Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il Teatri Stabil Furlan al cjale indenant, dentri dal Friûl ma ancje plui inlà

Alessio Screm
Il president Lorenzo Zanon, il sindic di Udin Pietro Fontanini e il diretôr artistic dal Tsf Massimo Somaglino

Interviste al President Lorenzo Zanon che nus conte des prossimis iniziativis

Al jere l’Atom dal 2019 e si stave par jentrâ, cence savêlu, intal turbin dal covid, cuant che un grup di personis e di ents dedicâts ae tutele e ae promozion de culture e de art furlane si è metût cun convinzion a tirâ sù il Teatri Stabil Furlan (Tsf). Une realtât che e mancjave e che si veve dibisugne di vê. Vuê, daspò di un periodi par nuie facil, massime par une realtât a pene nassude, il Tsf si è fat i vues e lis spalis largjis, vincint une scomesse impuartante: al à realizât spetacui e produzions di significât che prime no esistevin, di grant valôr professionâl, lant daûr simpri di plui no ae filosofie dal “fasin di bessôi”, ma dal “fasin insiemi”. Di fat, a son tantis e simpri di plui lis realtâts furlanis, tra associazions, fondazions, grups di diviers gjenar, ents comunâi, regjonâi e cumò ancje internazionâi, che si son strents ator dal Tsf, sostignintlu e partecipant tal meti in vore lis ativitâts pe divulgazion dal nestri patrimoni di leterature teatrâl e lis gnovis propuestis, cun voi simpri viertis e atents al contemporani, in plui che al storic.
◆ Su lis pagjinis de “Patrie” o vin za contât, e o lin indenant a contâ cun interès, cheste storie che o volaressin che e fos cence fin, in cressite continue. E daspò di diviersis produzions origjinâls tant che “La Cjase. Lagrimis di aiar e soreli” de opare di Siro Angeli, il studi “Carli e Nadia” ispirât di Carlo Michelstaedter, che al varà une continuazion – e inmò prime i progjets in sene e in video dedicâts al poete Alighieri, e variis altris colaborazions come pal medimetraç “Stazione VII – Hiroshima” cu la “Associazion Culturâl Luigi Candoni” pal centenari dal dramaturc cjargnel – il Tsf al è pront a meti in circul une altre schirie di iniziativis di nivel, contant sul jutori e su la aleance fondamentâl dai socis fondadôrs, e su lis propuestis simpri plui vivarosis che e vegnin di diviers contescj.
O vin intervistât il president dal Tsf, Lorenzo Zanon, che al è impegnât di simpri te cause furlane su tancj fronts, puartant indenant cun savê e impegn ancje chest “miracul” dal teatri di produzion furlane in marilenghe, che o vin di tignî tant che motîf di onôr e di orgoi.
_
Si è a pene sierade la prime stagjon dal Tsf, cun cuatri rapresentazions tal Teatri Gnûf Giovanni Da Udine e un public simpri plui sensibil, numerôs e apassionât. E pensâ che dut al è tacât in salide…
«Une iniziative, la Stagjon, che e varà continuitât e che si zonte a ce che al è stât fat fin cumò e che si fasarà. A son sodisfazions, ancje se il debut al è stât dificil, massime par colpe dal covid. Une scomesse impegnative che si è daûr a vinci, chê di puartâ a cognossi e a vivi insiemi la culture dal teatri furlan e par furlan, in Friûl e no dome. Une imprese di grant nivel, che si realize midiant di sinergjiis fondamentâls. O ricuardi i socis, che no smet mai di ringraciâ: Comun di Udin, Fondazion Teatri Gnûf Giovanni da Udine, ARLeF, Societât Filologjiche Furlane, Istitût ladin furlan “Pre Checo Placrean”, CSS – Teatri Stabil di Inovazion dal Friûl-Vignesie Julie, Civiche Academie di Art Dramatiche “Nico Pepe”. E un graciis ae Regjon F-VJ, che e à dimostrât une grande atenzion, aumentant la disponibilitât dai contribûts pes nestris ativitâts. E cun di plui, mostrant largjis viodudis, ogni progjet al fâs cont su gnovis colaborazions cun realtâts che o sin contents di relazionâsi cun lôr, costruint ideis gnovis. O sin contents che il Tsf al stedi deventant un pont di riferiment preseât».
_
Il sît internet (teatristabilfurlan.it) e la pagjine Facebook dal Tsf a contin la sô storie, tacade di pôc ma za ben inviade. Ce vêso in cantîr in merit aes gnovis colaborazions?
«Si è daûr a lavorâ. E par dâ cualchi anticipazion, o nomeni l’acuardi di intese pardabon significatîf che o vin fat cu la Universitât dal Friûl, tacât in graciis dai dialics produtîfs cul Cirf, il “Centri Interdipartimentâl pal svilup de lenghe e de culture dal Friûl”, e slargjât al interès di dute la Universitât. Une poie preziose e autorevule, che nus impegne a continuâ a jessi, e simpri di plui, un orghin struturât di produzion artistiche e di ricercje. Su cheste fonde, e je preziose ancje la coproduzion cul Festival Mittelfest, un altri riferiment important che o cun chel o vin za vût mût di colaborâ benon l’an passât. No pues dâ masse informazions – o sin in cors di opare – ma o varìn alc di inedit sul Pasolini autonomist. Une storie che e je stade contade pardabon pôc».
_
Il Tsf al fâs intindi di jessi “dal” e “par dut” il Friûl, tant che i spetacui a gravitin di volte in volte in dute la Patrie, simpri in fuarce di colaborazions, come cul Ert e altris. Cemût si podaressial puartâ il Tsf ancje fûr?
«Al è un obietîf che o vin simpri tal cûr, e cumò o vin tacât a viodi un sens concret tes azions tacadis e puartadis indevant cun costance e impegn. Si fâs simpri plui fuart il leam che o stin costruint cul Teatri Stabil Sloven, une realtât cheste di grande storie e esperience, un riferiment. E inmò e je in calendari la presince dal Tsf in Frisie, insiemi cu la Universitât e la ARLeF, par une iniziative partide dai uficis de culture de Ambassade olandese a Rome, intun contest internazionâl di larc respîr, leât aes minorancis».
_
Une cjase cence confins. Come lis atenzions che o destinais ai zovins, atôrs e tecnics, impegnâts tal compart, no facil, dal spetacul.
«Professioniscj declarâts e zovins, furlans e no dome. Cheste e je une altre des nestris ricetis. O vin dât mût di lavorâ – e inmò sore, a pene tacât – intant de “burascjade” des sieraduris, ai atôrs e ai tecnics che a àn contribuît a fuart ae riesside dai nestris progjets. O vin une compagnie interne di zovins che e je simpri vierte a gnovis modulazions, un diretôr artistic ecelent tant che Massimo Somaglino che nol à bisugne di presentazions, e une segretarie aministrative e organizative di zovinis di caratar e motivadis. O stin pensant ancje e simpri di plui, di meti dongje lis sinergjiis par cors di dramaturgjie e di teatri in lenghe furlane, pes gnovis e futuris gjenerazions». ❚

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +