Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il President Fontanini e la Provincie di Udin pal Setantesim dal Movimento Popolare Friulano

............

La fin de seconde vuere mondiâl e à fat nassi sperancis fra chei che a olmavin une pussibilitât di riscat nazionâl furlan. Par esempli intal 1946, si invie il nestri gjornâl, la Patrie dal Friûl. Ducj chescj ferments a dan vite al prin vêr partît furlan autonomist, nassût cussì intal ’47: il Movimento Popolare Friulano.
Il manifest, sotscrit ai 12 di Zenâr dal 1947, al è firmât di Zuanfranc D’Aronco (Segretari gjenerâl); Luigi Ciceri, Chino Ermacora e Alessandro Vigevani (Udin); Pier Paolo Pasolini e Zeffirino Tomè (Cjasarse); Attilio Venudo (Puart), e al scomençave cussì: «Friulani! È sorto il Movimento popolare per l’autonomia regionale, che ha lo scopo di agitare le presenti necessità della nostra Regione e di chiedere a Roma per essa la piú ampia autonomia amministrativa».
Une setemane dopo, al teatri Puccini di Udin, si faseve il prin comizi e, cun grande maravee dai stes organizadôrs, la popolazion e aderì cun entusiasim, jemplant il teatri, cundut de fuarte ostilitât dai partîts e de indiference des classis dirigjentis de epoche. Si podè lei sul «Gazzettino» tal doman: «Îr a Udin si è concretizade, pe prime volte dopo la Liberazion, une unitât complete di animis al di fûr dai partîts, tal non de Piçule Patrie».
Graciis a chei oms e al senatôr Tiziano Tessitori, puartadôr des istancis dal Movimento popolare te Costituente, e nassarà la Regjon Friûl ai 27 di Jugn dal 1947 cul “emendament Tessitori”, ancje se, magari cussì no, intal 1964 e deventarà chel ibrit clamât Friûl-Vignesie Julie, cu la sielte di Triest tant che capitâl.
Par celebrâ chel acjadiment, la Provincie di Udin e à volût dâ aes stampis Opinioni Personali, la racuelte dal trimestrâl saltât fûr dal 1969 al 1976 e diret di Zuanfranc D’Aronco, segretari dal moviment. Insiorât dai dissens di Gianni Di Lena, il volum al è stât presentât dal president de Provincie di Udin Piero Fontanini ai 19 di Zenâr a palaç Belgrât. Dut in presince dal professôr Gianfranco D’Aronco e cuntun intervent dal storic Gianfranco Ellero su la ativitât e la evoluzion dal moviment autonomist nassût di chel dal 1947.  ❚
Redazion

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +