Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

Il gnûf Vuk: polifonie di lenghis e varietâts dal Friûl di soreli jevât | Doi secui e mieçc (e plui) di vocabolaris furlans

............

Il Friûl gurizan al è simpri stât un teritori di contats di lenghis e culturis. Di plui de marilenghe furlane si fevel(av)in ancje il todesc, il sloven, il bisiac, il talian e altris lenghis e dialets dal Imperi asburgjic o di altrò. Un grant patrimoni chel dal plurilenghisim gurizan che i nazionalisims e la prime vuere mondiâl e àn – magari cussì no – dispierdût in buine part. Di cheste pluralitât e je testemoneance la opare di Josef/Giuseppe Vuk (1802-1822), predi e insegnant di San Roc di Gurize, che dal 1864 al à publicât il Technisches Polyglott-Onomasticum / Onomastico tecnicopoliglotto, un dizionari in vot lenghis (todesc, talian, furlan, francês, inglês, sloven, latin e grêc) fat par judâ la comunicazion e la intercomprension intune zone multilengâl, ancje cui tiermins de societât moderne.

Passe un secul e mieç dopo, il spirt e la idee di Vuk a tornin (za tal titul) cul Nuovo Vuk – Dizionario del Goriziano, publicât de Societât Filologjiche Furlane, cu la poie de Fondazion Cjasse di Sparagn di Gurize, e presentât ai 10 di Avrîl. Al è un glossari di passe 2000 lemis, dividûts in schedis tematichis (situazions comunicativis), in cuatri lenghis: talian, todesc, sloven e furlan. Di là de sô funzion pratiche di judâ la comunicazion intun teritori plurilengâl e interculturâl, al è ancje un imprest che al vûl fâ miorâ la comprension di ints e culturis che a fevelin lenghis diviersis dongje di nô. Il volum al è stât rincurât di Paolo Roseano de Universitât di Barcelone, cul jutori di Luca Melchior de Universitât di Graz, David Bizjak de Universitât di Cjaudistre e di Anna Madriz.

Il furlan al è presentât te varietât standard (koinè) e te varietât gurizane, ancje cheste e je une sielte positive di pluralitât, viodût che il furlan di Gurize e à une storie leterarie impuartante e antighe (a tacâ dal ‘600 cun Marusig e Busiz). Di plui des variantis fonetichis (chicara, gardela, farsoria, punt par cjicare, gridele, fersorie, puint) e lessicâls (pec, scrin, purzel, zipiota par fornâr, comò, purcit, zupet), il gurizan al à di particolâr ancje tantis peraulis che i vegnin dal contat cun chês altris lenghis dal teritori, testemoneance vive di chel plurilenghisim che si diseve prime: dal todesc mesnar “muini”, pefel “comant”, spargher “spolert”; dal sloven pluça “polmon”, smola “peule”, repa “râf”, e v.i.

Dopo dal monolenghisim imponût dai nazionalisims e lant viers une globalizazion che nus menarès a un sôl codiç comunicatîf e culturâl, tornâ a scuvierzi la polifonie di lenghis e varietâts di un teritori al è pardabon un fat di grande impuartance. ❚

✒ Franco Finco

______________________________________________

Doi secui e mieç (e plui) di vocabolaris furlans

A saran almancul un 250 agns di cuant che il jurist Pietro Someda (†1775) di Rivolt al fasè il prin tentatîf – tor 400 peraulis – di un vocabolari furlan (Vocabolario furlano e toscano) che al è restât manuscrit. Ancje altri racueltis lessicografichis a restarin manuscritis come Lingua friulana o Gallo-Carnica di Gerolamo Asquini (†1837; stampât dome dal 2008), il Vocabolario del dialetto friulano (1860) dal gurizan G.D. Della Bona e altris.

Il prin stampât al fo il Vocabolario botanico friulano (1862) di Giulio Andrea Pirona, nevôt di Jacopo, po dopo al vignì fûr l’Onomastico tecnico-poliglotto dal Vuk (1864). Ma il prin vocabolari sistematic e coerent de lenghe furlane, ben organizât e ponderât, al è il Vocabolario friulano dal abât Jacopo Pirona, publicât in fassicui dal 1868, po stampât in volum dal 1871. Vincj agns dopo il nevôt Giulio Andrea al pensà di integrâ il vocabolari dal barbe, ma al murì dal 1895 e dut il materiâl al passà ae Societât Filologjiche Furlane. Dopo tancj agns di lavôr e di completament par cure di G.B. Corgnali e Ercole Carletti al vignì fûr il Gnûf Pirona (1935), une opare monumentâl che ancje vuê e reste di impuartance fondamentâl, ripublicade plui voltis ancje intune gnove edizion cun zontis (1992).

Dal 1985 al ven fûr il Vocabolario della lingua friulana di Giorgio Faggin, altre opare une vore impuartante, nassude di un grant lavôr di schedadure dai tescj leteraris dai secui XIX e XX. Gianni Nazzi al à produsût tancj vocabolaris bilengâi di furlan cun altris lenghis (francês, inglês, spagnûl, cec e un plurilengâl), ma soredut il prin bidirezionâl furlan-talian talian-furlan (1993, 2005, 2010).

Dal 1997 al è partît il plui grant progjet lessicografic furlan, dentri te suaze de planificazion lenghistiche cun finanziament public, che al à produsût il Grant Dizionari Bilengâl Talian-Furlan (GDBTF). In cheste opare si viôt la part fondamentâl che e à vude la rivoluzion informatiche dai ultins 20 agns, te elaborazion dal materiâl, la publicazion in formât eletronic tal 2010 (a stampe tal 2011) e la consultazion in rêt. Chest an e je vignude fûr ancje la version app pai telefonins.

(F. F.) ❚

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +