Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

La Satire di Ariosto e il so decalic de furlanetât

Agnul Floramo

Il scrit si indrece al inteletuâl furlan
Andrea Marone, poete libar e (masse) sclet

Il Cinccent al è stât par tancj aspiets un secul incredibil, tal ben e tal mâl, par dute la Europe e cussì ancje pal Friûl. Come se la “captivitas vinitiana”, ven a stâi la sotanance sot de Republiche di Vignesie, e ves stiçât la inteligjence e la grandece di personaçs che i nons plui impuartants de Leterature, de Sience, de Filosofie a nivel internazionâl a àn preseât une vore: anzit, cussì tant di metiju intune “suaze di orâr” intes lôr oparis plui famosis, ricognossint in lôr no dome la grandece di un non, ma ancje di dute la culture che i steve daûr. Al è il câs di Lodovico Ariosto, che inte sô prime Satira si indrece a Andrea Marone (1474-1527), un inteletuâl furlan, nassût a Pordenon e inviât ae cariere di mestri des Arts Liberâls. Un professôr di scuele, duncje, che si fâs i vues insegnant gramatiche latine a Glemone e a Vençon, come che nus ricuarde un dai siei arlêfs plui impuartants, ven a stâi chel Jacopo Valvason di Manià, autôr – intal 1568 – di une cetant biele “Descrittione de la Patria del Friuli”: “Diè fama a questo luogo Andrea Marone, uno de’ più celebri poeti c’havesse la sua età, di cui ne fa honorata mentione Lodovico Ariosto et Paolo Giovio nelle sue Vite”.
◆ Ma provìn a cjapâ in man e a lei cun atenzion i doi passaçs ariostescs: “Fa a mio senno, Maron: tuoi versi getta con la lira in un cesso, e una arte impara, se beneficii vuoi, che sia più accetta. Ma tosto che n’hai, pensa che la cara tua libertà non meno abbi perduta che se giocata te l’avessi a zara; e che mai più, se ben alla canuta età vivi e viva egli di Nestorre, questa condizïon non ti si muta.” (Satira I, vv. 115-126).
◆ Il poete salacor al cognòs il nestri Marone par jessi stât ancje lui al servizi dal gardenâl Ippolito d’Este almancul fin al 1519, là che si fâs notâ pe sô bravure tant che poete e rapsode, bon di inventâsi sul moment poesiis par latin; ma ancje bon musicist, sunadôr di liût e di viole. Cul lengaç garp e maliziôs de poesie satiriche, Ariosto al consee duncje al coleghe furlan di rinunziâ ae sô vene poetiche, probabilmentri masse libare e sclete. Lu invide – in maniere leterâl – a butâle dentri dal cabôt, se al aspire a gjoldi dai beneficis di un paron. Al zonte ancje che intal câs al pierdarà la libertât di lenghe e di pinsîr cu la stesse infamie che si butin vie i bêçs zuiant di azart. E nol rivarà ma plui a vêle indaûr, nancje se al rive a vivi a lunc. Biel e intrigant chest esempli, che nus conte di un spirt che al brame di jessi libar di pandi ce che al pense, cence nissune glove che i tegni strente la lenghe. Un autôr che al fâs fadie a tasê, pleant il zenoli par vê in cambi la benedizion dai sorestants. Inte stesse Satira si cjate une altre considerazion cuside juste par Andrea Marone, ma in efiets riferibile a chel spirt furlan che ancjemò al resist tant che fuart caratar identitari. Sintìnlu:
“Più tosto che arricchir, voglio quïete: più tosto che occuparmi in altra cura, sì che inondar lasci il mio studio a Lete. Il qual, se al corpo non può dar pastura, lo dà alla mente con sì nobil ésca, che merta di non star senza cultura. Fa che la povertà meno m’incresca, e fa che la ricchezza sì non ami che di mia libertà per suo amor esca; quel ch’io non spero aver, fa ch’io non brami, che né sdegno né invidia me consumi perché Marone o Celio il signor chiami” (Satira I, vv. 160-171).
◆ Al somee cuasi un decalic de furlanetât: 1) preferî la pâs ae ricjece; 2) bandonâ lis curis dal mont e vê miôr jessi dismenteât e dismenteâsi di dut e di ducj, pûr di podê gjoldi di une solitudin votade al pinsîr e al studi; 3) pensâ che la anime e à simpri plui dirit di jessi alimentade che no il cuarp, e duncje se ti capite di no mangjâ e di patî la fam pûr di jessi intal just, alore tu sês su la strade buine; 4) no vê mai pôre de puaretât, che no je miserie, ma une cundizion dal spirt che no à bisugne di fufignis, e si contente di ce che al baste par une vite dignitose; 5) stâ lontan dal lus, che masse dispès al devente il pretest par pierdi la libertât; 6) evitâ di volê ce che al è impussibil vê, come a dî “reste tal to, o tu sarâs condanât a une vite di marum e di disperazion”; 7) no jessi mai invidiôs di chei altris, ma invezit lâ indenant a coltivâ il propri ort cun dute le braùre di chel che ae fin de zornade al pues durmî content parcè che al à fat il so dovê, gustant il risultât de fadie. Daûr di Andrea Marone, Lodovico Ariosto duncje al esalte il caratar di un popul, il nestri, cu la sô fuarte dreture morâl. ❚

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +