Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CUINTRISTORIE DAL TARAMOT. Seste pontade. Cui che al scolte, e cui che al colonize.

............

Nol à di parê strani che o fevelìn spes di conflits. La storiografie di solit no fâs altri che sbuziâ il mût che i diviers sogjets storics a interagjissin, si cjacarin e si scuintrin. Come dôs pieris che sbatudis a fasin la lusigne, cussì i scuintris, une volte che si è cuietât il rumôr, il spavent e la emozion dal bot, a lassin daûr un tichinin di lûs li che il storic po al sofle ben planc, par fâ un lum tal scûr dal timp lontan. E nol è di maraveâsi che i prins scrits che a àn cirût di contâ de int tes tendopolis, tra l’Atom dal ’76 e la Vierte dal ’77, a son vignûts fûr di une polemiche tra lis ideis di intervent di un grup vignût di fûr e cui che lu acusave di vê un ategjament colonizadôr. O stoi fevelant dal libri di Robi Ronza “Dalle tende al deserto”, che al fâs so il mût di viodi di Comunione e Liberazione, e la opare a cure dal Centri di Documentazion e Informazion (CeDI) “Friuli: un popolo tra le macerie”, tornât a publicâ di pôc de Diocesi di Udin, che al è stât scrit in polemiche cun chel altri de int che e stave scombatint dentri dai comitâts.
O vin plui voltis contât di cemût che la int taramotade e à vût di subit la volontât di jessi protagoniste tant dai prins socors e te gjestion des tendopolis, che de ricostruzion. Di front a cheste volontât, cui che al è vignût di fûr al à podût sielzi tra doi mûts di fâ e di ponisi: scoltâ e metisi ai ordins de int e dai siei comitâts, subordenant a chescj la proprie identitât politiche e religjose, o pûr pontâ dut su la proprie capacitât di organizâ il propri intervent in mût autonom, poiantsi a nivel locâl su lis istituzions, e metint denant di dut la proprie identitât.
I singui e i grups organizâts che a son rivâts te zone taramotade a son spes lâts un pôc di une bande e un pôc di chê altre tra chescj doi mûts di fâ e di jessi. Par esempli, di cualchi bande i grups di estreme çampe a son stâts parâts vie parcè che a menavin la lenghe plui che la pale e il picon, ma di altris bandis si son integrâts un grum ben, deventant anzit preziôs pe comunitât e vignint parâts de int ancje cuant che i carabinîrs a vignivin a parâju vie. A Osôf a ’nd jere un che al è stât fondamentâl te gjestion de mense par dut l’Atom dal ’76 e dome cuant che i carabinîrs a son vignûts a brincâlu si à savût che al jere un antimilitarist renitent che invezit di presentâsi in caserme al jere vignût a dâ une man ai taramotâts. Al mandave indenant i lavôrs, al taseve, e dome dopo l’arest al à scrit une letare par spiegâ il parcè de sô sielte. La int di Osôf e à tirât sot centenârs di firmis par che lu lassassin tornâ a vore te lôr mense.
Cui che invezit al à fate la sô sielte in mût cussient e organic a son stâts doi grups che a àn decidût di vivi il stes catolicisim in dôs manieris dal dut opuestis. I scout de AGESCI a àn tacât a rivâ sul puest in maniere imediade, pontant di subit su la rêt dai scout sul puest. Di fat, i scout di Glemone si son cjatâts a jessi i referents nazionâi di dut l’intervent. In linie cun chest “imprinting” e je vignude la sielte di vivi la proprie mission evangjeliche no te predicazion, ma tal scoltâ e tal servizi. Chest ju à puartâts a leâ un grum ben cui comitâts e cu la int, in plui che naturalmentri cu la glesie furlane ative tes tendopolis. In particolâr, a Glemone i scout a àn vût un rûl fondamentâl tal tignî i colegaments tra assessorât ae partecipazion e tendopolis.
Dal dut di chê altre bande, Comunione e Liberazione. cence une base in Friûl, CL e à planificât il so intervent dal di fûr e, fuarte de sô capacitât organizative e di mobilitazion di oms e di bêçs, e je rivade tai puescj taramotâts cul intindiment di sostignî principalmentri la rinassite das parochiis, cence acuarzisi che la glesie locâl, cun parsore il Vescul Battisti, e veve bielzà fat so il slogan “prin lis cjasis, po lis glesiis”. Di fat alore CL si è inseride dome tes canonichis dulà che il predi al jere inatîf, stant che al jere vecjo, scjampât o no in grât di tignî bot ae situazion, mentri dulà che a àn cjatât predis e comunitâts catolichis fuartis e ativis, a son stadis, come dit, lusignis e falivis. Propit il mot “prin lis fabrichis, po lis cjasis, e tal ultin lis glesiis”, par chei di CL al à rapresentât un dâ mancul valôr aes esigjencis spirituâls rispiet a chês materiâls. ❚
✒ Igor Londero – Autôr di «Pa sopravivence, no pa l’anarchie» Forme di autogestione nel Friuli terremotato: l’esperienza della tendopoli di Godo (Gemona del Friuli)

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +