Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CJARGNE VIVE. Une ativitât tramandade di gjenerazion in gjenerazion

............

Intal paîs dai orlois, a Prât inte biele Val Pesarine, Lorenzo Casali, trentedoi agns, al à vût il coraç di cjapâ in man la ativitât inviade inmò dai siei vons.
“In dì di vuê, tignî viert un negozi intun paisut di mont – al conte Lorenzo – nol è sempliç: tantis a son lis spesis di frontâ (riscjaldament, lûs, tassis…). Dongje a chestis spesis di gjestion a son ancje chês pal furniment dal negozi: cirche dôs voltis al mês o scuen lâ a Udin o a Padue par comprâ la robe, parcè che i rapresentants no passin plui. Par fortune no ai di paiâ l’afit.”
Lorenzo al à decidût di rilevâ il negozi che al jere de sô famee: viert intal 1936 di so bisnono che al à passade la ativitât al nono, po dopo a so pari e cumò a lui. “Il motîf che mi à pocât a continuâ la ativitât di famee al è sempliç: o ai lavorât par 10 agns sot paron, po – viodût il periodi di crisi e considerât che i miei gjenitôrs a lavin in pension e a volevin sierâ la ativitât – o ai decidût di provâ cheste gnove aventure.”
Inizialmentri Lorenzo al à tacât a lavorâ intal negozi in vieste di colaboradôr e cui 31 di Dicembar dal 2011 al è diventât socio inte societât cun so pari. Intal negozi si pues cjatâ ogni sorte di articul, fûr che chei alimentârs.
“O ai cirche 1500 articui tra vistîts, marçarie, souvenirs, tendis, robis di cartolarie e feramente. Metint sul plat de belance i aspiets positîfs e negatîfs di chest lavôr, o pues dî che lis dificoltâts no mancjin ma o cjati che e je une grande sodisfazion cuant che a vegnin i clients e mi fasin i compliments su pe robe che o vent e soredut che e coste pôc. Ancje cuant che i vecjos mi disin che al è biel viodi un zovenut daûr il banc e mi disin che o soi plui brâf di gno pari, o crôt che no sedi sodisfazion plui grande! Chestis robis no àn presi e, ancje se ae fin o rivi a tirâmi fûr un stipendi medi fasint plui di vot oris in dì, mi judin a continuâ a lâ indevant su cheste strade.” ■
Marta Vezzi

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +