angeli al à esprimût il so judizi, sevêr e clement insiemi, sui rîts e sui prejudizis di une famee di paîs, sul amôr e sul disamôr, su la fedeltât e sul tradiment. Intune dissidie mai comedade intes contradizions che o vin ducj, tra nostalgjie e insoference dal passât, limit o ricercje di recuperâ par fânus cressi, tant come individuis che come coletivitât».
◆ Nus dîs il diretôr artistic Paolo Patui: «O volìn tignî di cont e dâi valôr a un autôr furlan che al è stât cetant stimât e amirât – plui a nivel nazionâl che furlan, a dîle dute – e fâlu protagonist di chest licôf teatrâl al è pal Teatri Stabil Furlan un pont di fuarce, inte intenzion di dâi il just puest che al merete e di fâ cognossi, midiant di lui, aes gnovis gjenerazions, la fuarce de nestre culture, de nestre lenghe, dal nestri teatri. No vin di dismenteâ che il Friûl al à une tradizion dramaturgjiche impuartante, e cheste prime – tal insiemi di une programazion che e cjale in lunc e in larc, no dome tal passât ma ancje e pardabon tal presint e tal futûr – e vûl jessi une maniere concrete par vivile insiemi. “La cjase” si realize cun artiscj zovins, preparâts e motivâts, une scuadre artistiche e tecniche entusiaste di chest lavôr che o sperìn di condividi al plui prest cun dut il public e la int» ❚

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +