Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

CE SUCEDEVIAL IN CHÊ VOLTE TAL MONT? I ultins fûcs di Bisanzi e la azion di Ciril e Metodi

Agnul Floramo

Un cuc, curiôs e plen di amirazion, lu merete l’Imperi di Orient, là che su la sente di Costantinopoli al è un om che si considere l’unic vêr erede, rapresentant di ce che al jere stât l’Imperi roman. E dal moment che Rome no je plui di tant timp la capitâl (colade, come che si sa, intal 476), ancje il vescul di chê citat aromai decjadude e tibiade, al varès vût di rinunziâ ae braùre e ae presunzion di fâsi clamà καθολικός (katholikós) ven a stâi “universâl”, dal moment che la sô catidre no jere propit plui universâl. La stice – nus al conferme la storie – e nas di lontan, adiriture di chel an 1054 cuant che il patriarcje di Bisanzi al decît di separâsi dal Ocident, refudant di sometisi a Rome, e mantignint un rituâl orientâl fintremai cumò plen di sugjestions antighis, che ancjemò ai nestris timps al resist a ogni riforme, e che al è cognossût tant che Ortodòs.

◆ Cetant interessante e je le storie di chest patriarcjât, cussì dongje, par tancj aspiets, a chel de nestre Aquilee. Di li a vignirin fûr i doi muinis Ciril e Metodi, che inte solitudin dal “scriptorium” dal munistîr di Ohrid, in Macedonie, a pensarin ben di pandi la peraule dal Signôr intune lenghe che no fos chê greghe o chê latine, espression de istituzion e de autoritât, duncje identificade cui sorestants, ma pluitost in chê dal popul dai fedêi. Dal moment che al jere just e sant che un popul al podès preâ il non dal so diu doprant lis stessis peraulis che al veve imparât di sô mari, parcè che la Glesie e je mari e se no fevele ai siei fîs cuntune “lenghe mari”, bisugnarès pluitost clamâle madrigne, o adiriture sperâ di jessi vuarfins. Peraulis ruspiosis, fuartis e cetant scletis, che a ricuardin – e tant di dongje – lis stessis che secui plui tart a varessin pronunziadis e ditis – e ancje, par nestre fortune, scritis – inteletuâi furlans de grandece di pre Checo Placerean e di pre Toni Beline. O sin invezit intal secul IX. Mil agns prime! E la opare di traduzion di Ciril e di Metodi, adun cul lôr trop di tradutôrs e di copiscj, e reste la prime testemoneance di un sfuarç straordenari e mai viodût prime, ancje di adatament linguistic, parcè che cul jutori di ducj a elaborarin un alfabet che al rivave a tignî cont dai suns e de musiche che e apartignive ae lenghe di chei popui che a levin a evangjelizâ, la plui part di çocje slave (Bulgars, Serps, Morâfs). Al nassarà cussì l’alfabet glagolitic, pari dal plui resint cirilic, tant difondût e ben doprât di jentrâ ancje intai confins dal Patriarcjât di Aquilee, ven a stâi in Istrie e intes valadis dal Nadison, là che in cualchi canoniche là che si fevele ancjemò po naš, al ven conservât cualchi esemplâr preziôs di libri liturgjic a stampe, un vêr tesaur di identitât e di fede. Nol baste. La plui part dal contribût par voltâ lis oparis dai filosofs grêcs e sarà ufierte dai inteletuâi bizantins, che a permetaran ae Europe ocidentâl di tornâ a gustâ la sapience, par esempli, di Platon, semence di chel Umanisim che al jere daûr a sflorî. ❚

 

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +