Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

COGNONS DAL FRIÛL

............

Midiant de storie dai cognons furlans, si fâs ancje la storie dal nestri Friûl. Chest mês us proponìn 5 cognons che nus son stâts domandâts dai letôrs su la pagjine Facebook de La Patrie dal Friûl
(gjavâts fûr di I cognomi del Friuli di Enos Costantini e Giovanni Fantini ed. La Bassa/LithoStampa. O ringraciìn i autôrs pe disponibilitât e pe colaborazion).

BIRARDA

Feminin di Berardo, non gjermanic documentât vie pe Italie za tal an 882.

Cognon carateristic di Cjaurià, tal comun di Colorêt di Montalban.

1556, 20 luglio Simone Berrarde di di Dom. de Pozzalis – teste in causa per pascolo abusivo; 1575, 9 aprile Bernardino Berarda q. Dom. da Pozzalis – a nome comune vende £ 11 lo sfalcio della Pozzolana; 1604, 23 novembre Birarda Pietro q. Dom. da Pozzalis debitore di lire 47.14 a Sig. Val. Pacifico San Daniele.

DORIGO

E je la italianizazion, o miôr, la venetizazion di Durì, forme furlane dal non Odorico.

Il non di persone Durigo si cjatilu a Maran za ae fin dal XII secul.

1465 Domene de Durigo de Flum debitore di S.ta Maria dell’Ospitale di Pordenone; 1619 Martino di Lorenzo q. Martino q. Agnolo q. Biasio Dorigo di Monaio sposa Zuanina di Zuane Brunano pure di Monaio.

Si cjate chest cognon a Polcenic, Cjaurlis e in Cjargne, dulà che al è tipic, ma ancje a Udin, Pordenon, Cordovât, Sacîl, Sante Marie, Manzan, Pradaman, Pavie, Dartigne, Glemone, S. Denêl, Cjasteons, Rivignan.

FANT

Par furlan fant al à plui significâts: famei, mes dal magjistrât, ussîr municipâl. Par talian, di là di “soldât di fantarie” al vûl dî ancje “servidôr” e “om di estrazion puare”.

Chest cognon si cjatilu soredut a Cuals di Reane.

1321, 25 dic, Nicolò q. Fant de Glemona abit. presso ch. S. Antonio volendo andare a S. Giacomo di Compostella veste i suoi beni alla sorella se si sposerà consenso f.lli – se no alla madre in vita e poi ai f.lli; 1408, 27 maggio m.° Giac. sarto q. Fant di Tarcento fa pegnorare Pietro di Quals a cui aveva venduto un carro ferrato.

MORATTI/MORATTO

Al ven di “Moro” cul sufìs incressitîf o dispreseatîf -at.

Il non Moro al à evident significât di persone cu la piel scure o cui cjavei neris e al à dât il vie a une vore di cognons (Moro, Moretti/o, Morelli/o, Moretuzzo e vie indevant) e duncje al à une grandissime difusion.

La variant Moratti si cjatile a Basilian (Varian e Blessan), Monfalcon, Rivignan e Teôr, Cividât, Udin, Gurize, Tisane, S. Zorç di Noiâr.

1562, 28 genn. don Valerio de Morattis di Porcia offic. in Toppo; 1643 Sig. Giacomo Moratti cittad. e mercante Cividale; 1669 Sig. Simon Moratto è uno “de Li Dodici fratelli del Conseio” della Frtaerna di S. Antonio Abbate di Theor. !709, divisione tra Simone, Antonio, Dario, Carlo e Francesco Moratti nobili di Latisana.

par cure di Michela De Fazio

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +