Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

INCHIESTE. Dopo il dam, la gabe di Terna ai furlans

............

Il cjâf dal “mostri” al è chi, tra i comuns di Redipulie e S. Pieri dal Lusinç.
Il cjâf dal “mostri” al è chi, tra i comuns di Redipulie e S. Pieri dal Lusinç.

E in Venit, Zaia si impon:
di cumò indenant, lis grandis liniis eletrichis
a saran dutis intieradis

Dopo il dam, la gabe! La planure furlane no dome e à vût di patî la feride ambientâl e paisagjistiche oribile dal eletrodot aeri Udin Ovest-Redipulie, ma cumò i furlans a àn ancje di digjerî la notizie che Terna (il gjestôr nazionâl dal traspuart de energjie eletriche) e à concludût cu la Regjon Venit un acuardi cuadri che al previôt di fâ passâ sot tiere i gnûfs eletrodots e di bandonâ la soluzion aerie. Ai 21 di Zenâr passâts, il president dal Venit Luca Zaia, e l’aministradôr delegât di Terna Luigi Ferraris, a àn fissât di intierâ l’eletrodot Dolo-Camin e altris interconessions impuartantis, par un invistiment totâl di 400 milions. Pecjât che la stesse Terna, in Friûl, e à sostignût simpri che a jerin problemis tecnics insuperabii tal intierâ eletrodots a tension tant alte. Un mantra ripetût in maniere acritiche di politics, industriâi e mass media regjonâi. E cumò, cui jal sclarissial ai furlans che in Venit e je une tecnologjie cetant superiôr?

In Friûl, di fat, la politiche e tâs imbaraçade, stant che e je complice a fuart dal misfat (a part pocjissimis ecezions). Sul teritori l’inzignîr Aldevis Tibaldi, “motôr” dal Comitât pe vite dal Friûl rurâl, al vise che la bataie no je finide ancje se e passe moments di grande dificoltât: «La sentence dal Consei di Stât dal Lui dal 2015 che e veve cualificât l’eletrodot tant che une opare abusive par carencis ambientâls gravis, e je stade scjavalgjade des decisions scandalosis dai guviers Renzi e Gentiloni che, distrigant cence nissune istrutorie il conflit tra ministeris dal Ambient e dal Disvilup economic, a àn tornât a dâ vie libare al eletrodot aeri. Cuintri chestis sieltis o vin proponût ricors al Tar dal Lazi, che in maniere scandalose al spiete di doi agns di jessi discutût. O vin presentât denunziis aes Procuris de Republiche di Rome e di Gurize par disastri ambientâl in relazion al ûs di bentonitis sul jet dal flum Lusinç, ma ancje chi nol è sucedût ancjemò nuie. O sin sigûrs che, prime o dopo, ancje il dirit nus darà reson. Il Friûl nol à di rindisi». ❚

Roberto Pensa

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +