Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

La “Bibie” dal teatri furlan

............

Autôrs e atôrs, compagniis e copions, spazis e senis, dal Tresinte in dì di vuê, contâts di Bepi Agostinis intune publicazion di passe 500 pagjinis

Une publicazion dibot di 500 pagjinis, che a cjapin dentri autôrs e atôrs, compagniis e copions, spazis e senis dal teatri in Friûl, dal Tresinte in dì di vuê. Cheste la ultime fadie di Bepi Agostinis, che par passe 40 agns al à metût dongje articui, intervistis e recensions peâts aes musis Thalie e Melpomene, non, chest ultin, che nô furlans o podìn cun svant rimplaçâ cun chel di Adelaide Ristori, atore tragjiche straordenarie nassude a inizi Votcent a Cividât.

Ancje cheste e je une des curiositâts che si puedin cjatâ in “Storie e cronistorie dal teatri in Friûl dal 1300 al 2000”, pardabon une “Bibie” dal teatri furlan che, pagjine dopo pagjine, nus mene ae scuvierte di cheste art a cjase nestre, des sacris rapresentazions di Cividât e Aquilee, ae vivarositât dal Votcent, aben che il furlan al fos doprât dome di râr.

Bisugne di fat spietâ il Vincjesim secul par risultâts di sostance pe lenghe, in gracie di autôrs tant che Riedo Puppo, Renato Appi, Alviero Negro o Gianni Gregoricchio, tant par fâ cualchi non, o midiant di regjiscj e amadôrs che a puartarin une bugade di novitât cu la lôr vision di teatri tant che mieç educatîf e di sperimentazion, e no dome fat di “fufignis”.

Al è propit traviers dai lôr voi che e je descrite buine part dal Nûfcent, o miôr, midiant dai lôr scrits, stant che Agostinis al à ripuartât lis notis dai diaris di Silvio Sattolo, Nevio Ferraro, Walter Faglioni e Enzo Mezzelani.

Ma il spirt che plui di ducj si sint a movisi daûr di dutis chestis pagjinis al è chel di Nico Pepe: une presince vive e ferbinte, e no dome une fantasime de opare. Nol podeve che jessi cussì, viodût che Bepi al è stât prime arlêf e po dopo assistent e confident dal plui grant Pantalon dal Nûfcent.

Chest libri, in sumis, al è un at di amôr, ma soredut un toc fondamentâl de bataie di dute une vite par un Teatri stabil furlan, par che la lenghe e sedi doprade par fâ vierzi i voi, rivant da pît dal cûr dal spetatôr.

di Serena Fogolini

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +