Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CUINTRISTORIE DAL TARAMOT. Decimeprime pontade. Monuments al “volontari ignoto”

............

Al sarès biel pensâ che i monuments a sedin grancj tant che i merits di cui che al ven metût sul scagn, ma si sa che nol è mai cussì. I monuments a son tant grancj tant che grancj a son i aparâts de propagande che ur stan daûr. No stait a fâmi fâ nons, ma cjalaitsi dintor di bessôi.
Par esempli, nissun al à pensât di fâi un monument ai tancj volontaris che a son passâts pe furlanie cence plantâ nissune bandiere, a chei che invezit di fâ cjacaris e propagande religjose e politiche a àn plaçade la tende dongje de nestre int e a àn sierade la bocje e mot il poleâr.
Un di chescj, che o clamarìn dome Bepi (ancje se tal Archivi Gubiani di Glemone si cjate non e cognon), si è presentât a Osôf ai 3 di Setembar dal 1976. No savìn di dulà che al jere, ma o savìn che si è agregât a un trop di Mogliano che al stave lavorant a adatâ un tîr a segn a mense e scuele. Bepi al reste ancje dopo i taramots di Setembar e al partecipe al scombati de int cuintri i militârs che a vuelin cjapâ in gjestion la mense e parâ vie i volontaris. Al reste ancje cuant che ducj chei altris volontaris a van vie pal ordin che a finissin lis feriis. Al devente un pont salt de comunitât, e al colabore ae fondazion de cooperative “6 Maggio” che e cjape sù la gjestion de mense.
Un scrit di Bepi, dai 3 di Dicembar dal 1976, al conte di dutis chestis ativitâts e dal passaç des tendopolis aes baracopolis, atent soredut aes esigjencis de int. Dome tal ultin, al tire fûr che la int no lu sa, ma lui al è un obietôr totâl. Cheste forme di obiezion e je dificile di spiegâ in dôs rîs, ma o podìn dî che e je une critiche al militarisim tant plui radicâl de obiezion civîl, e che in chei agns e puartave ae galere militâr. Lui tal scrit al dîs pôc e nuie di cheste sielte. Denant de sô identitât ideologjiche, des sôs motivazions di volontari, al met lis esigjencis de int. Al spiegâsi a cjacaris al preferìs spiegâsi cui fats, e magari fâ domandis. Al conte che la int lu cognòs ben, ma come volontari, no come obietôr, e che cuant che lu cjaparan, inte int a scataran domandis. Si domandaran se al è stât plui util alì te tendopoli a dâsi di fâ o a pierdi timp fasint il militâr.
Lui lu saveve che lu varessin brincât, prin o dopo, ma al è dificil imagjinâ ce che i pues jessi passât pal cjâf cuant che a son rivâts i carabinîrs, ai 7 di Zenâr dal 1977, intant che al jere a vore te mense de coop “6 Maggio”, a Osôf. Robis dal gjenar a sucedevin dispès, parcè che lis istituzions no viodevin la ore di slontanâ des tendopolis ducj i iregolârs, disint che a jerin siacai o spaçadôrs, e la int dai comitâts e jere usade a parâ i siei volontaris dai carabinîrs e de polizie politiche scuindintju, dineant la liste dai presints inte tendopoli, scrivint par lôr letaris che a dimostravin che a jerin i benvignûts e che a stavin lavorant pal borc.
No savìn ce fin che al à fat Bepi. Al è un grum probabil che si sedi fat plui di un an te preson militâr di Peschiera. Cun ogni probabilitât al varà savût des centenârs di firmis che la int di Osôf e à tiradis sù par domandâ che lu lassin libar di tornâ a vore te mense. O crôt che i vedi fat plasê, e che lu vedi judât a sopuartâ la galere. E cuissà se al varà savût che tai agns a divignî, simpri chê int e à blocât, cu lis sôs protestis, la creazion di un base militâr, propit dulà che e jere stade la baracopoli.
Se cualchidun al sa alc di Bepi, che i fasi savê che par chei come lui no si fasaran monuments, ma che in Friûl cualchidun che si impense di lôr cun amirazion e ricognossince al è ancjemò. ❚
✒ Igor Londero – Autôr di «Pa sopravivence, no pa l’anarchie» Forme di autogestione nel Friuli terremotato: l’esperienza della tendopoli di Godo (Gemona del Friuli)

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +