Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

COGNONS DAL FRIÛL

............


Midiant de storie dai cognons furlans, si fâs ancje la storie dal nestri Friûl. Chest mês us proponìn 5 cognons che a àn divignince gjermaniche. (Gjavâts fûr di I cognomi del Friuli di Enos Costantini e Giovanni Fantini ed. La Bassa/LithoStampa. O ringraciìn i autôrs pe disponibilitât e pe colaborazion).
BAIS
Dal todesc weiss che al vûl dî “blanc”. Si cjatilu a S. Vît de Tor, Gurize, Flumisel e Gradiscje. 1648, / Febb. Francesco figliolo del q. Vincenzo Bais sa S. Andrato abit. Brazzano, famiglio, tira schiopettata su immagine S. Nome di Gesù sopra casa pievano di Brazzano e con altri 3 tira sassi sulla stessa; 1672 Zuanne Bais sotano di Visco fittuale nobb. Zucco.
BULFON / BULFONE / BULFONI
Al è l’adatament dal non gjermanic Wolfang.
1465 Bulfo tedesco falegname q. Gio. de Rostat abit. in Udine; la forme Bulfon e je carateristiche di Mueç e Trasaghis: 1773 Maddalena di Giacomo Bulfon q. Pietro q. Giacomo Bulfon di Bulfon di Moggio sposa Giovanni di Giovanni Bulfon;
Di Bulfone a ‘nd je tancj a Tavagnà, Felet, Udin e Feagne. Bulfoni si cjatilu soredut a Udin, Gurize, San Zuan, Mortean e Rivignan. 1553, 13 Agosto muore don Bulfone abitante a Udine borgo S. Lucia lasciando 3 figli che vengono accolti in Ospedale a Udine perchè la concubina è partita abbandonandoli.
FLEBUS
Cognon tipic di Torean. Si pense che al puedi derivâ di un antîc toponim Flegebusch, savint che Flege al jere un antîc cognon de Gjermanie e che busch al vûl dî “bosc”. Duncje “Bosc di Flege”. No son rârs i cognons di origjin gjermaniche inte zone di Cividât par vie dei tancj soldâts, comerciants e v.i. che a rivarin te ete patriarcjâl.
1322, 29 Giugno Giovanni detto Flebus f.q. Cello di Prampero; 1489 Giacomo Gomba q. Gio di Virco teneva un maso del nob. Giovanni Flebus.
FLEC
Non di cjasade cuntune buine difusion a Glemone, Doltris e Dieç. Al vûl dî “maglât, tacolât” e duncje al devi jessi stât un sorenon par une persone cun maglis o pivicjis.
1271 Jacobo Fleycherio a Gemona; 1310 Fleca aurifice de Civitate.
LANTIERI
Dal non Lanther, si cjate a Pordenon e Udin.
1594 Sig.ra Lanthera con li figlioli et Schrivani non si sono confessati a Pasqua; 1677 Pietro Someda affitta a Giovanni Lanteriis di Udine una stalla sita nell’androna Brenari.

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +