Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

I LIBRIS SIMPRI BOGNS. Dal Ciason ae fabriche. Tal Friûl che al cambie

............

«No stêt a stâ simpri li su chês scjalis, maledes!»

Nestre mari nus diseve simpri cussì a nô canae quanche che fasevin masse confusion.

«Parzè no nino a zujâ tal bearz?»

«Sta sito tu.»

«Jo voi jù.»

«Sta sito tu che tu âs ciemò il sbit ta barghessis.»
Chest romanç curt di Morsan al à vût vint il premi San Simon dal 1987. Al è scrit inte varietât di Marian, vâl a dî cun carateristichis dal furlan di Jevât (par esempli nol cognòs il dopli subiet e al dopre lis formis finissìn, partissìn), ma cui feminins in -e.
E je la storie di une iniziazion coletive ae vite: i fruts dal Ciason a deventin adolessents (i rituâi di passaç, sicu che ju clamarès Golding) e po oms. Plui che no i personaçs tant che Mario, clamât ancje Talpe (ma di vuardi a fâsi sintî di lui!), Nineta, Maranina, la fie dal sindic, al è propit il Ciason il vêr protagonist dal libri. Une sorte di casermon di proprietât dal baron (altri personaç che al reste sul fonts), li che a son a stâ fameis puaris, scuasi un ghet par che chei puarins no vedin di miscliçâsi cu la int par ben, chei che a puedin permetisi di mostrâsi in place e dapardut.
La azion si svilupe lente, il timp verbâl predominant al è l’imperfet. Al ven fûr un contrast jenfri doi monts. Il prin al è chel dal daspò vuere, cuant che i fruts a durmivin in doi intun jet e i contadins ancjemò a smaltavin la ue cu la buiace par no fâsi puartâ vie cualchi rap. E il mont dal boom economic, che al puarte il benstâ e alore i contadins a bandonin la tiere par fâsi operaris e ancje i zovenuts a van in fabriche a imparâ un mistîr, anzit il mistîr, chel di marangon, par vie che o sin intal periodi che il Friûl i da di sentâsi a dut il mont, cu lis sôs cjadreis. No dut al jere biel prime: i oms si incjocavin une dì sì e chê altre ancje; e no dut al è biel daspò: sierâts dentri dut il dì a incolâ, freâ, taiâ, splanâ.
Ma ancje dentri intune fabriche, cui che al è usât a jessi libar, che al è nassût e cressût intal Ciason al rive a restâ libar: nol è lui chel che al sbasse il cjâf cuant che il responsabil i dîs di dut par vie che al à lavorât mâl, chel al è un pipin cence impuartance, lui al è benzà svolât fûr par chel pôc di trasparint che al è restât intai barcons plens di polvar di len.
di Laurin Zuan Nardin
Giovanni Morsan, Zovin di lune, Udin, 1988

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +