Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

COGNONS DAL FRIÛL

............


Midiant de storie dai cognons furlans, si fâs ancje la storie dal nestri Friûl. Chest mês us proponìn 5 cognons che a àn divignince gjermaniche. (Gjavâts fûr di I cognomi del Friuli di Enos Costantini e Giovanni Fantini ed. La Bassa/LithoStampa. O ringraciìn i autôrs pe disponibilitât e pe colaborazion).
BAIS
Dal todesc weiss che al vûl dî “blanc”. Si cjatilu a S. Vît de Tor, Gurize, Flumisel e Gradiscje. 1648, / Febb. Francesco figliolo del q. Vincenzo Bais sa S. Andrato abit. Brazzano, famiglio, tira schiopettata su immagine S. Nome di Gesù sopra casa pievano di Brazzano e con altri 3 tira sassi sulla stessa; 1672 Zuanne Bais sotano di Visco fittuale nobb. Zucco.
BULFON / BULFONE / BULFONI
Al è l’adatament dal non gjermanic Wolfang.
1465 Bulfo tedesco falegname q. Gio. de Rostat abit. in Udine; la forme Bulfon e je carateristiche di Mueç e Trasaghis: 1773 Maddalena di Giacomo Bulfon q. Pietro q. Giacomo Bulfon di Bulfon di Moggio sposa Giovanni di Giovanni Bulfon;
Di Bulfone a ‘nd je tancj a Tavagnà, Felet, Udin e Feagne. Bulfoni si cjatilu soredut a Udin, Gurize, San Zuan, Mortean e Rivignan. 1553, 13 Agosto muore don Bulfone abitante a Udine borgo S. Lucia lasciando 3 figli che vengono accolti in Ospedale a Udine perchè la concubina è partita abbandonandoli.
FLEBUS
Cognon tipic di Torean. Si pense che al puedi derivâ di un antîc toponim Flegebusch, savint che Flege al jere un antîc cognon de Gjermanie e che busch al vûl dî “bosc”. Duncje “Bosc di Flege”. No son rârs i cognons di origjin gjermaniche inte zone di Cividât par vie dei tancj soldâts, comerciants e v.i. che a rivarin te ete patriarcjâl.
1322, 29 Giugno Giovanni detto Flebus f.q. Cello di Prampero; 1489 Giacomo Gomba q. Gio di Virco teneva un maso del nob. Giovanni Flebus.
FLEC
Non di cjasade cuntune buine difusion a Glemone, Doltris e Dieç. Al vûl dî “maglât, tacolât” e duncje al devi jessi stât un sorenon par une persone cun maglis o pivicjis.
1271 Jacobo Fleycherio a Gemona; 1310 Fleca aurifice de Civitate.
LANTIERI
Dal non Lanther, si cjate a Pordenon e Udin.
1594 Sig.ra Lanthera con li figlioli et Schrivani non si sono confessati a Pasqua; 1677 Pietro Someda affitta a Giovanni Lanteriis di Udine una stalla sita nell’androna Brenari.

Libris simpri bogns / Emilio Nardini, “Par vivi”, Udin, 1921

Laurin Zuan Nardin
“Apene finidis di lei lis poesiis dal cont Ermes, il dotôr Cesare, fra i batimans dal public, al si ritire daùr l’uniche quinte preparade a zampe dal… palc scenic. Ma, pal bessologo, che il devi recità il brâf atôr di san Denel, Giovanin Tombe, ‘e ocòr une scene, e il dotôr Cesare la proviot cussì:…” […] lei di plui +

Interviste / Numb il cjan scjaladôr (e il so paron Thomas)

Dree Venier
Di un probleme ae çate al record in mont: interviste cun Thomas Colussa, che cul so Numb al sta pontant al record di altece lant sul Mont Blanc O vevi za intervistât Thomas Colussa, 40 agns, un pâr di agns indaûr. In chê volte al jere un “furlan a Milan” e al faseve il personal […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / La identitât e ven dai zovins

Walter Tomada
Une zornade di incuintri pai Conseis dai Fantats Al à fat scjas il senatôr Roberto Menia che al à declarât di volê gjavâ il furlan de scuele e dal ûs public. Al jere di un pieç che nissun rapresentant des istituzions al pandeve clâr di volê scancelâ lis normis di tutele, ma salacor a son […] lei di plui +