Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

I LIBRIS SIMPRI BOGNS. Dal Ciason ae fabriche. Tal Friûl che al cambie

............

«No stêt a stâ simpri li su chês scjalis, maledes!»

Nestre mari nus diseve simpri cussì a nô canae quanche che fasevin masse confusion.

«Parzè no nino a zujâ tal bearz?»

«Sta sito tu.»

«Jo voi jù.»

«Sta sito tu che tu âs ciemò il sbit ta barghessis.»
Chest romanç curt di Morsan al à vût vint il premi San Simon dal 1987. Al è scrit inte varietât di Marian, vâl a dî cun carateristichis dal furlan di Jevât (par esempli nol cognòs il dopli subiet e al dopre lis formis finissìn, partissìn), ma cui feminins in -e.
E je la storie di une iniziazion coletive ae vite: i fruts dal Ciason a deventin adolessents (i rituâi di passaç, sicu che ju clamarès Golding) e po oms. Plui che no i personaçs tant che Mario, clamât ancje Talpe (ma di vuardi a fâsi sintî di lui!), Nineta, Maranina, la fie dal sindic, al è propit il Ciason il vêr protagonist dal libri. Une sorte di casermon di proprietât dal baron (altri personaç che al reste sul fonts), li che a son a stâ fameis puaris, scuasi un ghet par che chei puarins no vedin di miscliçâsi cu la int par ben, chei che a puedin permetisi di mostrâsi in place e dapardut.
La azion si svilupe lente, il timp verbâl predominant al è l’imperfet. Al ven fûr un contrast jenfri doi monts. Il prin al è chel dal daspò vuere, cuant che i fruts a durmivin in doi intun jet e i contadins ancjemò a smaltavin la ue cu la buiace par no fâsi puartâ vie cualchi rap. E il mont dal boom economic, che al puarte il benstâ e alore i contadins a bandonin la tiere par fâsi operaris e ancje i zovenuts a van in fabriche a imparâ un mistîr, anzit il mistîr, chel di marangon, par vie che o sin intal periodi che il Friûl i da di sentâsi a dut il mont, cu lis sôs cjadreis. No dut al jere biel prime: i oms si incjocavin une dì sì e chê altre ancje; e no dut al è biel daspò: sierâts dentri dut il dì a incolâ, freâ, taiâ, splanâ.
Ma ancje dentri intune fabriche, cui che al è usât a jessi libar, che al è nassût e cressût intal Ciason al rive a restâ libar: nol è lui chel che al sbasse il cjâf cuant che il responsabil i dîs di dut par vie che al à lavorât mâl, chel al è un pipin cence impuartance, lui al è benzà svolât fûr par chel pôc di trasparint che al è restât intai barcons plens di polvar di len.
di Laurin Zuan Nardin
Giovanni Morsan, Zovin di lune, Udin, 1988

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +