Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CULTURE. Farie Teatrâl Furlane

............

Gigi Dall’Aglio, regjist di Bigatis e di La lungje cene di Nadâl, sostignût in cualchi mût des fuarcis che cumò i stan daûr al teatri par furlan, al à proponût di meti in pîts une Farie Teatrâl Furlane. Vâl a dî un progjet che, daûr di ce che al è deventât il patrimoni furlan in materie (atôrs, regjiscj, scritôrs, tecnics, struturis e organizazions), al valute madûr il contest par implantâ un autentic Teatri Stabil. Il sium di Dall’Aglio al è il sium di ducj chei che a crodin che il teatri al sedi la forme di lengaç plui adatevule pe difusion de lenghe furlane, propit parcè che si fonde sul gjest plui che su la peraule scrite.
Cumò che di bêçs no ‘nd è avonde pe culture, si disarà, tu puedis crodi se si ‘nt cjatarà par un progjet dal gjenar! Jo o crôt che i problemis no sedin i bêçs.
Intun libri dal 2005 (Il sium di chescj furlans in fughe, Forum) o contavi de esperience de Farie di Mai. Tal 2001 Paolo Patui, cul jutori di Elvio Scruzzi e di Maurizio Persello, al imbastì la Farie cul supuart logjistic dal CSS di Udin. La idee di partence e jere chê di doprâ la manifestazion come un moment di incuintri de realtât culturâl furlane emergjente, cul proponiment di dimostrâ la cuantitât e la cualitât di esperiencis che a sbuliavin tal teritori, e di meti a disposizion un spazi permanent che al permetès ai artiscj furlans e ai operadôrs de culture di cjatâsi par podê scambiâ esperiencis e contats, superant un pôc par volte oposizions e impediments che a esistin e che di fat
a ‘nt limitin il svilup artistic. Chel percors, penetrât de convinzion di Patui che i timps a fossin madûrs par provocâ l’ambient culturâl furlan a saltâ fûr dal bordizâ sot cueste, al à produsût un spetacul coerent cul percors, anzit coincidint: di fat nol à produsût altri che il so disfantament. In chê volte o ai definide la conclusion di chê esperience tant che un delit perfet comissionât di nissun in particolâr e propit par chest perfet: un delit che si è determinât un pôc par volte intun ambient che al à cjatât par strade di bessôl i struments par cometilu, un delit restât cence colpevul ma cun cetantis condanis e nissune pene.
Cumò il tren al torne a passâ une altre volte: viodìn di jessi bogns cheste volte di montâi parsore.
Franco Marchetta

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +