Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

ATUALITÂT. Robis di… cjans!

............

In Lui o vevin scrit di vocabolaris e… cjans. Al jere sucedût che i antifurlans a vevin tacât ducj a sbregâsi la vieste in place pal “scandul” (secont lôr) dai 940.000 euro in 11 agns doprâts pal vocabolari di furlan, che po si è scuviert che «la some fin chi doprade no je par nuie esagjerade e che anzit par altris oparis si è lâts ben plui parsore di cheste cifre […], il cost medi dai lemis al è plui bas di che che al varès di jessi» (prof. Michele Cortellazzo, Universitât di Padue).
In paragon si scriveve che la Regjon Friûl-VJ invezit e veve a pene «garantît un finanziament di 1.020.000 euros par un intervent public complessîf di 1.200.000 euros par un gnûf cjanîl a Triest par ospitâ 150 bestiis: 8.000 euros par cjan. Cifre che e cresseve inmò di plui se si considere che il project financing complessîf al varès costât 3.750.000 euros, ven a stâi 25.000 euros par cjan. Insome plui di un milion di euros di bande de Regjon, parcè che – si lei tal comunicât stampe regjonâl – “Il rest al sarà in caric dal Comun di Triest e dai privâts” (ancjemò di cjatâ, ma intant il contribût lu si invie)».
Bon, savêso cemût che e je lade a finîle cul cjanîl? Come che al scrîf il Piero Rauber sul Piccolo dal prin di Març, «All’amo del project financing per il nuovo canile da tre milioni e 750mila euro d’investimento» costruito sul milione e 20mila euro di finanziamento regionale Aster sbloccato nel 2008 dall’assessore leghista alle Autonomie locali Federica Seganti «su cui l’amministrazione Dipiazza aveva agganciato un assegno da un milione e 200mila di contributo pubblico a fondo perduto, non ha abboccato nessuno. Troppo alto evidentemente, secondo gli operatori del settore, il rischio imprenditoriale, nonostante quell’incentivo.»
A contribût inviât, duncje, e cence intervent privât cui varaial di meti i bêçs che a restin? Induvinait…
Insumis, invezit di straçâ bêçs in timp di crisi par dopo taiâ dal 20% i fonts pe culture, al sarès miôr metiju li che si lavore no dome ben, ma adiriture a presit inferiôr di chel che si fâs di altris bandis!
REDAZION

L’EDITORIÂL / La multiculturalitât e valorize il grant e il piçul

Zuan Marc Sartôr
Belle époque. Un student di Gurize al viaze cul tren dilunc la Südbahn (la Ferade Meridionâl, di Viene a Triest). Al torne a cjase dopo agns di studi inte universitât de capitâl imperiâl. Al à frecuentât la preseade facoltât di fisiche, là che si davuelzin lis prestigjosis lezions dal professôr Jožef Štefan, il famôs fisic […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +

L'editoriâl / Macroregjons, une oportunitât di racuei

Alessandro Ambrosino - Graduate Institute, Gjinevre
Lis strategjiis macroregjonâls a son la ultime “invenzion” UE par favorî la cooperazion teritoriâl. Trê di cuatri si incrosin in Friûl Intai ultins agns, la Union Europeane si è sfuarçade in maniere vigorose di vignî dongje di plui ai citadins e – su la fonde di chest cambi di rote – e à ricognossût une […] lei di plui +