Sfuei Mensîl Furlan Indipendent
Archivi de Patrie

AI 32 DI MAI. Definizion: cuatri çatis, une code, miôr amì dal furlan

Bete di Spere

Lu san ducj: il miôr amì dal om al è il cjan.
Une bestie fedêl, che no si lamente mai, che si contente di pôc e che e je simpri legre distès. Un cence morbins, plen di voie di lavorâ, pront a protezi la sô cjase e la sô famee a ducj i coscj. In pocjis peraulis: un furlan cu la code.
Duncje, se il miôr amì dal om al è il cjan, e se il furlan al è un om, e se jo no mi ricuardi mâl cemût che a funzionin i silogjisims, il miôr amì dal om furlan al è il cjan, no? Cemût podaressie no jessi cussì, cuant che il cjan al somee cussì tant al furlan?
E invezit no, il miôr amì dal om furlan al è un altri. Un che al fâs tant pe famee, ma intun altri mût. Bon come un cjan, ma no di caratar. Al è lui: il purcit.
Il furlan al vûl cussì ben al purcit che i à ancje dedicât un sant: “Sant Andree, il purcit su la bree”.
E che il furlan lu preferissi al cjan al è clâr: baste cjalâ i proverbis che a son vignûts fûr de culture popolâr. Dal cjan si dîs che nancje lui al mene la code dibant (in sumis: al sarà ancje bon, ma miôr no fidâsi dal dut). Dal purcit, invezit, no si bute vie nuie. E il vêr furlan al sta mâl cuant che à di butâ vie alc: al cîr fin tal ultin di mateâ par riciclâ, comedâ, doprâ in cualchi altri mût. E ve li che al rive il purcit: dut di doprâ, baste fâ un pocje di fadie par lavorâlu. Sì: il purcit lu fâs sparagnâ e lavorâ tal stes timp: puedie esisti forsit une cualitât che il furlan al presee di plui?
In sumis: nol sarà un grant lavoradôr, nol sarà tant di compagnie (ma il furlan al sta ben ancje di bessôl), nol sarà bon di fâ la vuardie, ma intant il purcit al à fat pal Friûl une vore di plui di chel che al à fat il cjan. Al è merit so se Sant Denêl e Sauris a son famôs in Italie e ancje fûr.
E al è merit so ancje se a son nassûts doi plats che a son deventâts il simbul de nestre tiere: broade e muset e salam cul asêt.
Ce aial fat il cjan, invezit, pe gastronomie furlane? No mi risulte che al vedi inventât il frico.
No son dubis: il purcit al merete dute la nestre stime e la nestre amicizie, e ancje la nestre ricognossince di popul furlan.
Anzit: ce disaressiso di metilu parsore la nestre bandiere tal puest da la acuile?
Bete di Spere

(L)Int Autonomiste / Un popul cence plui vôs in cjapitul

Dree Valcic
✽✽ Nol è par fâmi i fats di chei altris, ancje se o sai benon che ae fin in ogni câs i efiets a saran deleteris ancje pai furlans, ma o crôt di interpretâ un sintiment slargjât e un dubi gjenerâl, domandantmi parcè che a àn fat colâ Draghi. No si trate, che al sedi clâr, […] lei di plui +

L’EDITORIÂL / LA PATRIE DAL FRIÛL AL SALON DAL LIBRI DI TURIN

Walter Tomada
Dai 19 ai 23 di Mai no steit a cirînus, noaltris de “Patrie”: no sarin in Friûl, ma inaltrò.◆ No, no lìn in esili. Pal moment, jessi “furlans che no si rindin” nol è ancjemò une colpe. Salacor lu deventarà, ma pal moment o podin jessi “libars di sielzi” di lâ in “mission”. Une mission […] lei di plui +