Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

FRIÛL EUROPE. L’inovâl dismenteât

Marco Stolfo
William Wordsworth

“What man has made of man?” al scriveve il poete inglês William Wordsworth. Une domande sù par jù compagne, in chescj timps di spread e di imposizion di politichis antisociâls, e saltarès fûr in cont de Europe e dal procès di integrazion europeane: ce aie fat la Europe de Europe? Che al sedi alc che nol va si lu capìs ancje masse ben, stant che il progrès socioeconomic, i dirits, il cussì clamât “model sociâl european” – che intune cu la pâs a son lis fondis e i obietîfs strategjics de unitât dal continent – a somein jessi lâts sù pai stecs e ancje il “marcjât”, cun dut de sô centralitât declarade e des sôs regulis (cence regulis?) mitizadis, al mostre une muse clopadice. Un spieli de situazion al è il cidinôr che tes setemanis passadis al à vût compagnât l’inovâl de firme dal Tratât su la Union Europeane.
Ai 7 di Fevrâr di vincj agns indaûr, a Maastricht, al vignive definît chel acuardi che al à dât un svolt, a tacâ dal non di “Union Europeane”, al procès di integrazion, tra inviament de “union economiche e monentarie”, cooperazion plui strente su justizie e afârs internis e nassite de politiche comune pai afârs forescj e la sigurece. Stant che par agns la peraule “Maastricht” e je stade un sinonim di Europe tant che progès e disvilup, si si spietavis che la ricorince e vignìs memoreade in cualchi maniere.
Al è un pecjât, stant che e sarès stade une ocasion par fâ almancul un pensament parsore su ce che al è stât in chê volte e su ce che al è in dì di vuê. Su cemût che di chel compromès tra cui che al voleve pardabon passâ de integrazion ae union e cui che si contentave di un alc di cooperazion di plui, magari dome tal cjamp dal marcjât, a sedin saltâts fûr mecanisim e imprescj masse “minimaliscj” e debii. Ma ancje sui contignûts positîfs di chel test, de afermazion dal principi di sussidiarietât fintremai al ricognossiment de diversitât culturâl no dome tra i Stâts ma ancje dentri dai Stâts.
E par visâsi che fâ sù la Europe unide no pues jessi alc che al è cuintri de int, des personis, intant che lis ideis di fonde de unitât dal continent a vevin – e a àn – propit i citadins tant che protagoniscj e beneficiaris. ■
MARCO STOLFO

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +