Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

EDITORIÂL – No Model Friûl, ma une “buine rabie”

............

Cuant che al è un taramot, nô furlans lu sintìn dentri in mût particolâr ancje se al sucêt lontan. Si pues crodi cuant che al sucêt in lûcs che nus ricuardin i puescj li che al si fasè sintî l’Orcolat chenti, massime sui cuei dal Friûl, tant che chel dal centri Italie.
__ Ogni volte che al è un montafin dal gjenar si nomene il model Friûl, e chest al è un element di braùre par i furlans.
__ In particolâr, tal dibatit di chescj dîs, dal model Friûl si fevele massime dai esemplis di Glemone e Vençon tant che paîs «tornâts a costruî tal puest di prime e come prime», ma la ricostruzion – unic câs di taramot in Italie pratichementri sierât – no je stade dute de fate di chescj doi paîs. Il moment iniziâl des tendopolis e de comunitâts al è deventât a un ciert pont il model dal “ognidun par se”, come che al dîs Igor Londero te Cuintristorie dal taramot che o stin publicant a pontadis.
__ Chest al à ancje creât borcs cuntun centri cussì-cussì, cun municipis e glesiis che a van dal casselot di ciment ae rampe di lanci aerospaziâl, e dut un polvar di vilutis ator che a an fiscât chel aspiet di comunitât unide che a jerin i paîs prime.
__ Un risi reâl par chei puescj taramotâts di cumò, li che a jerin tantis “secondis cjasis”: resistarano ducj ae tentazion di fâsi la cjasute bessôi invezit che la complicade ricostruzion par anastilosi? Plui che proponi modei, duncje, simpri perfetibii e che plui che altri a coventin par viodi di fâ simpri miôr, chel che si pues fâ al è judâ la popolazion a cjatâ la lôr soluzion pal lôr teritori.
__ E prin di dut, a chê biade int i coventarà tante fuarce parcè che cuant che si saran studâts i rifletôrs su la lôr tragjedie, par tornâ a jevâsi in pîts a varan di scombati par ogni robe. Mi torne iniment la interviste che La Patrie e à fat a Franceschino Barazzutti, president onorari de associazion Comuns taramotâts e sindics de ricostruzion dal Friûl, cuant che al è sucedût il taramot a L’Aquila, li che fuart di dute la sô esperience al diseve: «Pal moment, e o speri di sbaliâmi, no ai viodût il stes moviment popolâr che al è stât culì. Mi somee dut masse cuiet.». Cumò si sa cemût che e je finide: cun la new town e cul centri de citât che, invezit, al è ancjemò un cantîr.
__ Eco, chest al è il gno auguri pe int taramotade di cumò: no stâ cuiets e vê rabie di pretindi ce che ur spiete, une “buine rabie”. ❚
✒ Dree Venier

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +

Il numar in edicule / Jugn 2022

Dree Venier
Jugn 2022 – L’EDITORIÂL. La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul / (L)INT AUTONOMISTE. Il pericul centralist al è tal Dna dai partîts talians / PAGJINE 2 – LA STORIE. Di Udin a Pesariis par promovi la mont e i prodots furlans / INT DI CJARGNE. Aziende Agricule Rovis Sabrina di Davài di […] lei di plui +