Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT. Une radio libare e soredut… furlane

............

Un mieç di comunicazion che al è stât no dome un spieli des trasformazions dal Friûl ma ancje un veicul impuartant di sperimentazion linguistiche, didatiche e culturâl, che al à contribuît a cambiâ la imagjin che i furlans a vevin di se stes. Radio Onde Furlane, che e à tacât li sôs trasmissions ai 2 di Fevrâr dal 1980, e je stade fondade di bande di un grup discompagn di personis, che al tignive dentri autonomiscj, militants di Democrazia Proletaria e catolics moderâts. Dutis chestis personis, fin dal principi, a vevin tant che obietîf chel di vierzi un spazi libar e atent ai problemis de societât, e al è propit cussì che Onde Furlane e je deventade un impuartant pont di riferiment pes bataiis civîls e un centri di agregazion creative (no par nuie e je stade propit Radio Onde Furlane a proponi al public, pe prime volte, il telegjornâl par furlan e il prin sît internet in marilenghe). A tacâ di chei che a àn inviât il progjet (Sergio Venuti, Silvano Pagani – prin president di Radio Onde Furlane –, Federico Rossi, Mauro Tosoni, Giorgio Cavallo, Maurizio Florissi, Elia Mioni, Elio Fedele, Maurizio Staderoli, Oriella Mion e Roberto Meroi), a son stadis tantis lis personis che a àn contribuît, insiemit ae redazion e ai colaboradôrs, a fâ di cheste radio un mieç di comunicazion bon di contâ il Friûl. “Fin al ’96, tirâ sù bêçs par fâ cressi la radio no je stade une imprese facile – al conte Pauli Cantarut, preseât president di cumò – i finanziaments a vignivin soredut di bande dai citadins, de publicitât e dai finanziaments europeans. Daspò dal ’96, invezit, in gracie de leç di tutele des lenghis minoritariis, o vin podût finalmentri dâ ae radio une struture”.
Elisa Michellut

L'EDITORIAL / Preâ par furlan al è onôr e no pecjât

Walter Tomada
Jo no jeri ancjemò nassût cuant che pre Checo Placerean al tacave a voltâ il Messâl par furlan. A son passâts passe 50 agns e i furlans no àn ancjemò plen dirit, pe Glesie di Rome, a preâ inte lôr lenghe. La Conference Episcopâl dai Talians e à mancjât, ancjemò une volte, di fâ bon […] lei di plui +

Gnovis / Acuile sportive furlane

Redazion
Joibe di sere aes 6 intal Salon dal Popul dal Palaç da Comun di Udin si tignarà la cerimonie di consegne de prime edizion dal premi ACUILE SPORTIVE FURLANE, un gnûf ricognossiment che al met dongje il valôr dai risultâts sportîfs ae cussience identitarie che i campions furlans di ogni sport a son bogns di […] lei di plui +

Gnovis / Brâf Agnul! La to vôs e fâs onôr al Friûl

Redazion
O saludìn cun braùre e emozion il Premi Nonino Risit d’Aur che al è stât assegnât a Agnul Floramo, un inteletuâl di gale che i letôrs de “La Patrie dal Friûl” a cognossin di agnorums in dut il valôr des sôs ideis: difat al à scrit sul nestri gjornâl centenârs di articui e cun nô […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / Parons vecjos e gnûfs de informazion

A i 24 di Mai dal 1946, juste trê mês dopo che pre Bepo Marchet e Felix Marchi a vevin fondade “La Patrie dal Friûl”, un grup di industriâi triestins al à screât a Udin un gjornâl cuotidian clamantlu “Messaggero Veneto”. In chê volte Carlo Tigoli, il diretôr, e ducj chei che lu àn finanziât, […] lei di plui +